Edizione n. 27 di mercoledì 28 luglio 2021

Domodossola

Domodossola, la "leggerezza" prende il volo

Dal 21 al 24 settembre decolla “Domosofia, Festival delle Idee e dei Saperi”- Oltre 20 appuntamenti dall'impresa alla filosofia, dalla psicologia, medicina e scienza allo sport, musica, moda e giornalismo

Un incontro per studenti, giovedì 21 settembre, con Anastasia Buda di Samsung Italia e la giovanissima web talent Elisa Maino su "Amici di click, social senza paura". E poi, nelle quattro giornate di incontri, dibattiti, laboratori ed esibizioni artistiche di “Domosofia, Festival delle Idee e dei Saperi“ in programma dal 21 al 24 settembre a Domodossola (VCO), appuntamenti anche con lo psichiatra Eugenio Borgna, il filosofo Umberto Galimberti, il neuroscienziato Giovanni Frazzetto, ma anche l'alpinista Silvio Mondinelli, i campioni di scialpinismo Damiano Lenzi e di Ultra Trail Giulio Ornati, il giornalista sportivo Alberto Cerruti.
Ma Domosofia, organizzato dalla Città di Domodossola in collaborazione con l'Associazione Turistica Pro Domodossola e l'Associazione De Claritate Mentis, non finisce certo qui. In cartellone più di venti appuntamenti, gratuiti e aperti a tutti, uniti dal filo conduttore della "leggerezza" per scoprire come, attraverso e all'insegna di essa, si possa guardare alla vita nella sua complessità.
Studio, lavoro, amore, media, alimentazione saranno affrontati con donne e uomini dei mondi più diversi, dall'impresa alla filosofia, ma anche psicologia, medicina e scienza, sport, musica, moda e giornalismo. Interverranno la cantante dei Dirotta su Cuba Simona Bencini, la giornalista e scrittrice Fabiana Giacomotti, il direttore delle risorse umane del World Economic Forum Paolo Gallo.
Accanto ai dibattiti, le quattro giornate di Domosofia saranno animate da laboratori, concerti, giochi e teatro di strada, che coinvolgeranno adulti e bambini. Spazio anche alla leggerezza in cucina con la vicepresidente di Slow Food Cinzia Scaffidi, lo chef Giorgio Bartolucci, Massimo Sartoretti, ristoratore, e un confronto tra gli chef Matteo Sormani di Walser Schtuba e Andrea Ianni.
Sono queste solo alcune occasioni di incontri. Per il programma completo: www.domosofia.it 

Galleria Monte Ceneri, verso il traguardo anche il terzo cantiere di Alptransit

Sopralluogo della delegazione Ue Commissione Coter – Adeguamento delle linee ferroviarie italiane di Luino, Chiasso e Domodossola
Monte Ceneri veduta aerea
Monte Ceneri, Cattaneo (al centro) con la delegazione Coter e il console svizzero Baumann nella galleria del Monte Ceneri

Prima Lotschberg (34,6 chilometri) nel 2007, poi San Gottardo (57,1 chilometri) l’11 dicembre 2016 e, ora, Monte Ceneri (15,4 chilometri) dal 2020. Sono le tre gallerie del progetto Alptransit realizzato con tipica puntualità dalla Svizzera. Obiettivi: trasferire il maggior volume di traffico dalla strada alla rotaia, agganciare la rete ferroviaria europea ad alta velocità, collegarsi direttamente con l'asse Rotterdam-Anversa-Genova.
Il costo complessivo di Alptransit ammonta a circa 22 miliardi e mezzo di euro. A questa montagna di soldi vanno poi aggiunti altri 42 miliardi e 300 milioni di euro, investiti nei grossi ampliamenti previsti da Ferrovia 2000, nello sviluppo di 130 progetti dell'infrastruttura ferroviaria SIF, nel raccordo diretto con la rete ferroviaria europea ad alta velocità e nei collegamenti lungo l'asse Rotterdam-Anversa-Genova,

