Edizione n.40 di mercoledì 18 ottobre 2017

Germignaga

Salute e malattia guardati con il cuore, conferenza a Germignaga

Interverranno Marta Scorsetti e Silvia Spagnoli dell’Istituto Clinico Humanitas

“Guardare con il cuore. Il mistero della salute e della malattia”. Questo il tema di una conferenza organizzata, per venerdì 20 ottobre (ore 21), nell’ex Colonia Elioterapica di Germignaga dal Centro culturale San Carlo Borromeo in collaborazione con la Prepositurale di Luino.
Parleranno Marta Scorsetti e Silvia Spagnoli, rispettivamente responsabile dell’Unità operativa di radioterapia e radiochirurgia e projet leader sperimentazioni cliniche nell’Istituto Clinico Humanitas.

Cai Germignaga, escursione in Val Leventina

Per domenica 8 ottobre il Cai Germignaga propone un'escursione in Val Leventina, Passo Forca (2112 metri), Lago Ritom (1851 metri), mete dalla grande attrattiva sia paesaggistica sia alpinistica.
Programma
Ore 7.30 partenza da Germignaga con mezzi propri per Deggio (via Fornasette, autostrada Bellinzona – Quinto); ore 8.30 inizio escursione, sosta verso le 12 per la colazione al sacco; ore 15 partenza per il rientro previsto per le ore 18/18.30.
Difficoltà E; durata 4.30/5 ore (con alternativa +1.30 ore soste escluse); dislivello + 900 metri circa (fino al passo); attrezzatura abbigliamento da escursione adeguato a stagione e quota. Iscrizioni entro il venerdì antecedente la gita. Indispensabile documento valido per l’espatrio.
Cai Germignaga ha sede in via Diaz (palazzo comunale); orario 21- 22.30 di ogni venerdì; tel/fax +39.0332.510.014; segreteria@caigermignaga.it 

Cai Germignaga in Val Calanca

Bocchetta di Pianca Geneura (metri 2366), nella bellissima Val Calanca, è la meta dell'escursione di domenica 24 settembre del Cai Germignaga. La partenza avverrà alle 7.15 da Germignaga con mezzi propri per Val Calanca (via Fornasette, autostrada Bellinzona – Roveredo); alle 9.15 inizio escursione con sosta verso le 12.30 per la colazione al sacco alla Bocchetta di Pianca Geneura e alle 16 partenza per il rientro previsto per le 18/18.30.
Difficoltà T2 (escursionistica), durata 3,15 + 2,30 ore, dislivello + 1150 metri circa, attrezzatura/abbigliamento da escursione adeguati a stagione e quota; documento valido per l’espatrio.
Iscrizioni entro il venerdì antecedente la gita. Info Cai Germignaga, via Diaz (pal. Comunale) dalle 21 alle 22.30 dei venerdì, tel./fax : +39.0332.510.014 o segreteria@caigermignaga.it.

Germignaga, festa del Gim e del mondo solidale

"Èqua la festa" il 26 e 27 al Boschetto
dalla locandina

Ha titolo "Sostegno a distanza per uno sviluppo locale" l'edizione 2017 di "Èqua la festa", appuntamento di fine estate del Gruppo impegno missionario. L'iniziativa si svolgerà sabato 26 e domenica 27 agosto al Boschetto di Germignaga e abbraccerà le tematiche solidali portate avanti dal Gim: commercio equo, consumo critico, rispetto per l’ambiente, intercultura... Verranno illustrate anche le esperienze in cui il sostegno a distanza si è dimostrato stimolo per lo sviluppo delle comunità locali, favorendo la permanenza delle persone nei propri territori, e si parlerà della sponsorizzazione di studenti nelle scuole (anche quelle tecniche e professionali), di microcredito, finanziamento per l’avvio di piccole realtà economiche di agricoltura, pesca, commercio.
Ritmi etnici il sabato sera, proposti da ragazzi approdati in Italia che superano le barriere con il linguaggio universale della musica, mercatini e ad altre attività la domenica pomeriggio con la possibilità di partecipare allo spettacolo di un ex ragazzo di strada di Bucarest che, grazie all’arte del clown e del circo, si è costruito un futuro.
Altri protagonisti della due giorni saranno i piatti etnici e della tradizione, con ingredienti del commercio equo. Verranno presentate nell'occasione alcune novità del Gim, che da poco ha costituito una cooperativa sociale con TerrediLago e preannuncia una sorpresa.

