Edizione n.32 di mercoledì 19 settembre 2018

Cronache

Montegrino, inaugurazione della Baita Alpini e Gruppo Musicale Boschese

Tra sabato 22 e domenica 23 settembre previsti anche mostra e spettacolo sui 33 Caduti nella Grande Guerra
Baita Alpini e Gruppo Musicale Boschese

A Bosco Valtravaglia, nelle giornate del 22 e 23 settembre 2018, sarà inaugurata la nuova Baita Alpini e Gruppo Musicale Boschese. La struttura è stata costruita in località campo sportivo dai componenti delle due associazioni. L'evento sarà accompagnato anche dallo spettacolo teatrale “Ragazzi di Bosco e Montegrino alla Grande Guerra”.
Durante i festeggiamenti sarà presentata una mostra su quei tragici avvenimenti di un secolo fa attraverso pagine tratte da “La Domenica del Corriere” e anche una ricerca sui caduti montegrinesi della Grande Guerra 1915-18. «Fin dal 2015, spiega il presidente delle due associazioni Sergio De Vittori, il Gruppo Alpini, su idea del socio Vittorio Larocca, in collaborazione con l’associazione culturale Amici di Giovanni Carnovali detto il Piccio, ha voluto dare un volto ai 33 Caduti del Comune di Montegrino, narrando storie, aneddoti e luoghi dei loro combattimenti, attraverso quattro spettacoli teatrali, con spunti dialettali di Carlo Parini».
Il Gruppo Alpini Bosco–Montegrino si è ricostituito nel 2006 e in questi dodici anni, come ricorda il presidente, «non ha smesso di incrementare il numero di iscritti e di lavorare sul territorio, partecipando a raccolte fondi per i bisognosi e terremotati, nonché aiutando anche qualche anziano del paese». La collaborazione tra le due associazioni si è ulteriormente rinsaldata da quando il Gruppo Musicale Boschese è diventato parte integrante della Sezione Alpini di Luino in qualità di fanfara sezionale.
PROGRAMMA
*sabato 22 settembre (ore 15 nella Baita): apertura di una mostra sulla fine della prima Guerra Mondiale attraverso fascicoli della “Domenica del Corriere” e un'esposizione della documentazione sui Caduti montegrinesi e di fotografie sulla costruzione della Baita degli Alpini; in serata (ore 21), nel Teatro di Montegrino, spettacolo “Ragazzi di Bosco e Montegrino alla Grande Guerra”.
*domenica 23 settembre: raduno degli alpini in Largo Ca’ d’Maté a Bosco Valtravaglia (ore 9) e inizio della sfilata e del cerimoniale alpino; seguirà messa nel campo sportivo (ore 10,30) con benedizione del gagliardetto (in caso di maltempo nella chiesa parrocchiale) e poi inaugurazione della Baita; quindi (ore 12,30) rancio alpino aperto a tutta la popolazione. Nel pomeriggio (ore 15,30) concerto del Gruppo Corale ANA-Arnica di Laveno Mombello. 

