Edizione n.16 di mercoledì 12 maggio 2021

Varese e Luino, quel filo costante tra sanità pubblica e società civile

Nuove donazioni agli ospedali da parte di benefattori, associazioni e aziende
Monitor multiparametrico Luino, foto ASST Sette Laghi

All'Ospedale di Varese, due ecografi portatili di tipo Vscan Extend Dual Dicom per ispezionare in tempo reale polmoni e vie aeree e per recuperare gli accessi vascolari centrali in caso di intubazione o intervento in emergenza. È stato donato al Reparto di terapia intensiva cardiochirurgica da una benefattrice varesina che ha voluto restare anonima unitamente alla madre.
Sempre all'Ospedale di Varese, due ecografi portatili - di ultima generazione e completi di tablet - con funzione specifica per l’ecografia polmonare. A emergenza pandemica finita, saranno utilizzabili per tutte le altre necessità. Li hanno donati Luigi e Luca Fusaro (azienda Maghetti di Casciago) ai Reparti di Malattie infettive e tropicali e Medicina generale 1 e dell’Asst dei Sette Laghi,
All'Ospedale Luini Confalonieri di Luino, un monitor multiparametrico impiegato soprattutto nei servizi di rianimazione, pronto soccorso e interventistica. È stato donato al Day surgery dall'Associazione Nazionale Alpini Sezione di Luino.
Sono, questi, gli ultimi esempi della grande sensibilità sociale e del legame stretto tra mondo imprenditoriale, associazioni e benefattori e sanità pubblica in terra prealpina.
TERAPIA INTENSIVA CARDIOCHIRURGICA
L'apparecchiatura donata alla Terapia intensiva cardiochirurgica varesina è un esempio della miniaturizzazione estrema di cui le moderne tecnologie digitali sono capaci.
Spiega il direttore del reparto e docente anche all'Università dell'Insubria, Paolo Severgnini: «Non è più grande di un telefonino di ultima generazione e si può tenere nella tasca del camice, sempre pronto all'uso in qualsiasi reparto ci si trovi e anche fuori ospedale se necessario. Questo tipo di strumenti si è rivelato utilissimo durante l'emergenza Covid per ispezionare in tempo reale i polmoni e le vie aeree del paziente e per recuperare gli accessi vascolari centrali in caso di intubazione o intervento in emergenza».
MALATTIE INFETTIVE E TROPICALI
I due ecografi portatili donati dall'azienda Maghetti di Casciago ai reparti di Malattie infettive e tropicali e Medicina generale sono due gioielli di tecnologia e innovazione e sono stati fatti arrivare direttamente dall’America.
«Abbiamo chiesto ai medici dell’Ospedale - ha spiegato il presidente Luigi Fusaro - di cosa potevano avere bisogno e, grazie anche alla supervisione del responsabile della Sorveglianza sanitaria nell’ambito della direzione medica Asst dei Sette Laghi Stefano Taborelli, abbiamo deciso di far arrivare direttamente dall’America questi due gioielli di tecnologia e innovazione».
DAY SURGERY DI LUINO 
Il monitor multiparametrico donato dalle Penne Nere all'ospedale di Luino (nella foto) renderà più agevole l'assistenza infermieristica e più autonomo il reparto nella programmazione e nello svolgimento delle piccole sedazioni procedurali che vi sono svolte. «Il monitor multiparametrico – ha dichiarato la direttrice del reparto Annamaria Armagno - è un apparecchio medico destinato a controllare, mediante monitoraggio, i segnali vitali del paziente e, in quanto tale, trova impiego soprattutto nei servizi di rianimazione, pronto soccorso e interventistica. La maggior parte di questi dispositivi consente di monitorare l’attività cardiaca, la pressione arteriosa, la respirazione, la saturazione in ossigeno e la temperatura corporea oltre ad altri parametri».
I monitor sono in grado di indicare non solo il valore del parametro misurato, ma anche l’evoluzione di tale valore nel tempo. Gli apparecchi sono dotati di apposite spie luminose e di allarmi acustici che segnalano al personale medico eventuali anomalie o il superamento di valori minimi e massimi.