Edizione n.20 di mercoledì 9 giugno 2021

Certificatori energia, software regionale facoltativo e gratuito

Verso attestati gratis di prestazione 'convenzionale' per professionisti iscritti ad albo della Lombardia - Nel caso di edifici pluriunità avrà valore per intero stabile o per unione di più unità - Deposito gratuito al Catasto energetico edifici regionale

Garantire una certificazione energetica che favorisca la corrispondenza fra la certificazione finalizzata esclusivamente al 'superbonus' con quella che ha valore giuridico per gli ulteriori fini previsti dalla legge. La stessa, per gli attestati energetici redatti nel caso di edifici pluriunità, vale per l'intero edificio o unione di più unità immobiliari.
Mira a questo obiettivo la richiesta dell'esecutivo lombardo - approvata il 21 maggio 2021 su proposta dell'assessore Raffaele Cattaneo - all'Azienda regionale per l'innovazione e gli acquisti (Aria spa) di sviluppare, nel motore di calcolo Cened+2, una modalità che consenta ai progettisti e certificatori, iscritti nell'elenco regionale, di redigere Attestati di prestazione energetica (Ape) di tipo 'convenzionale'. «La lotta al cambiamento climatico – ha dichiarato Cattaneo - parte dal basso. Quindi è importante che anche gli operatori siano facilitati nell'applicare gli strumenti per la valutazione delle prestazioni energetiche e, conseguentemente, del risparmio energetico ottenuto».
COERENZA RISULTATI E SOFTWARE GRATUITO
Molti professionisti hanno fatto presente il rischio di trovarsi di fronte a difformità di risultati. Si deve, da un lato, predisporre un Ape 'convenzionale' per l'accesso al 'superbonus', ma si deve pure, dall'altro, in ogni caso predisporre un Ape 'regolare' per chiusura pratiche edilizie, compravendita, locazione e tutte le altre finalità connesse alla loro attività. Con ripercussione nei rapporti coi proprietari e i committenti dei lavori di progettazione.
Il motore di calcolo regionale consentirà ai professionisti di continuare a interfacciarsi coi software commerciali che, pur mantenendo la compatibilità col motore di calcolo regionale, hanno sviluppato interfaccia grafiche diverse. In ogni caso l'uso del software regionale per l'Ape 'convenzionale' sarà del tutto facoltativo e gratuito.
SERVIZIO COPERTO DAI CONTRIBUTI
La delibera non implica spese, perché l'attività affidata ad Aria rientra nelle sue competenze ed è coperta dai contributi versati direttamente dai Certificatori energetici all'atto di inserire l'Attestato predisposto e validato nel Catasto regionale. Il provvedimento prevede che il deposito dell'Ape 'convenzionale' nel Catasto energetico edifici regionale (Ceer) avvenga a titolo gratuito.
La scelta di Regione Lombardia è già stata comunicata al Ministero dello Sviluppo economico (Mise) e ad Enea.
«Vogliamo – ha concluso Cattaneo - sostenere i professionisti certificatori, che rappresentano un anello determinante nella catena di valore professionale generata dal 'superbonus'. Uno strumento che permetta loro di applicare interventi che riguardano l'ambiente, migliorando non solo la qualità dell'edificio, ma anche le emissioni inquinanti e climalteranti in atmosfera».