Diocesi più grande del mondo, visite pastorali ieri e oggi

Nell’immaginario collettivo di molti di noi, nati nel secolo scorso, le parole “vescovo”- “cardinale” evocano una figura imponente, solenne, che incede tra il popolo festante con la mitria in testa, il bastone pastorale, la croce d’oro sulla casula adorna di ricami, il pallio, l’anello. Reminiscenze della nostra cresima, quando a catechismo si studiavano a memoria le domande/risposte che riassumevano tutta la dottrina cristiana, cominciando da: “Chi è Dio?” e proseguendo con “Perché Dio ci ha creati?” per finire con i “4 Novissimi” e i “Peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio”, che a me, bambina, davano un’angoscia, ma un’angoscia…
Le catechiste – a mali estremi, estremi rimedi – per farci studiare tutto il libretto canonico, insinuavano: «Guardate che il vescovo vi farà delle domande, per vedere se siete pronti a fare la cresima!». E noi, con i genitori che ci stavano addosso (obbedienza, dovere, rispetto le parole d’ordinanza!), ci davamo da fare per arrivare presto in fondo al libretto, spinti dal sacro terrore di essere interpellati quel giorno e di fare una brutta figura in chiesa, davanti a tutti! I tempi erano quelli. Un vescovo era del tutto al di fuori del nostro piccolo mondo. In attesa di incontrarlo in quell’unica occasione della nostra fanciullezza, il solo nominarlo ci incuteva timore e rispetto.
A questo proposito c’è un episodio che mi è tornato alla mente dopo “l’incontro” di martedì scorso 25 luglio.
UN’AUTO BLU E UN UOMO IN CANOTTIERA
Un pomeriggio estivo, nel prato vicino a casa, a Piano di Bisuschio, il mio papà Giuseppe falciava l’erba per i conigli e io rincorrevo farfalle. A un certo punto si era materializzata accanto a noi un’enorme automobile blu. L’autista, in livrea, col cappello, aveva abbassato il finestrino per chiedere informazioni su come arrivare a Viggiù. (Non c’era il tomtom ed evidentemente aveva inforcato la strada sbagliata, prendendo quella allora sterrata che scendeva da Brenno, anziché la statale più agevole dal centro di Bisuschio). Contemporaneamente anche il finestrino dietro era sceso piano piano mostrando l’ospite illustre: un vescovo con lo zucchetto viola e la faccia bonaria.
Lo vedo ancora, il papà, con la falce in mano, sudato, in canottiera… Resosi conto del personaggio seduto nell’auto, si era scusato, imbarazzatissimo, per essere così «poco presentabile» e aveva detto «Eccellenza» nell’indicare la strada che gli veniva richiesta…
Il mio papà, del 1914, che aveva frequentato solo fino alla quinta elementare e che faceva l’operaio in ferrovia, sapeva con quale titolo rivolgersi ad un "Vescovo". Aveva saputo far fronte - per quanto imbarazzato e intimidito - ad una situazione così insolita. Ed aveva anche baciato l’anello che gli veniva porto dal finestrino. Una cosa inaudita. Da raccontare a destra e a manca alle compagne di giochi, con l’eroe del momento, che guarda caso, era un mio familiare. E il vescovo? Uno di noi. Dovevate essere lì, signore catechiste! Alla mano, sorridente, che ti mette a tuo agio!
Sono poi passati gli anni e il vescovo si è fatto sempre più vicino alla gente… Del resto, come potrebbe essere altrimenti, con un Papa che si chiama “Francesco” e che si rivolge a noi (io c’ero, quel giorno, in Piazza San Pietro!) con un semplice «Buonasera?».
SOLO AL PARCHEGGIO
E poi ecco l’altro recentissimo incontro… Avvisata dalle pie amiche la sera del 24 luglio, vengo a conoscenza che di prima mattina, il giorno dopo, sarebbe giunto in paese monsignor Delpini, in pellegrinaggio personale nelle terre ambrosiane, prima del suo insediamento ufficiale come arcivescovo di Milano.
Non faccio parte di alcuna delle associazioni che gravitano attorno alla parrocchia - Caritas, casalinghe, Terza età, Gruppo Missionario…- e non ho dimestichezza di incontri ravvicinati di codesto tipo, ma la buona creanza di accogliere al meglio un ospite, di ricambiare almeno con la presenza il dono di una visita, nonché la curiosità di giudicare l’evento con i miei stessi occhi, hanno fatto sì che quel mattino accantonassi ogni altro impegno e mi precipitassi verso la chiesa. Arrivata molto in anticipo (odio arrivare di corsa e all’ultimo momento) al parcheggio dietro l’oratorio, mentre chiudo la mia utilitaria, vedo poco distante una figura maschile – pantaloni e camicia nera – che fa altrettanto con la sua. Si gira e si avvia di buon passo verso la chiesa.
Metto a fuoco un attimo… Riguardo con attenzione… Mi viene un dubbio. Poi allibita devo convenire: è il nostro nuovo arcivescovo. Ma non doveva arrivare con Don Giampietro? Ma ha guidato lui? Ha trovato la strada da solo? E ha parcheggiato zitto zitto, senza dare tempo ad alcuno di andargli incontro e di riverirlo come conviene se non come persona – data la modestia – almeno per la carica che ricopre?
Intanto arriva e posteggia beato – siamo in largo anticipo sull’appuntamento – l’amico Marco. Lui sì, ha incarichi importanti in Parrocchia. Gli indico la figura che si sta allontanando.
«Hai visto che è già arrivato?»
«Chi?»
«L’Arcivescovo!»
«Ma come… quello… è Lui?». E Marco si fionda dietro a monsignore, preoccupato di averlo trovato al parcheggio, solo, senza nessuno che lo attendesse con un minimo di convenevoli. Siamo una parrocchia piccola, ma sappiamo cos’è l’accoglienza e la gratitudine. E un’occasione simile, quando ci ricapita?
Io taglio da dietro, ed entro in chiesa dalla porticina laterale. Un buon numero di donne occupa già le panche girate per l’occasione verso l’altare della Madonna. Vorrei avvisarle dell’arrivo anticipato per un’accoglienza un po’ gioiosa, un applauso, ma Monsignore mi precede e va diritto all’altare.
Si inginocchia e prega. Intanto qualcuno l’ha riconosciuto e passa parola. Non sto a dire la faccia dei presenti. Penso uguale alla mia là al parcheggio: incredula e stupita.
Quando si rivolge a noi, il nostro Arcivescovo mantiene il profilo semplice e alla mano con il quale si era presentato… Saluta tutti i convenuti con amabilità e sorriso schietto. Parla del suo nome, Mario, che a suo dire è semplice e comune. Ma, se spostiamo l’accento, da Màrio a Marìo, abbiamo invece il corrispettivo maschile del nome più amato in ogni luogo della terra: Maria. E scusate se è poco.
STRETTA DI MANO E PIETÀ RONDANINI
Se n’è andato lasciandoci l’immaginetta della Pietà Rondanini e stringendo tutte le mani.
Rifletto su quella scultura incompiuta di Michelangelo: non è perfetta, monumentale, algida, come la Pietà in San Pietro. Non ci lascia a bocca aperta per la maestria dell’autore, la bellezza suprema e la raffinatezza di ogni dettaglio; è un gruppo marmoreo ancora grezzo, esteticamente poco bello, ma suscita emozioni come pochi altri. Quel Cristo che scivola nell’abbraccio della Madre e Maria che un po’ lo abbraccia, un po’ lo sorregge, un po’ si aggrappa a Lui…
E’ un’immagine drammatica, ma nello stesso tempo dolce e profondamente umana. E la dice lunga sul nuovo arcivescovo, che l’ha scelta e ha voluto consegnarcela di persona, prima che gli impegni, a Milano, diventino pressanti e inderogabili. Chissà se tornerà a trovarci presto.
Reduci da un incontro così familiare e alla mano, la prossima volta l’attenderemo in pompa magna. Del resto, “Eccellenza”, quando si è designati alla Diocesi più grande del mondo, quando un Papa come Francesco L’ha ritenuto degno ed adeguato al compito enorme che L’aspetta - nonostante la sua naturale ritrosia, - qualche concessione al protocollo dovrà pur farla!
Tiziana Zucchi 

