Edizione n. 20 di mercoledì 19 giugno 2019

Lombardia Piemonte Svizzera

Fiera di San Bernardo, il mondo Walser a Macugnaga

Dal 5 al 7 luglio ai piedi del Monte Rosa storia, arte, cultura, artigianato alpino
artigianato walser
legname

 Raggiunge un'età giovane ma anche matura, 33 anni. È' la Fiera di San Bernardo, che come ogni anno, la prima settimana di luglio, tornerà a Macugnaga, nel Nord del Piemonte e ai piedi della Est del Monte Rosa, per un appuntamento speciale con il popolo Walser. Tre giornate (dal 5 al 7 luglio) permetteranno di conoscere l'antico mondo dei Walser e delle genti di montagna, scoprirne usi e costumi. Spunti e momenti diversi compongono un programma fitto di eventi con approfondimenti culturali, mostre, dimostrazioni di lavorazioni, musica oltre la tradizionale esposizione di prodotti artigianali alpini.
La fiera della località in provincia di Verbania è un'occasione unica. Camminano insieme storia, socialità, approccio culturale alle fasi della quotidianità e della vità di comunità. «Segno di una solida coesione, sintesi di un forte desiderio di tramandare nel tempo e di raccontare i tratti salienti di questa minoranza linguistica nonchè le peculiarità del vivere la montagna in ogni sua forma», commentano gli organizzatori. Intensa l’atmosfera che si crea nella località della provincia di Verbania. Non sarà molto diversa da quella che i Walser vissero nel passato. Allora frequentare fiere o mercati stagionali era una forma evoluta di scambio, adottata per procurarsi il denaro utile ad acquisire nuove terre o diritti d’alpe, o anche beni che la comunità non era in grado di produrre a quelle altitudini. Si pensi a sale, attrezzi, tessuti, vino.
Il calendario partirà venerdì 5 luglio, alle 14.30, con la consegna dei tronchi di tiglio agli scultori che parteciperanno al diciannovesimo concorso estemporaneo di scultura su legno (tema "Homines dicti Walser 1319- 2019 - Le minoranze come valore universale riconosciuto dall’UNESCO” ) e l’apertura della mostra di ricami a punto croce del designer Renato Parolin. L'iniziativa proseguirà nei successivi giorni della fiera, con laboratori di ricamo e la presenza del designer stesso.
Sabato 6, alle 9.30, apertura al pubblico della Fiera di San Bernardo con oltre cinquanta bancarelle che esporranno sculture in legno, ceramiche, ricami, tessuti, libri antichi, cesti intrecciati, oggetti in ferro battuto, attrezzi da lavoro e anche prodotti enogastronomici e antichità. Molte le dimostrazioni in diretta: dalla tornitura e intaglio del legno alla tessitura e al ricamo.
Nel pomeriggio, alle 15, inaugurazione ufficiale della fiera presso Tanzlaube di
Staffa e presentazione della giuria tecnica dell' estemporaneo di scultura su legno.
Alle 16.30, al Museo della montagna e del contrabbando, verrà inaugurata la mostra “Opus Montanum”, con produzione bibliografica dedicata alla montagna firmata da Luigi Zanzi (visitabile fino al 15 settembre 2019. Alla stessa ora al Dorf, l’antico nucleo abitativo di Macugnaga nei pressi di Staffa, laboratorio per bambini di panificazione con farina di segale e lettura di fiabe Walser.
Inoltre a Tanzlaube, in piazza a Staffa, alle 18, premiazione del quarto concorso letterario internazionale “Macugnaga e il Monte Rosa – Montagna del Popolo Walser”, dedicato alla memoria di Luigi Zanzi.
Sempre sabato, alle 20.30, conferimento dell'Insegna di San Bernardo. Il riconoscimento viene assegnato a personaggi o enti che si siano distinti per la loro attività in favore della montagna. Querst'anno verrà premiato Luciano Caveri, giornalista Rai Aosta, europarlamentare, già presidente della Regione Valle d’Aosta e presidente del Comitato Italiano per l’anno Internazionale delle montagne 2002). La Segale d’Oro invece (viene conferita a quei giovani che hanno scelto di fare della montagna una loro ragione di vita) andrà a Marco e Daniela Berardi.
Non è ancora finita. Alle 21.30, presso Kongresshaus, concerto pianistico di Serena Costa su musiche di Schumann e dalle 22, al Dorf, spazio anche alla musica rock con il gruppo Faboulous Fifties.
Domenica 7 sarà è interamente dedicata alla tradizione walser. In programma funzione alle 10 celebrata da Don Fausto Cossalter, vicario generale della Diocesi di Novara (canta il Coro Monte Rosa), alle 11 Processione di San Bernardo cui parteciperanno i gruppi walser in costume tradizionale. Infine in Chiesa Vecchia benedizione degli attrezzi da montagna, incanto delle offerte sotto il Vecchio Tiglio e distribuzione del pane nero al forno del Dorf. Nel pomeriggio conclusaione del concorso di scultura, premiazione degli scultori e degli espositori della Fiera e con consegna del tradizionale Pane dell’Amicizia ai gruppi walser intervenuti.
Ulteriori informazioni, Comitato della Comunità Walser di Macugnaga fieradisanbernardo@gmail.com   

