Edizione n.34 di mercoledì 21 ottobre 2020

Cassano Valcuvia

Varese e Valcuvia, i nuovi percorsi del teatro in tempi di pandemia

Dal 3 ottobre al 20 dicembre 2020 «teatro immersivo» nel paesaggio urbano e tra i colori autunnali dei boschi e «microspettacoli e teatro di figura» nei teatri Spazio Yak a Varese e Teatro Comunale di Cassano Valcuvia
L'altro giorno-foto Stagione Teatrale Nuove Latitudini
Amigdala-foto Stagione Teatrale Nuove Latitudini

Nuovi modi, spazi e tempi. E nuove regole di fruizione, come impongono tempi di pandemia, per la Stagione Teatrale Nuove Latitudini nata dalla collaborazione tra Teatro Periferico di Cassano Valcuvia e Karakorum Teatro di Varese. Il cartellone della terza edizione, che vanta il sostegno di Fondazione Cariplo, stavolta accoglierà, in piccole quantità, il pubblico nell'intimità dei due teatri ma anche fuori, in cammino, tra i colori autunnali dei boschi
La partenza non era scontata. «La scorsa stagione – ricorda Dario Villa, direttore artistico Teatro Comunale di Cassano Valcuvia|Teatro Periferico - è stata interrotta per via della chiusura dei teatri, e gli spettacoli previsti, annullati. Avremmo voluto riaprire in tempi post-covid, invece ci ritroviamo in epoca pienamente covid». La stagione non finirà a dicembre. Gli organizzatori sono già al lavoro sulla definizione del cartellone completo 2020-2021, ma hanno intanto preferito proporre quegli spettacoli che sono sicuri di poter programmare «senza il rischio di dover poi, sul più bello, riportare la nave in porto».
Questi primi mesi di stagione varesina saranno una piccola rivoluzione. «Per la prima volta in città, Spazio YAK Varese|Karakorum Teatro propone una programmazione culturale composta da performance teatrali immersive e da spettacoli di microteatro» spiega il direttore artistico Stefano Beghi. Spettacoli itineranti, performance interattive nello spazio pubblico e itinerari immersivi nel paesaggio urbano accompagneranno il pubblico a riscoprire luoghi e volti inediti della nostra città.
Ma sul palco dello YAK non mancheranno novità. «Nella sala di Bustecche – aggiunge Beghi - si alterneranno sei micro-spettacoli, due per ogni serata: massimo due metri quadri, massimo venti minuti, venti spettatori per volta... sono queste le misure del microteatro, che permetterà a tutti di tornare in teatro in piena sicurezza». Dal teatro di figura al monologo di prosa, dal circo contemporaneo alla performance: un condensato di generi ed esperienze diverse che permetterà al pubblico di continuare a viaggiare lontano, almeno con l'immaginazione.