Germignaga, "Èqualafesta 2017" al Boschetto

Boschetto Germignaga

Sabato 26 e domenica 27 agosto il parco Boschetto di Germignaga accoglierà "Èqualafesta 2017". Come sempre l'annuale festa del Gruppo impegno missionario proporrà dibattiti, piatti con prodotti "sostenibili", musica, spettacoli per i più piccoli, mercatini e momenti di convivialità.

Germignaga, festa del Gim e del mondo solidale

"Èqua la festa" il 26 e 27 al Boschetto
dalla locandina

Ha titolo "Sostegno a distanza per uno sviluppo locale" l'edizione 2017 di "Èqua la festa", appuntamento di fine estate del Gruppo impegno missionario. L'iniziativa si svolgerà sabato 26 e domenica 27 agosto al Boschetto di Germignaga e abbraccerà le tematiche solidali portate avanti dal Gim: commercio equo, consumo critico, rispetto per l’ambiente, intercultura... Verranno illustrate anche le esperienze in cui il sostegno a distanza si è dimostrato stimolo per lo sviluppo delle comunità locali, favorendo la permanenza delle persone nei propri territori, e si parlerà della sponsorizzazione di studenti nelle scuole (anche quelle tecniche e professionali), di microcredito, finanziamento per l’avvio di piccole realtà economiche di agricoltura, pesca, commercio.
Ritmi etnici il sabato sera, proposti da ragazzi approdati in Italia che superano le barriere con il linguaggio universale della musica, mercatini e ad altre attività la domenica pomeriggio con la possibilità di partecipare allo spettacolo di un ex ragazzo di strada di Bucarest che, grazie all’arte del clown e del circo, si è costruito un futuro.
Altri protagonisti della due giorni saranno i piatti etnici e della tradizione, con ingredienti del commercio equo. Verranno presentate nell'occasione alcune novità del Gim, che da poco ha costituito una cooperativa sociale con TerrediLago e preannuncia una sorpresa.