Ritardi consegna corrispondenza nel varesotto, Bertocchi: «Segnali preoccupanti»

Per il consigliere provinciale «Comuni, imprese e cittadini meritano un servizio adeguato anche ad agosto o a Natale»

«Le segnalazioni di pesanti ritardi nella consegna della posta che ci sono arrivate in queste giorni, le ultime quelle di Besozzo e Germignaga, destano preoccupazione. Per questo motivo come Provincia abbiamo chiesto una nuova convocazione del Tavolo provinciale con Poste Italiane, affinché vengano fornite tutte le spiegazioni in merito ai disservizi registrati».
Così il consigliere provinciale di Varese e capogruppo di maggioranza Paolo Bertocchi ha reagito di fronte al ripetersi di un disagio diffuso nel servizio postale.
«Grazie all’iniziativa della Provincia di Varese e con l’aiuto di Regione e Prefettura - ha proseguito Bertocchi - siamo già riusciti questa primavera a riportare il servizio postale agli standard adeguati, eliminando i disagi per cittadini, imprese e comuni. Tuttavia in queste settimane di agosto il problema si è ripresentato, a quanto pare di nuovo causato da problemi di sostituzione del personale in ferie. Da qui la nostra preoccupazione».
A giudizio di Bertocchi, «se questo tema non viene affrontato in maniera strutturale, il rischio concreto è di ritrovarsi con problemi ancora più pesanti durante i mesi invernali e le festività natalizie, quando i numeri delle consegne sono decisamente maggiori. Provincia di Varese su questo fronte è stata sempre in prima linea, poiché consideriamo l’efficienza del servizio postale un elemento utile per la coesione territoriale e fondamentale per il tessuto socio economico».
La posizione della Provincia di Varese è chiara: «Ogni mancanza di questo servizio – ha concluso Bertocchi - va a penalizzare cittadini, imprese e comunità, in modo particolare quelle medio piccole. Per questo ribadiamo il concetto già espresso qualche mese fa ai referenti di Poste Italiane e a tutti gli operatori postali privati: Provincia di Varese non ha alcuna intenzione di abbassare la guardia finché davvero tutti i Comuni e tutti i cittadini possano godere di un servizio adeguato». 

Germignaga, Giorgio Garagnani non c’è più

Giorgio Garagnani in una foto Fazio

L’ex sindaco di Germignaga Giorgio Garagnani non c’è più. S’è spento nella notte tra domenica 23 e lunedì 24 luglio 2017. Avrebbe compiuto 81 anni il prossimo 26 agosto. Il sindaco Marco Fazio ha proclamato il lutto cittadino per la giornata di mercoledì 26 luglio, quando saranno celebrati i funerali. Il corteo funebre partirà dal municipio, dove sarà allestita la camera ardente.
Garagnani è stato sindaco di Germignaga dal 1971 al 2004, ma anche consigliere provinciale e amministratore della Comunità Montana Valli del Luinese. Nell'immagine, Garagnani in una foto Fazio.

Ritrovato in Ucraina il piastrino di un soldato disperso, apparteneva al germignaghese Luigi Simonetto

Nemmeno lui, come il fratello Ferruccio, ritornò dalla Campagna di Russia – Lo ha recuperato un alpino di Abbiategrasso

Acquista un senso particolare, quest'anno, la celebrazione a Germignaga (Varese) della Festa dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate. Nel programma della manifestazione, organizzata in collaborazione con il Gruppo Germignaga della Sezione Associazione Nazionale Alpini di Luino, è stata infatti inserita una cerimonia di particolare rilievo.
Il motivo è stato spiegato dall’assessore all’Istruzione Marco Fazio. «Negli scorsi mesi è giunta in Comune la segnalazione del ritrovamento, da parte dell’alpino Antonio Respighi della Sezione ANA di Abbiategrasso, del piastrino di riconoscimento del soldato Luigi Simonetto, nato il 15 febbraio 1921, disperso dal 1943». Il piastrino, in condizioni di conservazioni non perfette, ma comunque leggibile, è stato recuperato nel corso di un viaggio tra l'Ucraina e la Russia, nei pressi della città di Miciurinsk.
Fatti gli accertamenti del caso, e dopo aver informato i fratelli del soldato Stella, Armando e Attilio residenti a Germignaga e Nico a Cremenaga, l'amministrazione comunale si è attivata per celebrare degnamente il "ritorno a casa" di questo soldato. «Confidiamo, aggiunge Fazio, in una larga partecipazione della popolazione e, per questo, abbiamo pensato di effettuare in modo ufficiale, nella casa di tutti i germignaghesi, la riconsegna del piastrino».
Domenica 4 novembre, alle ore 9.30, nella sala consiliare del municipio, si terrà una breve commemorazione e la riconsegna ai familiari di questa "reliquia" insieme con una pergamena. Alle ore 10.15 il corteo si recherà al cimitero per l'omaggio ai caduti. La cerimonia si concluderà alle ore 11 con la messa celebrata dal parroco di Germignaga.
La famiglia Simonetto è molto stimata e benvoluta nella comunità germignaghese. Tutti originari di Annone Veneto, sono arrivati il 7 dicembre 1937 a Montegrino Valtravaglia e successivamente, il 25 marzo 1943, si sono trasferiti a Germignaga. La guerra li ha travolti con un doppio dolore. «Oltre Luigi, ricorda il sindaco Prato, non è più tornato dalla Russia nemmeno il fratello Ferruccio». 