Sul Gottardo inaugurato il Sentiero delle quattro sorgenti

Domenica speciale il 5 agosto al Passo del San Gottardo. Qui è stato inaugurato, presente il consigliere federale Ueli Maurer, il "Sentiero delle Quattro sorgenti". Il nuovo itinerario da percorrere a piedi è lungo 84,6 chilometri e collega le sorgenti dei fiumi Reno, Reuss, Ticino e Rodano. Nonostante il tempo piovoso, circa 600 persone hanno partecipato all'evento. Il sentiero porta dal passo dell'Oberalp al ghiacciaio del Rodano, attraversando i cantoni Uri, Grigioni, Ticino e Vallese. Il percorso è diviso in cinque tappe che possono essere percorse singolarmente o come escursione di più giorni. Per una panoramica complessiva: sul Gottardo, dal Lago Toma, nasce il Reno che passa in Germania e giunge in Olanda; nel ghiacciaio Rodano l’omonimo fiume corre verso la Francia; sul Passo di Lucendro nasce la Reuss; sul Passo della Novena nasce il Ticino che si immetterà nel Po.

Chiusura aeroporto di Linate e 
uso collettivo del taxi

Il provvedimento della Commissione territorio in vigore dal 27 luglio al 27 ottobre
aeroporto Malpensa, foto Ibis

Dal 27 luglio al 27 ottobre (e comunque sino alla riapertura dell’aeroporto di Linate), in caso di uso collettivo del taxi, ciascun passeggero potrà ultimare la propria corsa in un punto qualsiasi del percorso, compreso tra quello di origine e quello finale. Il punto di arrivo di ciascuno dei passeggeri dovrà essere in Comuni contigui al percorso previsto per la destinazione finale.
Lo prevede il provvedimento approvato il 6 giugno 2019 in Commissione Territorio (relatrice Silvia Scurati, Lega) che modifica il regolamento vigente. La decisione giunge in seguito alla chiusura dell’aeroporto di Linate che avverrà dal 27 luglio al 27 ottobre 2019.
Si stima che la preclusione a Linate farà cresciere la domanda di taxi tra Milano e l’aeroporto di Malpensa del 6%.
«L’uso del taxi collettivo con la possibilità di fermate intermedie – commenta Silvia Scurati - consentirà di soddisfare l’incremento di domanda atteso con un risparmio pro capite per gli utenti, agevolando l’afflusso e il deflusso dall’aeroporto di Malpensa in un periodo di significativo aumento del numero di passeggeri. Con questa modifica al regolamento vogliamo agevolare lo spostamento dei passeggeri, consentendo loro di scendere dove occorra e non più tutti quanti necessariamente nello stesso punto finale di destinazione». 

Weekend teatrale coni “Terra e Laghi” e “Cadegliano Festival

in scena

Dopo la svizzera Novazzano, dove giovedì 13 era in programma “Carmen”, e la varesina Jerago con Orago, dove venerdì 14 giugno era in scena “Elena di Sparta”, il calendario di Terra e Laghi Festival e di Cadegliano Festival – Piccola Spoleto proseguirà sabato 15 giugno con tre spettacoli. I due comici di Zelig Davide Dal Fiume e Marco Dondarini saranno in scena alle 21 nel parco di Villa Terzoli a Brebbia (Varese) con “Insieme per sbaglio”; “Come Hansel e Gretel” di Pandemonium Teatro sarà alle 20.30 in piazza Antichi Padri a Civate (Lecco); nel parco di Villa Menotti in via Monico 16, in provincia di Varese, a Cadegliano, Lucilla Giagnoni sarà l'interprete di “La mia vita nell’arte”, interessante percorso sulle donne shakesperiane. Seguirà la proiezione del cortometraggio “I giardini dei Lumière”, video omaggio ai giardini nella settima arte di Mario Bianchi.
Il weekend teatrale si chiuderà domenica 16 giugno, alle 17.30, nel parco di Villa Pion a Lavena Ponte Tresa con “Cappuccetto blues” di Teatro Invito, divertente spettacolo in compagnia di due musicisti girovaghi un po’ straccioni, un po’ poeti.
Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Informazioni al sito con calendario completo del festival.