Porto Ceresio, ragazzi a scuola di protezione civile

Il corso continua fino al 26 agosto nel Parco Nazionale dello Stelvio

A Porto Ceresio (Varese) una ventina di ragazzi fra 14 e 17 anni hanno partecipato – dal 18 al 20 agosto 2017 - al campo scuola “Anch’io sono la Protezione Civile 2017”, organizzato dal Nucleo Mobile di Pronto Intervento della Protezione Civile Varese e Valceresio e autorizzato dal Dipartimento Nazionale della Protezione Civile e da Regione Lombardia.
«Il corso – spiega il responsabile Paolo Cazzola – offre a ogni partecipante la possibilità di entrare a far parte dei Cadetti e di dare il proprio contributo al servizio nazionale come volontario del Nucleo Mobile di Pronto Intervento». Argomenti degli incontri erano gli aspetti logistici (con la costituzione di campo base in area di emergenza) e il rischio idrogeologico.
All’iniziativa sabato 19 agosto ha aderito anche la Polizia di Stato di Varese. Sono intervenuti la dirigente della Divisione polizia anticrimine della questura Patrizia Coda, il responsabile della Polizia postale Daniele Sarto e personale del Gabinetto provinciale polizia scientifica.
Dopo Porto Ceresio il corso prosegue per altri sei giorni - dal 21 al 26 agosto - nel Parco Nazionale dello Stelvio. Qui vengono affrontate le tecniche di ricerca dispersi in valanga e superficie, la topografia, i temi della tutela e difesa ambientale.
Il campo scuola è aperto solo ad aspiranti Cadetti, intenzionati a proseguire il proprio cammino di servizio. I costi dell’iniziativa sono in parte a carico del Dipartimento Nazionale e in parte a carico dell’associazione di volontariato organizzatrice. 

Fiamme gialle di Luino, cambio al vertice

Stringile (sinistra) e Potenza

Il tenente Felice Stringile è il nuovo comandante della Compagnia delle Fiamme gialle di Luino. Subentra al capitano Alberto Potenza, che dopo cinque anni di attività in territorio verbanese passa nel Nucleo di polizia tributaria di Vicenza.
Laurea in Criminologia e studi giuridici forensi e anche in Giurisprudenza, il tenente Stringile proviene dal Gruppo Pronto Impiego di Roma. Nel passaggio di consegne avvenuto il 3 agosto 2017 alla presenza del comandante provinciale colonnello Francesco Vitale, ha dichiarato di volersi collocare sulla scia di quanto fatto dal suo predecessore e di concentrare l’attenzione del reparto nella lotta non solo a evasione, elusione e frodi fiscali, ma anche a criminalità economica e finanziaria, traffici illeciti e violazioni nella spesa pubblica.
Nella foto: il tenente Felice Stringile (a sx) e il capitano Alberto Potenza. 

Benvenuto, Riccardo

Bosco di Montegrino, presentazione del volume “Radici e poesia” di Fermo Formentini

dalla locandina
Formentini e la moglie Alda, 2012

Domenica 17 settembre, alle 16, nella chiesa parrocchiale dell’Annunciazione di Bosco Valtravaglia, sarà presentato il volume “Radici e poesia” di Fermo Formentini, curato da Carolina De Vittori. Accompagneranno proiezione di immagini e, al termine, apertura straordinaria delle Sale del presepe e delle Natività.
«La pubblicazione di un testo su Formentini è il doveroso riconoscimento per quanto l’uomo e l’artista hanno fatto e lasciato per il paese natale, Bosco, borgo del Comune di Montegrino Valtravaglia, nella provincia di Varese», spiega Carolina De Vittori. «Formentini, diventato famoso come l’autore del Presepe di radici a partire dagli anni novanta del secolo scorso, merita di essere ricordato come artefice di un’opera unica nel suo genere, alla quale ha dedicato passione e fede che hanno riempito in modo quasi totale gli anni della sua vita, al termine dell’attività di lavoro.
«Il volume a lui dedicato mette in evidenza che l’estro del personaggio non si è esaurito nella ricerca delle radici boschive, ma ha trovato modo di esprimersi anche nel piacere di una pittura semplice ed intimista, come raccontano i numerosi dipinti che riempiono le pareti della sua casa e, con vivace ispirazione, nella stesura di poesie in dialetto o in italiano».
Il volume che l’associazione culturale Amici di Giovanni Carnovali detto il Piccio, di cui Formentini è stato socio onorario, dedica a lui e alla moglie Alda Ferrari, viene pubblicato dopo la scomparsa dell’artista, avvenuta il 24 luglio 2015. Le opere sono divise in due parti. La prima relativa al Presepe di radici cui si sono aggiunte negli ultimi anni le Natività; la seconda alle poesie.
I testi sono corredati da fotografie scelte fra vecchi scatti in bianco e nero per illustrare i racconti legati al passato e a colori per il presente; alcune sono tratte da dipinti dello stesso Formentini, altre dall’archivio della famiglia o di amici che hanno voluto collaborare all’arricchimento del testo.
«Non possiamo non ricordare, aggiunge De Vittori, che la stampa di questo volume è stata resa possibile grazie al generoso legato che Fermo Formentini ha lasciato in testamento ai “Sostenitori del presepe di radici” dell’associazione Amici del Piccio, per la cura e la divulgazione delle sue opere e del suo presepe».
Ai partecipanti alla serata del 17 settembre sarà offerto in omaggio il volume. 