Germignaga, in porto il recupero dell'ex Colonia elioterapica

Elioterapica

A Germignaga (Varese) procede il recupero dell’ex Colonia elioterapica, uno dei rarissimi se non l'unico esempio del genere affacciato sull'acqua. L’impresa Edilceresio di Porto Ceresio ha concluso entro la prevista scadenza di un anno il primo lotto iniziato nell’aprile 2011 e venerdì 27 luglio l’assessore regionale Raffaele Cattaneo ha effettuato un sopralluogo insieme con il sindaco Enrico Prato e il presidente della Comunità montana Valli del Verbano Marco Magrini.
I lavori riguardavano il consolidamento delle strutture esistenti, compreso il rifacimento di alcune solette e il rinforzo di altre con fibre di carbonio, oltre alla posa di un pontile per l'approdo temporaneo di natanti.
La spesa (650.000 euro) è stata finanziata per 400.000 euro dall’amministrazione germignaghese e per i restanti 250.000 da Regione Lombardia.
Al completamento della “Bislunga”, come da alcuni anni in qua l’edificio viene chiamato per le sue linee slanciate nel lago simili a una nave attraccata ad un molo, mancano due altri lotti di lavori. Il primo è calcolato in 250mila euro a carico dell’amministrazione comunale e consentirà la sistemazione dei viali e l'ampliamento del pontile di approdo, in linea con la realizzazione della linea navigabile Locarno-Ticino-Venezia. Nel 2013 infine il terzo lotto chiuderà la partita con le finiture degli impianti, indispensabili per usare il fabbricato come sala polivalente pubblica.
Le opere in progetto sono state eseguite previa autorizzazione della Soprintendenza ai Beni Architettonici. Le coloriture ricalcano quelle originali e il recupero ha rispettato anche una peculiarità della struttura, la pendenza del pavimento verso il lago come il viale di accesso.

Germignaga, soccorrono per gli allagamenti, scoprono lavoratori irregolari ammassati in un capannone

L'acqua del torrente Margorabbia stava diffondendosi sempre più nella zona e la pioggia imperversava. I vigili del fuoco e le forze dell'ordine erano al lavoro per soccorrere persone, controllare e mettere in sicurezza laddove necessario lungo il percorso del fiume. La macchina dell'intervento era in piena attività tra Germignaga, la parte piana di Montegrino e quel territorio difficile tutt'attorno, costellato di capannoni. E qui mercoledì 5 novembre i vigili del fuoco hanno fatto una scoperta che non si attendevano.
Intervenuti in un capannone della zona industriale hanno trovate nascoste all'interno diciassette persone che vivevano dentro. Mentre l'acqua saliva tra le loro gambe, non avevano chiesto aiuto per paura di essere scoperti. Nel gruppetto, dodici sono italiani provenienti dalla Basilicata. Reclutati da un corregionale, erano lì ammassati in condizioni di precarietà, rimediata una sorta di dormitorio/vettovagliamento da cui partivano per andare a lavorare oltre confine. Una storia di illegalità nata nella povertà, nel piegarsi a condizioni non solo di precarietà ma anche di pericolo per tenersi un lavoro. Indagini in corso da parte di Polizia e Guardia di finanza. 

Germignaga, serata per l'ottantesimo del Cai

Venerdì 28 novembre, in occasione del suo ottantesimo, il Cai Germignaga organizza una serata al Cinema Teatro Italia con Matteo Della Bordella, astro nascente dei Ragni di Lecco. Tema dell'incontro, le recenti spedizioni dell'alpinista in Patagonia, Pakistan e Groenlandia. Alle 21, con partecipazione libera fino esaurimento posti.

Condividi contenuti