STAGIONE TEATRALE NUOVE LATITUDINI
*3-4 ottobre @Bustecche (Varese) - Karakorum Teatro: iDedalo, a cura di MaMiMò e Karakorum Teatro. Teatro immersivo/performance partecipata; 3 repliche.
*10-11 ottobre @Chiesetta di San Giuseppe (Cassano Valcuvia), Teatro Periferico: Berta–Canto alla terra, produzione NudoeCrudo Teatro, con Alessandra Pasi, fisarmonica Guido Baldoni canto Silvia Salamini. Teatro nella Natura; 2 repliche.
*17 ottobre @Giardini Estensi (Varese) - Karakorum Teatro, L’uomo del giardino, a cura di Angela Dematté, Teatro immersivo; 3 repliche.
*24 ottobre @spettacolo itinerante (Cassano Valcuvia)-Teatro Periferico, Tempeste-L’olivo, il vino, le pietre, Trilogia della rinascita dalle Metamorfosi di Ovidio, produzione O Thiasos TeatroNatura, Scritto e narrato da Sista Bramini. Polifonie della tradizione mediterranea e orientale interpretate da Camilla Dell’Agnola e Valentina Turrini. Spettacolo itinerante; ritrovo Tenuta Sciur Franchino (Cassano Valcuvia).
*31 ottobre @SpazioYAK -Karakorum Teatro:
-Fuck me(n), con Alex Cendron, Prosa (durata 20 minuti; 4 repliche);
-Flirt, con Silvia Torri, Teatro di figura (durata 15 minuti; 4 repliche).
*8 novembre @Teatro Comunale (Cassano Valcuvia)-Teatro Periferico, Dove nascono le ombre-spettacolo per ombre e immagini animate, produzione Teatro Animato di e con Alessandra Amicarelli e Moira Zappella, Teatro delle ombre.
*14-15 novembre, Karakorum Teatro, Lettere anonime per un camminatore, a cura di Collettivo Amigdala, Teatro immersivo (durata 30 minuti). Performance per uno spettatore per volta per massimo 70 spettatori al giorno.
*21/ 22 novembre @Teatro Comunale (Cassano Valcuvia)-Teatro Periferico, L’altro giorno, produzione Teatro Elettrodomestico, di e con Eleonora Spezi e Matteo Salimbeni, Teatro di figura; 2 repliche.
*28 novembre @SpazioYAK -Karakorum Teatro, Due Sogni, di e con Paolo Colombo, Teatro di oggetti. Lato A (durata 20 min) e Lato B (durata 10 min); 4 repliche,
*12 dicembre @SpazioYAK -Karakorum Teatro;
-Manufatti artigiani: il Professore. produzione Costa/Teatro Comunale di Occhiobello-Arkadis in collaborazione con Teatro dei Venti. Ideazione e regia Giulio Costa, in collaborazione con Teatro dei Venti. Performance (durata 15 minuti; 4 repliche);
-Costruendo equilibri, a cura di Quattrox4, Circo Contemporaneo (durata 15 minuti; 4 repliche).
*19/ 20 dicembre @Teatro Comunale (Cassano Valcuvia)-Teatro Periferico, I cassetti non parlano, produzione Teatro Periferico, regia Paola Manfredi. Con Valeria Borrelli, Giorgio Branca, Elisa Canfora, Alessandro Luraghi, Susanna Miotto, Laura Montanari, Raffaella Natali, Loredana Troschel, Dario Villa. Prosa, 2 repliche.
«I deficit cognitivi dell’anziano, le demenze in generale, il morbo di Alzheimer in particolare -scrivono gli organizzatori - stanno arrivando ad assumere i connotati di un’emergenza sociale, oltre che medica. Anche il teatro può fare la sua parte nell’integrazione delle persone affette da queste malattie». 

Cassano Valcuvia, finanziamento regionale di 1,6 milioni per animazione territoriale

Prevista la realizzazione di cinque interventi, comprese due piste ciclabili tra Porto Ceresio e Bisuschio e tra Cuveglio con Cuvio e Cittiglio con Brenta
ciclopedonale, foto Comunità montana Valli del Verbano

Tra Porto Ceresio, Cuasso al Monte, Bisuschio, Cuveglio, Cuvio, Germignaga, Cittiglio e Gemonio saranno garantiti dalla Regione Lombardia 1.600.000 euro cofinanziati per oltre il 20 per cento. Le risorse permetteranno la realizzazione di cinque interventi, fra i quali una pista ciclabile di 3,8 chilometri da Porto Ceresio a Bisuschio e una di quasi 2 chilometri nel territorio della Comunità Montana del Verbano, andando così a collegare Cuveglio con Cuvio e ancora Cittiglio con Brenta e avvicinandosi al completamento della Luino-Laveno.
È questo l'intervento di rilievo della Strategia d'Area proposta dalla Comunità Montana Valli del Verbano di concerto con la Comunità Montana del Piambello e approvata il 17 luglio 2017 a Cassano Valcuvia (Varese). La decisione conclude la fase di animazione territoriale della Strategia di sviluppo locale dell'Area denominata 'I Laghi in bicicletta', selezionata tra quelle finanziabili dal Fondo di Regione Lombardia per lo sviluppo delle Valli prealpine. Presente alla riunione il sottosegretario di Regione Lombardia alle politiche per la montagna Ugo Parolo.
OBIETTIVO - «L'intervento di rilievo su cui si basa l'intera strategia – ha spiega Parolo - prevede la realizzazione di un collegamento ciclopedonale che consenta di unire il Lago Maggiore con il Lago di Varese e con quello di Lugano. Grazie alle risorse messe a disposizione dal fondo regionale, si potranno non solo attuare alcuni stralci di questo grande progetto di attrattività turistica, ma anche dare avvio ad un processo di valorizzazione delle valli comprese tra i laghi, come la Valcuvia e la Valganna».

Condividi contenuti