Edizione n.16 di mercoledì 12 maggio 2021

Varese, esame oculare con speciale Ecocolor Doppler

Da maggio 2021 all'Ospedale di Circolo prestazione offerta solo in pochissimi centri in Italia
Varese, Ecocolor doppler

Nella radiologia dell'Ospedale di Varese da maggio sarà possibile prenotare una prestazione offerta solo in pochissimi centri in Italia. In un ambulatorio dedicato si potrà fare l'esame di Ecocolor doppler oculare-orbitario, un esame non invasivo e non doloroso in grado di fornire informazioni emodinamiche non solo qualitative ma, a differenza della fluorangiografia, anche quantitative, sui principali vasi oftalmici a livello retrobulbare.
L'esecuzione di questo esame richiede non solo un'apparecchiatura radiologica top level, che non sempre gli oculisti hanno a disposizione, ma anche una formazione specifica da parte del radiologo, considerata la difficoltà di esecuzione dovuta alle ridotte dimensioni dei vasi da indagare.
NOTEVOLE UTILITÀ
Notevole l'utilità dell'Ecocolor doppler oculare, e non solo nell'ambito oculistico. «Questo esame – spiega il direttore della radiologia di Varese Massimo Venturini - consente innanzitutto una più accurata diagnosi e monitoraggio di diverse patologie oftalmologiche con interessamento vascolare, come l’occlusione di vena o arteria centrale della retina, la neuropatia ottica ischemica, il glaucoma, le maculopatie, i tumori uveali e le patologie neuroftalmologiche come le fistole artero-venose intracraniche».
Ma non è tutto. «L'esame – prosegue il professor Venturini - è molto utile anche nella diagnosi di patologie sistemiche che interessano anche gli occhi, come l'ipertiroidismo con esoftalmo, il diabete con retinopatia, l'aterosclerosi con angiosclerosi. Inoltre, l’Ecocolor doppler oculare consente anche un'accurata valutazione dell'efficacia della terapia grazie all'acquisizione di dati quantitativi relativi al flusso sanguigno che irrora i tessuti colpiti dalla patologia».
ESAME SU ENTRAMBI GLI OCCHI
L'esame, eseguito su entrambi gli occhi, dura circa 15-20 minuti e non richiede alcuna preparazione. Viene eseguito sul paziente in posizione supina con sonda ecografica delicatamente appoggiata sulle sue palpebre chiuse, utilizzando il tradizionale gel ecografico. Al termine, il paziente può immediatamente tornare a casa o al lavoro anche con mezzi propri.
L’Ecocolor doppler oculare consente di campionare e confrontare a livello di entrambi gli occhi il flusso di arterie oftalmiche, vene oftalmiche superiori, arterie e vene centrali della retina, arterie ciliari posteriori brevi e lunghe, vene vorticose. Proprio per queste ragioni, il professor Venturini, che esegue questo esame da più di venticinque anni e ha al suo attivo numerose pubblicazioni sul tema, ha già avviato l'attività di Ecocolor doppler oculare in collaborazione con l'Oculistica diretta dal dottor Paolo Radice, e in particolare con la collaborazione del professor Simone Donati, e con l'Endocrinologia, guidata dalla professoressa Maria Laura Tanda e ora è pronto per aprirla alle prenotazioni dall'esterno.