Edizione n.27 di mercoledì 7 agosto 2019

Era in Inghilterra il dipinto "Ritratto di Cristo" di Crespi rubato a Castiglione Olona nel 1989

L'hanno rintracciato i Carabinieri del Comando tutela patrimonio culturale di Roma e Monza attraverso sofisticate indagini telematiche

Risale al 1989, esattamente alla notte tra il 16 e 17 gennaio, il furto in una abitazione di Castiglione Olona del dipinto di inizio Seicento “Ritratto di Cristo”. L'olio su tavola, di 64 per 48 centimetri, è attribuita al pittore bustese Daniele Crespi (1597-1630), formatosi alla scuola istituita da Federico Borromeo alla Pinacoteca Ambrosiana. A lui, nel 2006 la città natale dedicò una mostra monografica, radunando opere conservate nei musei italiani e stranieri.
I Carabinieri del Comando tutela patrimonio culturale di Roma e quelli del competente nucleo di Monza, nel novembre 2011, a seguito di accertamenti telematici su sito specializzato (censisce risultati d’asta di tutto il mondo), avevano accertato che il quadro era stato posto in vendita nel 2004 a un'asta di “Sotheby’s” di Londra, la quale risulta comunque estranea alla vicenda. Le foto ricavate dal sito permettevano così agli eredi legittimi di riconoscere con certezza il dipinto che era appartenuto al padre, nel frattempo mancato.
I particolari tecnici della vicenda lasciano ipotizzare un ingresso clandestino del quadro nel Regno Unito e in quest’ottica è stato richiesto dal Pubblico Ministero di Varese Massimo Politi, attraverso rogatoria internazionale, di farlo rientrare in Italia. Le ipotesi di reato formulate dalla Procura varesina, diretta da Maurizio Grigo, sono di “ricettazione” e “riciclaggio” (reati non ancora prescritti secondo la legge italiana) e di furto ed esportazione illecita di opera d’arte (reati prescritti secondo la legislazione italiana). La richiesta si fonda anche sulla Convenzione europea di assistenza giudiziaria (CEAG) in materia penale, ed è diretta alle autorità britanniche per recuperare il bene, sottoporlo a sequestro e acquisire la documentazione necessaria a individuare i respoonsabili. Una volta ottenuto il via libera dall’autorità giudiziaria inglese, i Carabinieri voleranno nel Paese anglosassone per riportare a casa il dipinto.