LAVORI A LUINO, CHIASSO E DOMODOSSOLA…
La colossale opera non solo risponde a un preciso mandato politico del popolo rossocrociato (1994), ma ha inevitabili e benefiche ricadute anche sul fronte italiano.
L’inaugurazione e la messa in servizio della Galleria di base del Ceneri sono previste per il 2020. La sua realizzazione comporterà un miglioramento delle interconnessioni con la Lombardia e l'istituzione di nuove linee ferroviarie da parte della TiLo (la società mista Ticino Lombardia).
Rete Ferroviaria Italiana (RFI) ha in corso interventi di potenziamento tecnologico e infrastrutturale per circa 500 milioni di euro lungo i tre valichi transfrontalieri di Luino, Chiasso e Domodossola, tra cui adeguamenti per consentire il transito di carichi alti fino a quattro metri, l’adeguamento del modulo dei binari allo standard europeo di 750 metri  e l’installazione di tecnologie di ultima generazione per incrementare la capacità di traffico merci e viaggiatori.
…E PROSSIMO TRAFFICO MERCI
Con il completamento del Ceneri, unitamente a quella del San Gottardo, si potrà ottenere un’unica linea ferroviaria quasi completamente pianeggiante, in grado di accogliere sul suo percorso treni merci dal peso complessivo di 2mila tonnellate.
A lavori completati, la capacità di traffico merci sarà di 390 treni al giorno a fronte dei 285 di oggi, di cui 170 al valico di Chiasso, 90 al valico di Luino e 130 al valico di Domodossola. Entro fine anno, con un investimento complessivo di 260 milioni di euro, è infine prevista l’attivazione anche della linea Arcisate–Stabio, che grazie all’interscambio di Gallarate consentirà di collegare facilmente l’aeroporto di Malpensa con le principali città della Svizzera centrale e meridionale.
SOPRALLUOGO EUROPEO
Ai cantieri della Galleria Monte Ceneri ha fatto visita, l’8 giugno 2017, la Commissione europea per le politiche di Coesione territoriale (Coter) a margine di un seminario sul tema della cooperazione transfrontaliera organizzato il giorno precedente al Joint Research Centre di Ispra (VA).
Il presidente Raffaele Cattaneo e la delegazione sono stati accolti a Sigirino dal presidente della Direzione generale di AlpTransit San Gottardo Renzo Simoni, il presidente del Consiglio di Stato del Ticino Manuele Bertoli, il presidente del Consiglio Cantonale ticinese Walter Gianora e il responsabile della comunicazione dell'Ufficio federale svizzero dei Trasporti Gregor Saladin. «I lavori procedono nel rispetto dei tempi previsti - ha sottolineato Cattaneo - ed entro il 2020 il sistema Alptransit sarà pienamente operativo. Sul fronte italiano dobbiamo adoperarci per rispettare i tempi di realizzazione per le opere complementari, dall'Arcisate-Stabio a quelle in programma in prossimità dei valichi di Luino, Chiasso e Domodossola, e sono fiducioso che ci riusciremo in modo puntuale».
GALLERIA DEL MONTECENERI
I cantieri del tunnel del Monte Ceneri sono stati illustrati dal direttore dei lavori Alberto De Col. Con i suoi 15,4 chilometri di lunghezza, la Galleria di base del Monte Ceneri rappresenta, dopo l’apertura della Galleria di base del San Gottardo, il secondo maggiore progetto di galleria della Svizzera.
Analogamente alla Galleria di base del San Gottardo, anche quella del Ceneri è costituita da due canne a binario unico, distanziate tra loro di circa 40 metri e collegate l’una all’altra ogni 325 metri attraverso cunicoli trasversali. Vista la sua lunghezza, non sono necessari cambi di corsia né stazioni multifunzionali. Su richiesta del Cantone Ticino è in corso di realizzazione la bretella Locarno–Lugano, che servirà anche a smaltire il traffico regionale ticinese, riducendo i tempi di percorrenza del tratto tra le due località dagli odierni 59 minuti a 31 minuti.
Per collegare la Galleria di base del Ceneri alla linea ferroviaria esistente sono in fase di costruzione altre opere al nodo di Camorino: tra di esse spiccano soprattutto il ponte a quattro binari sovrastante l’autostrada A2 e i due viadotti ferroviari.
Nelle foto: Il presidente Cattaneo (al centro) con la delegazione Coter e il console svizzero Baumann nella galleria del Monte Ceneri; veduta aerea del cantiere Alptransit 

Domodossola (Verbania), Disegnare il territorio, nasce il Festival dell’Illustrazione