Gavirate, Alzheimer Fest, esordio speciale sul lungolago

In programma dal 1° al 3 settembre con incontri ed esperienze

Tre giorni di incontri con ospiti ed esperienze per la prima "Alzheimer Fest", che si svolgerà sul lungolago di Gavirate e sarà ciò che preannuncia, una festa nazionale dell’Alzheimer.
Festa/Alzheimer è binomio che parrebbe un contrasto, in realtà aiuterà a comprendere come dimenticare non impedisca alle persone di continuare la propria esistenza. «Una festa per celebrare i loro eroici familiari e tutti coloro che operano affinché le persone con demenza siano riconosciute come persone, non soltanto e unicamente come malati. Non solo oggetti di cura, ma protagonisti di vita», sottolineano gli organizzatori.


L'evento vede il sostegno di associazioni, imprese, istituzioni locali, regionali, nazionali e ha tra gli organizzatori Il Corriere della Sera e l’Associazione italiana di psicogeriatria quale partner scientifico.
Accompagneranno le giornate le opere dello scultore Maurizio Cattelan e il simbolo della festa, il giocoso Mister Alzeimer, che ha voluto dimenticare la sua H, ideato dall’artista francese Clet Abraham.
«Le persone con demenza e i familiari che verranno all’Alzeimer Fest - spiegano ancora i promotori - possono contare su un’organizzazione che vede al primo posto il loro benessere. All’Alzeimer Fest ci piace la vita bella (e dunque anche comoda). Servizio di bus navetta per gli spostamenti dall’albergo ai luoghi dove si svolgono gli eventi, centro nursery con medico e operatori a cui rivolgersi per qualsiasi difficoltà, personale specializzato pronto a intervenire e risolvere problemi nei vari momenti/luoghi della manifestazione. Andare all’Alzeimer Fest non significa aggiungere un problema alla lista (già lunga) delle difficoltà quotidiane. All’opposto: vuol dire aggiungere un po’ di serenità e tornare a casa ricaricati».
Info: www.alzheimerfest.it; Pro Loco Gavirate lungolago Isola Virginia, 8; Iat piazza Dante, 1 – Gavirate, telefono 0332 744.707. (Altre da Gavirate in Sezione Sport e non solo). (Altre da Gavirate in Sezione Sport e non solo).

Festival della comicità, verso la conclusione

Per il direttore artistico Francesco Pellicini è stata «un’edizione da record»
Francesco Pellicini

Ancora due appuntamenti da rispettare e poi anche per il 2017 il Festival del teatro della musica e della comicità andrà in archivio. Sono, rispettivamente, lo spettacolo, tra un mese a Lovere, sul lago di Iseo, con Saule Kilate e le fontane illuminate in “Il sogno di una notte di mezza estate” e, presumibilmente il 24 settembre, l’omaggio a Francesco Guccini con Stefano Orlandi a Germignaga. Una data, quest’ultima, che recupera lo show annullato per lutto cittadino in seguito alla scomparsa dell’ex sindaco Giorgio Garagnani.
L’undicesima edizione della rassegna, conclusasi il 7 agosto a Caldé con “I Delfini d’acqua dolce”, sarà ricordata, a giudizio del suo organizzatore Francesco Pellicini, «come una delle più belle e riuscite iniziative della sua lunga storia». Il tour, partito il 17 giugno a Canzo, ha in diciotto piazze coinvolto oltre cinquanta big della musica e della comicità e richiamato oltre 15 mila spettatori.
«Ogni anno – commenta Pellicini - organizzare diviene sempre più difficile per tante ragioni, ma poi il successo, il calore, l’entusiasmo delle piazze è talmente straripante che ti ripaga sempre di tutto. Non posso non citare il record di presenze di sempre a Luino per una manifestazione con il concerto di Ruggeri, gli ottimi concerti di Conte, Treves, gli eventi culturali di Sgarbi, davvero molto molto belli, il teatro comico di strada, la comicità classica. Oggi il festival è una realtà ben più nota rispetto al bacino di utenza a cui si riferisce. Mi scrivono da tutta Italia per partecipare e non nego che la cosa mi faccia assai piacere!».

Condividi contenuti