Fiat 600, tour da Varese al Centro Italia e ritorno

Fiat 600 a Cassino

Parte mercoledì 27 giugno da Villa Recalcati a Varese e vi ritornerà domenica 1° luglio dopo aver percorso circa 960 chilometri per il nord e centro Italia. È la prima “600 Miglia” organizzata dal 1° Club Nazionale Fiat 600 di Besozzo (Varese), un giro turistico non competitivo a bordo di Fiat 600 d'epoca.
Il sodalizio besozzese, guidato da Salvatore Torre, ha lanciato la nuova sfida dopo gli innumerevoli raduni organizzati su tutto il territorio nazionale e solitamente limitati a una giornata. Questa volta il tour durerà ben cinque giorni e una quindicina di equipaggi sfileranno lungo i centri storici e le piazze caratteristiche italiani.
Il 1°Club Nazionale Fiat 600 di Besozzo, fondato nel 1990 ad Angera, vanta attualmente circa 1500 soci, tutti possessori e appassionati di auto o moto d'epoca, ovvero che abbiano raggiunto almeno i 20 anni di immatricolazione. Itinerario: Lodi e poi Brescello (Reggio Emilia); Marzabotto (Bologna) e Montecatini Terme; Passo dell'Abetone e Castelvetro (Modena); Grazzano Visconti (Pc) e Varese.
Nell'immagine tratta dal sito del club www.clubnazionalefiat600.it  un momento del raduno di Cassino del 27 maggio 2012.

Defibrillatori, il salvavita entra negli impianti sportivi

In Lombardia ogni anno si registrano 1.400 arresti cardiaci

Ogni anno in Lombardia si registrano 1.400 arresti cardiaci, di cui circa la metà dovuta a patologie traumatiche o avvenute nelle strutture sanitarie. Questo dato del 118 basta da solo ad avvalorare la campagna regionale per la prevenzione degli arresti cardiaci avviata con il progetto “A prova di cuore”.
Gli obiettivi vanno dalla diffusione sempre più capillare dei dispositivi di rianimazione alla formazione di farmacisti e operatori fino alla sensibilizzazione dei giovani mediante spot e video anche su Youtube e Twitter. A regime, saranno circa 300 i defibrillatori semi-automatici sistemati sui mezzi di trasporto sanitario e circa 70 DAE quelli in prossimità di farmacie rurali.
Questi dati sono emersi il 22 maggio in Consiglio regionale dalla risposta dell'assessore Luciano Bresciani a un’interrogazione del consigliere Roberto Alboni (PdL). Attualmente sono complessivamente 461 i defibrillatori presenti in Lombardia, di cui 361 fissi e 50 mobili. Oltre 300 i defibrillatori installati su mezzi di trasporto e 70 presenti nelle farmacie. Inoltre 81 sono collocati in impianti sportivi, così ripartiti per provincia: Bergamo 6; Brescia 4; Como 11; Cremona 2; Lecco 1; Lodi 4; Mantova 0; Milano 29; Monza 11; Pavia 10; Sondrio 0; Varese 3. 

Locarno, dal lungolago prime partenze per il mare

In un servizio della Radiotelevisione della Svizzera Italiana i turisti pionieri dell’idrovia Lago Maggiore-Venezia
Lago Lugano, panorama, foto Daniele Cazzaiga