Dal 24 luglio al 1° agosto 2021 incontri, mostre, laboratori, workshop, talk, performance, street sketch e disegni dal vivo – Poi dall’1 al 29 agosto mostra itinerante di 27 artisti su castelli, fortificazioni e strutture difensive presenti in Ossola, Cusio e Canton Vallese
Cecilia Campironi, "Per ogni dove". Immagini: Festival dell'illustrazione Di-Se
II Borse, "Sacro Monte".  Immagini: Festival dell'illustrazione Di-Se

A Domodossola (Verbania) prende il via il primo Festival dell'illustrazione Di-Se, Disegnare il territorio, una festa dedicata al disegno e all’arte. Dal 24 luglio al 1° agosto 2021 si susseguiranno incontri, mostre, laboratori, workshop, talk, performance, street sketch e disegni dal vivo, ma anche aperitivi e cene con l’autore, accompagnati da rinomati illustratori del panorama nazionale come Massimo Caccia, Cecilia Campironi, Gianluca Folì, Il Borse, Giulia Neri, SeaCreative. Ogni autore presenterà una selezione di una ventina di opere, tra stampe e tavole originali
Da una parte mostre, tutte visitabili gratuitamente nelle sale di Artoteca Di-Se, il nuovo spazio nato all’interno del Collegio Rosmini di Domodossola e lanciato ad aprile di quest’anno per promuovere il prestito domestico di opere d’arte originali, dall’altra incontri e laboratori.
I laboratori (alcuni per tutti, altri pensati in particolare per i bambini) saranno quelli di Cecilia Campiron, Giulia Neri, SeaCreative, Massimo Caccia. Anche i laboratori sono gratuiti ma è richiesta la prenotazione all’indirizzo email museiossola@libero.it o al numero 3478510850. Lo stesso è richiesto per le cene con gli artisti (a pagamento), tenute in diversi ristoranti della città.
Durante le giornate di festival sarà possibile trovare il portfolio “Castelli del feudo borromaico”, cinque tavole (più una) in tiratura limitata di cinquanta copie con firma originale degli artisti ospiti che hanno illustrato i castelli di Arona, Angera, Cannero e Vogogna. Il cofanetto è stato creato in esclusiva per questa prima edizione e realizzato su carta certificata Hahnemühle da Opificio Arte Stampata., che sarà presente con una postazione di stampa on demand delle opere esposte. Non mancherà una mostra mercato di libri legati al tema dell’illustrazione e del disegno a cura di Libreria Grossi di Domodossola.
FESTIVAL E MOSTRA ITINERANTE
Il Festival dell’illustrazione è organizzato in collaborazione con Associazione Culturale Art Company e si inserisce nel progetto Interreg Italia-Svizzera “Di-Se–DiSegnare il territorio”, tre anni all’insegna del disegno e dell’arte che vede coinvolti Associazione Musei d’Ossola, Museumzentrum La Caverna di Naters e Associazione Asilo Bianco.
Dall’1 al 29 agosto il festival si sposta sul territorio con la mostra itinerante open air “Difendersi dall’alto”, una grande collettiva a cielo aperto che porta avanti il lavoro iniziato nell’estate 2020 con “Herbarium vagans”. Quest’anno gli artisti sono stati invitati a lavorare su castelli, fortificazioni e strutture difensive presenti in Ossola, Cusio e Canton Vallese. La sezione che comprende ventisette artisti e illustratori contemporanei è allestita nel centro storico di Vogogna, mentre nella Torre di Battiggio di Vanzone con San Carlo e nelle vie di Ceppo Morelli sono in mostra le riproduzioni delle opere realizzate negli anni ’50 dal padre rosminiano Luigi Arioli, grande studioso di fortificazioni locali.
Espongono le loro opere: ATEZ, Enzo Bersezio, BR1, Vittorio Bustaffa, Riccardo Corciolani, Sylvie Durouvenoz, Lisa Gelli, Riccardo Guasco, Marco Latagliata, Lufo, Marina Marcolin, Antonio Marinoni, Virginia Mori, Erjon Nazeraj, Andrea Oberosler, Mikayel Ohanjanyan, Eleonora Perretta, Carlo Più, Alannah Robins, Antonello Ruggieri, Rustlehare, Lucio Schiavon, Flavia Sorrentino, Karl Walden, Secil Yaylali, Metin Yergin, Loic Zanfagna. La mostra arriverà sul lago d’Orta a partire dall’11 settembre, e successivamente, in Canton Vallese in Svizzera. 

Condividi contenuti