Edizione n.34 di mercoledì 16 ottobre 2019

Veicoli e fauna selvatica, interventi di riduzione dell’impatto stradale

Presentati a Varese i risultati del progetto della Comunità Montana Valli del Verbano in quattro anni - Installati 8 sistemi anticollisione a Luino, Germignaga, Mesenzana, Cuveglio, Gemonio, Porto Valtravaglia, Laveno e Cittiglio
Veicoli e fauna selvatica, interventi di riduzione dell’impatto stradale

A Luino, Germignaga, Mesenzana, Cuveglio, Gemonio, Porto Valtravaglia, Laveno e Cittiglio è stato ridotto negli ultimi anni il rischio di impatto stradale tra veicoli e fauna selvatica. A partire dalla primavera del 2016 la Comunità Montana Valli del Verbano ha installato otto sistemi anticollisione, di cui sei nelle zone più critiche per la frammentazione degli habitat dovuta a infrastrutture stradali.
A Varese il 19 settembre 2019 si è svolto a Villa Recalcati il convegno finale del progetto “Connessione ecologica e roadkill. Progetti, esperienze e buone pratiche per la riduzione dell’impatto stradale con gli animali”, realizzato dalla Comunità Montana Valli del Verbano in partnership con Istituto Oikos e finanziato da Fondazione Cariplo. Sono stati presentati i frutti di quattro anni di impegno per migliorare la sicurezza stradale e la connessione ecologica nelle strade del territorio.
Per la Comunità Montana, sono intervenuti il presidente Simone Castoldi, la responsabile Sibiana Oneto e il coordinatore del progetto Federico Pianezza; per la Provincia di Varese, il presidente Emanuele Antonelli; per la Regione Lombardia, Riccardo Franceschi (assessorato Agricoltura); per Istituto Oikos, Martina Spada; per Idogrea Servizi srl, Chiara Farioli, Barbara Raimondi e Alessandro Uggeri; per LIFE Safe-crossing, Annette Mertens e Simone Ricci; per il Canton Ticino, Tiziano Putelli. Il convegno è stato moderato dal biologo e fotografo naturalista Francesco Tomasinelli.

BILANCIO 2016-18
«I risultati positivi del progetto non sono mancati, nonostante il generale incremento del numero di incidenti denunciati in tutta la provincia di Varese, imputabile al sempre maggior numero di animali presenti sul territorio» è stato rilevato.
Prendendo come riferimento il triennio 2016-2018, nei comuni di Comunità Montana privi di impianto i danni rimborsati per incidenti dalla Regione Lombardia sono più che triplicati (+ 223%), mentre nei comuni dotati di impianto sono aumentati solo del 46%. In termini di risarcimenti dei danni, nei comuni dotati di impianti si stima un risparmio solo nell’anno 2018 di almeno 34.000 euro.
CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE
Gli impianti, grazie a una tecnologia innovativa, sono in grado di attivarsi con un segnale sonoro nel caso in cui un animale stia per attraversare la strada e contemporaneamente una macchina non rallenti. In questo modo è possibile evitare l’investimento dell’animale e ingenti danni per i conducenti e i mezzi.
Cardine del progetto non erano solo interventi tecnici, ma anche azioni volte a cambiare il comportamento dei conducenti e a sensibilizzare i cittadini sui temi della sicurezza stradale e della connessione ecologica. Una campagna online ha permesso di raggiungere più di 50.000 persone, eventi sul territorio hanno informato più di 2.000 persone sugli interventi del progetto, 600 bambini e ragazzi hanno partecipato a laboratori e incontri di sensibilizzazione a scuola.