Edizione n.20 di mercoledì 9 giugno 2021

programmi tv e radio

Diritto d'autore ed emittenti radiotv, scudo europeo per creatori, imprese e consumatori

Inizia l'applicazione delle nuove norme UE entrate in vigore nel giugno 2019

Parte l'applicazione delle nuove norme UE sul diritto d'autore e sui programmi televisivi e radiofonici. Il 7 giugno 2021 è scaduto il termine entro il quale gli Stati membri erano tenuti a recepire nell'ordinamento nazionale le due direttive europee entrate in vigore nel giugno 2019.
La nuova direttiva sul diritto d'autore tutela la creatività nell'era digitale con benefici concreti per i cittadini, i settori creativi, la stampa, i ricercatori, gli educatori e gli istituti di tutela del patrimonio culturale in tutta l'UE. Allo stesso tempo, grazie alla nuova direttiva sui programmi televisivi e radiofonici, per le emittenti europee sarà più semplice rendere disponibili oltre frontiera alcuni programmi sui loro servizi online. I creatori riceveranno una remunerazione equa per il loro lavoro e gli utenti potranno contare su norme chiare a tutela della libertà di parola.

NOVITÀ E CONTESTO
A consumatori e creatori ora è consentito di sfruttare al meglio il mondo digitale, in cui i servizi di musica in streaming, le piattaforme di video su richiesta, la televisione via satellite e Iptv (lo standard di trasmissione Internet Protocol Television, che utilizza la rete per inviare flussi video), gli aggregatori di notizie e le piattaforme di contenuti caricati dagli utenti sono diventati i principali punti di accesso alle opere creative e agli articoli di stampa.
Contesto
Nel settembre 2016 la Commissione europea ha proposto di aggiornare le norme UE sul diritto d'autore nell'ambito del mercato unico digitale, per garantirne l'adeguatezza all'era digitale. Le direttive sono state adottate nell'aprile 2019. Gli Stati membri devono ora notificare le rispettive disposizioni di recepimento delle due direttive alla Commissione che, dopo tale notifica, ne analizzerà i testi.
DIRITTO D'AUTORE
La direttiva sul diritto d'autore nel mercato unico digitale prevede nuove norme volte a garantire una remunerazione più equa per i creatori e i titolari dei diritti, gli editori di giornali e i giornalisti, in particolare quando le loro opere siano utilizzate online, oltre a rendere più trasparenti le loro relazioni con le piattaforme online. Prevede anche nuove garanzie per proteggere appieno la libertà di espressione online dei cittadini dell'UE, che potranno condividere legittimamente i loro contenuti.
Le nuove norme creano inoltre ulteriori opportunità di utilizzare materiale protetto dal diritto d'autore online e a livello transfrontaliero a fini di istruzione, ricerca e conservazione del patrimonio culturale.s
PROGRAMMI TELEVISIVI E RADIOFONICI
Le nuove norme stabilite dalla direttiva sui programmi televisivi e radiofonici garantiscono che i cittadini dell'UE possano accedere a una più ampia scelta di programmi online e a livello transfrontaliero.
Grazie alla direttiva, per le emittenti sarà più facile rendere disponibili alcuni programmi nelle dirette televisive o nei servizi di catch-up in tutti gli Stati membri, garantendo nel contempo che i creatori siano adeguatamente remunerati per l'uso dei loro contenuti. La direttiva semplifica inoltre la distribuzione di una gamma più ampia di canali televisivi e radiofonici da parte degli operatori di ritrasmissione. 

Condividi contenuti