Sembra di assistere alle imprese dei pionieri dei primi voli aerei. Il progetto dell’Idrovia Locarno-Venezia esiste da tempo, ma acquista sempre più consistenza. Dall’inizio dell’estate il collegamento si è fatto notevolmente più concreto.
Sul lungolago di Locarno un gruppo di turisti acquista un biglietto per una destinazione finora straordinaria. Sono diretti in nave a Venezia e resteranno a bordo per ben nove giorni, senza fare un metro che non sia sull’acqua.
La particolare crociera viene raccontata dal giornalista Massimo Cappon nel servizio “Un biglietto per il mare” della rubrica settimanale Falò, in onda sul canale LA 1 (giovedì 17 agosto, ore 21.05; venerdì 18 agosto, ore 00.50; sabato 19 agosto, ore 12.45) e sul canale LA 2 (sabato 19 agosto, ore 00.40) della Radiotelevisione della Svizzera Italiana. Un viaggio alla scoperta delle meraviglie naturali del Ticino e del Po, ma anche delle attrazioni culturali e gastronomiche che punteggiano le loro sponde, da Milano a Pavia e poi giù verso Cremona, Ferrara e ovviamente Venezia.
Nella stessa edizione la nota rubrica televisiva rossocrociata trasmetterà un’inchiesta di Roberto von Flüe e Marco Dalla Fiore sulle “Acque sporche” nel lago Ceresio e, in genere, nei laghi e nei fiumi della Svizzera Italiana. 

Lombardia, 500.000 euro ai 1.600 vigili del fuoco volontari

Stabiliti i criteri di assegnazione del fondo a onlus e associazioni di promozione sociale

Sostegno regionale al lavoro dei 1600 vigili del fuoco volontari dislocati in oltre settanta distaccamenti della Lombardia. Il 2 ottobre 2017 Palazzo Lombardia ha fissato i criteri per l'assegnazione dei 500.000 euro previsti da una legge (la 11/2017).
SPESE AMMISSIBILI
La Regione Lombardia destinerà un contributo a fondo perduto pari al cento per cento delle spese ammissibili fino a un massimo di 10.000 euro per progetto. Sono riconosciute le spese per l'acquisto di radio portatili, motoseghe, termocamere, motoventilatori, gruppi da soccorso idraulico, gruppi pneumatici da sollevamento, motopompe e altre dotazioni tecniche.
Il finanziamento regionale sarà erogato entro il 28 febbraio 2018, mentre le rendicontazioni dovranno pervenire entro il 31 dicembre 2017.
CRITERI
Beneficiari del fondo saranno le onlus e le associazioni di promozione sociale (Aps). Tra le loro finalità statutarie devono figurare il sostegno a un distaccamento volontario del Corpo nazionale dei vigili del fuoco presente sul territorio regionale. Altri requisiti sono: iscrizione nell'elenco regionale; sede legale e operativa in Lombardia; assenza di fini di lucro; democraticità della struttura; elettività e gratuità delle cariche associative; gratuità delle prestazioni degli aderenti; obbligo di formazione del resoconto economico annuale; clausola di devoluzione del patrimonio in caso di scioglimento dell'organizzazione. 

Piante acquatiche infestanti, rimozione su laghi di Varese, Comabbio e Palude Brabbia

Anche per il 2017 operazione di sfalcio e pulizia delle acque da vegetazione acquatica infestante per i laghi di Varese, Comabbio e della Palude Brabbia. Il progetto messa in cantiere dalla provincia di Varese prevede due tipologie di intervento: il primo di manutenzione ordinaria, per garantire la navigazione pubblica e l’accesso ad aree come porti, lidi comunali, approdi; l’altro di contenimento ed eliminazione delle specie vegetali esotiche, in particolare il fior di loto e la porracchia o Ludwigia hexapetala
«Gli interventi di rimozione della vegetazione infestante – ha spiegato il consigliere provinciale all’Ambiente Valerio Mariani - quest’anno sono stati posticipati di qualche settimana poiché la proliferazione di queste specie nelle acque è risultata inferiore rispetto agli anni passati. Un’attesa calcolata dagli uffici competenti per ottimizzare al meglio le risorse destinate e rendere ancor più efficacie l’intervento».

Varese, Ampollini nuovo presidente della Fondazione Comunitaria del Varesotto

Maurizio Ampollini

È Maurizio Ampollini, di Malnate, il nuovo presidente della Fondazione Comunitaria del Varesotto onlus. A Varese il consiglio di amministrazione lo ha eletto nella riunione del 13 luglio 2017.
Ampollini succede all’ex vicesindaco di Castellanza Luca Galli, dimessosi il 4 luglio dopo dieci anni di mandato. Attivo nel volontariato da più di trent’anni, professionalmente dirige il Centro di Servizi per il Volontariato della provincia di Varese (Cesvov). 

Condividi contenuti