Edizione n.27 di mercoledì 7 agosto 2019

Voldomino, rilancio dell'eliporto

Verso la riapertura un impianto inaugurato 27 anni fa

(gi) Nuova vita per l'eliporto di Voldomino, voluto e inaugurato l'11 luglio 1992 dall'allora commissario straordinario dell'Ussl 1 Luino Lorenzo Durante con il sostegno di molte imprese e privati e – allora - unico nell'alto Varesotto a funzionare notte e giorno. Il 10 luglio 2019 il direttore responsabile di Areu Guido Garzena ha concertato la sua riapertura, sottolineando che «da oggi medici e piloti possono atterrare ancora in una bellissima piazzola come quella della frazione luinese. Qui siamo in un sito protetto».
«L’eliporto entrerà in funzione h24 ed è stato predisposto anche per l'atterraggio notturno» ha precisato il vicesindaco Alessandro Casali, che ha ricordato l’impegno costante di Regione Lombardia e di Areu in merito alla gestione del pronto intervento. «Ce l'abbiamo fatta – ha aggiunto - grazie al sostegno del direttore generale di Asst dei Sette Laghi, che allora era Callisto Bravi, con i dottori Garzena e Lucas Maria Gutierrez e dell'attuale direttore generale Gianni Bonelli».
Presenti, tra gli altri, all'incontro il nuovo primario di chirurgia del nosocomio luinese Stefano Carini, l'infermiere automedica 118 e sindaco di Tronzano Antonio Palmieri, rappresentanze di carabinieri, polizia locale, Areu e Sos Tre Valli.
Nel Varesotto il pronto intervento con elicottero è coordinato dall’équipe di soccorso ordinaria Hems (Helicopter emergency medical service), formata dal personale di condotta (pilota e tecnico del verricello) e dal personale sanitario (medico e infermiere). Si aggiunge il personale del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico.