Edizione n.16 di mercoledì 12 maggio 2021

progetto Gruppo Giovani Imprenditori

Impresa e scuola, progetto green verso la fase nazionale

La squadra “Tecno-water” dell'Isis Città di Luino–Carlo Volonté il 3 maggio a confronto con altri 18 gruppi
squadra Isis Luino

Anche quest’anno si avvia a conclusione il progetto del Gruppo Giovani Imprenditori dell’Unione degli Industriali della provincia di Varese, giunto alla sua undicesima edizione. Oltre che volano per la diffusione della cultura dell’imprenditorialità tra i giovani, rappresenta un particolare osservatorio sugli scenari futuri del tessuto economico del Paese e un termometro delle sensibilità delle nuove generazioni verso tematiche sempre più protagoniste nella quotidianità.
Come ogni anno, l’Isis Città di Luino–Carlo Volonté ha partecipato al progetto, schierando tre team di studenti appartenenti alla classe 4AAS: Mentalità emergente, T.T.S., Tecno-water. Tutti hanno prodotto un business plan, un videospot pubblicitario e una sintetica presentazione dell’idea.
La squadra Tecno-water (Xheta Sofia, Zhang Angela, Grassadonia Salvatore, Avelar Giovana, Meneghini Laura, De Santis Alessandro, Gerosa Stefano, Giroldi Dunia) si è classificata terza con un progetto molto green. «Si tratta - spiega Salvatore, portavoce della squadra - di un dispositivo domestico a basso costo, che è stato pensato per tenere sotto controllo il consumo di acqua e contenerne il più possibile eventuali sprechi». I suoi lavori, molto apprezzati dalla giuria provinciale, hanno consentito l’approdo alla fase nazionale che avrà conclusione il 3 maggio. In quell'occasione la squadra si confronterà con altri diciotto gruppi provenienti da tutta Italia con l’ambizione di conquistare il podio nazionale o un premio speciale. 

Nella fase iniziale del progetto, in cui occorre confrontarsi per definire un’idea tanto ambiziosa quanto fattibile, bisogna raccogliere le proposte di ciascuno e cercare di trovare una convergenza verso una tematica condivisa che possa poi tradursi in un’attività d’impresa vincente. «Sicuramente si tratta di una delle fasi più delicate dell’intero percorso – affermano i docenti referenti dell’Istituto per l’iniziativa – poiché entrano in gioco una pluralità di fattori determinanti: innovazione, domanda del mercato, fattibilità e redditività. Inoltre il confronto tra ragazzi, sebbene supportato dall’intervento di giovani imprenditori, è avvenuto quasi completamente a distanza attraverso le note piattaforme online. Ciò nonostante, i lavori sono stati tutti apprezzabili e ciò che colpisce maggiormente è la grande attenzione delle nuove generazioni verso la sostenibilità ambientale, la razionalizzazione dei consumi e la conseguente riduzione degli sprechi. Un’indicazione chiarissima per quel che riguarda il prossimo futuro delle imprese».
I lavori sono proseguiti, all’interno dei singoli gruppi, attraverso l’apporto di ciascuno studente: «E’ stato un vero lavoro di squadra – afferma Sofia, membro della squadra - in cui nessuno ha prevalso ma tutti hanno partecipato attivamente. Ci siamo organizzati ripartendo compiti e confrontandoci continuamente sulle decisioni importanti». «Pensavamo sarebbe stato difficile trovare un’idea convincente – interviene Angela – e invece ci siamo trovati subito d’accordo e in armonia».
L’importanza di questo progetto è anche quella di sviluppare competenze spendibili nel futuro da parte degli studenti. «Il saper lavorare in gruppo e collaborare proficuamente - sostengono i docenti Bianchi, Binda e Di Paolantonio referenti dell’attività - rappresentano capacità indispensabili per lavorare in un’impresa». 

Condividi contenuti