Edizione n.16 di mercoledì 22 maggio 2019

Angera

Turismo in Lombardia, 880.000 euro a 18 progetti

Sul lago Maggiore finanziato un progetto di Angera
Angera, oasi

C'è anche un progetto di Angera, una delle località più belle del lago Maggiore, tra i 18 progetti finanziati con 880.000 euro complessivi dalla Regione nell'ambito del bando 'Viaggio #inLombardia'. In totale, sono 59 le domande pervenute agli uffici regionali: 24 per la Linea Borghi, 35 per la Linea Aggregazioni.
Tra le 18 iniziative selezionate, 9 fanno parte della Linea Borghi (373.960 euro) riservata a comuni lombardi con popolazione inferiore o pari a 15.000 abitanti; altri 9 invece della Linea Aggregazioni (506.039 euro), dedicata a partenariati composti da almeno due enti locali lombardi.

Questi, in dettaglio, i progetti suddivisi per provincia e i relativi contributi assegnati.
LINEA BORGHI
*ANGERA (VA), progetto 'Angera hub del Lago Maggiore', contributo 42.210 euro;
*CADORAGO (CO), progetto 'Cadorago: arte in strada', contributo 37.100 euro;
*CANONICA D'ADDA (BG), progetto 'Alla scoperta dei misteri dell'Adda', contributo euro 50.000;
*GEROLA ALTA (SO), progetto 'Le valli del Bitto, una montagna da mangiare e da vivere', contributo 49.000 euro;
*Gravedona E Uniti (co), progetto 'Semplicemente autentici', contributo 35.000 euro;
*PIURO (SO), progetto 'Storie ed emozioni da vivere insieme', contributo 41.650 euro;
*SAN BENEDETTO PO (MN), progetto '#Escape#discover#taste', contributo 35.000 euro;
*TOSCOLANO MADERNO (BS), progetto 'Gardagusto', contributo 49.000 euro;
*ZIBIDO SAN GIACOMO (MI), progetto 'Percorsi del gusto e del paesaggio lungo i Navigli di Leonardo', contributo 35.000 euro.

LINEA AGGREGAZIONI
*BERGAMO: PROGETTO 1, Scanzorosciate, Torre De' Roveri, Albano Sant'Alessandro, Chiuduno, Seriate. Progetto "Terre del Vescovado: taste, discover, visit", contributo 52.500 euro; PROGETTO 2, San Pellegrino Terme, Averara, Cusio, Dossena, Zogno: Progetto "Valbrembana: Welcome to the sparkling valley", contributo 73.500 euro; PROGETTO 3, Comunità Montana di Scalve, Ardesio, Gandellino, Gromo, Parre, Valbondione, Valgoglio: progetto "Valseriana e Val di Scalve: due valli, un'ospitalita' unica", contributo 73.600 euro; PROGETTO 4, Cisano Bergamasco, Sotto Il Monte Giovanni XXIII, Torre De' Busi: Progetto "Sulle orme del Papa Buono", contributo 46.757,60 euro.
*COMO: PROGETTO 1, Tremezzina, Bellagio, Menaggio e Varenna (Lc): progetto "Lake Como Christmas, light in the world", contributo 57.820 euro; PROGETTO 2, Centro Valle Intelvi, Alta Valle Intelvi: progetto "Il ponte verde tra i due laghi", contributo 43.835,25 euro.
*LECCO: Unione di Bellano e Vendrogno, Taceno, Parlasco: progetto "Andrea Vitai e i borghi degli artisti", contributo 70.000 euro.
*MANTOVA: Sabbioneta, Unione dei Comuni Terra dei Gonzaga, Pomponesco: progetto "Visit sabbioneta&more", contributo 44.191,60 euro.
*SONDRIO: Unione dei Comuni della Valmalenco, Unione dei Comuni di Spriana e Torre di Santa Maria, Chiesa in Valmalenco, Lanzada, Caspoggio, Torre Santa Maria, Spriana: progetto 'Per borghi e contrade in Valmalenco: viaggiare per ricordare', contributo 43.835,25. 

Angera, festa medievale alla Rocca

Domenica 1 ottobre giochi, botteghe e visite alle antiche sale e al Museo della Bambola e del Giocattolo
Dalla locandina

Accampamenti, sbandieratori, menestrelli e cantastorie, domenica 1° ottobre 2017, alla festa della Rocca di Angera, l’antico maniero dei Borromeo affacciato sulla sponda lombarda del lago Maggiore. Per l'intera giornata i visitatori potranno partecipare a giochi e tornei, misurarsi con il tiro con l’arco, assaggiare l’antica bevanda dell'idromele, ascoltare le indicazioni dell'erborista o le divinazioni della cartomante. Le botteghe degli artigiani, dal falegname al pellaio e alla sarta mostreranno le loro produzioni di spade di legno, elmi, scudi, archi e coroncine di fiori.
La festa sarà un’occasione per scoprire o rivedere gli sviluppi del Giardino Medievale creato nel 2007. Piante, percorsi, fiori e prospettive fanno rivivere ciò che era il giardino nel medioevo. Nel museo all'aria aperta si potranno trovare dalle erbe medicinali a quelle tintore, da quelle a uso alimentare a quelle che si riteneva  scacciassero il malocchio, ai fiori che, con i loro simboli, servivano a trasmettere segreti messaggi. Un verde senza forzature, che fa riscoprire la pianta “originaria", quella presente in natura spontaneamente, che non conosce l’intervento umano né le contaminazioni culturali tipiche dei secoli seguenti.
La Rocca aprirà le sue sale interne, prima tra tutte la Sala della Giustizia, dove un ignoto ma abilissimo artista creò un capolavoro d’arte e di racconto storico, descrivendo, a fresco, le vicende dell'arcivescovo Ottone Visconti, vincitore della battaglia di Desio del 1227. Negli eleganti saloni del Buon Romano, della Mitologia, delle Cerimonie, di San Carlo, dei fasti Borromeo immense tele, ritratti, arredi ricordano i grandi personaggi che qui passarono, non ultimo san Carlo Borromeo.
Un incontro con la storia offre anche il Museo della bambola e del giocattolo, il più grande d’Europa, che accoglie migliaia di poupées, giocattoli, automi, case in miniatura di ogni epoca e di molti Paesi. In caso di brutto tempo la manifestazione verrà annullata. 

Condividi contenuti