Edizione n.41 di mercoledì 30 novembre 2022

Varese, L'arte in Questura

Fino al 15 marzo 2023 mostra sul patrimonio culturale della “Casa del littorio”
Varese, Palazzo Littorio, ora Questura
Varese (Questura), Vittoria alata affresco

Dal 19 novembre 2022 nella Questura di Varese spolveri e cartoni realizzati da Giuseppe Montanari - e ritrovati nel suo archivio personale - offrono fino al 15 marzo 2023 l'occasione unica di rivedere nel luogo per cui furono pensati anche le immagini degli affreschi, in gran parte cancellati e distrutti alla fine del periodo fascista. Il materiale documentario reperito - e inedito – è affiancato agli aspetti architettonici e figurative sopravvissute nonostante i cambiamenti di destinazione d'uso.
La mostra “L'arte svelata nel Palazzo della Questura di Varese”, organizzata dalla Questura, dal Comune di Varese e dall'associazione VareseVive e curata da Serena Contini, vuol far conoscere e valorizzare il rilevante patrimonio culturale del palazzo edificato come Casa del littorio - su progetto e con opera figurativa del pittore di Mario Loreti - e oggi «sede con peculiarità non prettamente culturali». L'ideazione e la realizzazione di questa “sfida” permettono di dotare sul lungo periodo l'edificio di elementi descrittivi e esplicativi sulla sua storia e caratteristiche.
La Questura, come è stato precisato, ha realizzato alcune migliorie tipo il riposizionamento della porta originale del sacrario e alcuni lavori di manutenzione per permettere al pubblico di ammirare la ricchezza architettonica del palazzo ben leggibile anche se convertito in una nuova destinazione d'uso.
La mostra sarà aperta nei mercoledì (dalle 15 alle 18) e sabato (dalle 9,30 alle 12,30). Obbligatoria la prenotazione all'indirizzo: urp.quest.va@pecps.poliziadistato.it. I visitatori saranno accompagnati dagli studenti di alcuni istituti scolastici della provincia, preparati dal professor Laforgia, e dalla curatrice Serena Contini. È prevista la pubblicazione di un volume con saggi di approfondimento di carattere storico e storico-artistico, con una parte dedicata agli uffici della Questura che così vengono presentati dagli organzzatri nella scheda che segue:.

STORIA DELL'EDIFICIO
«La Casa del Fascio, nota anche come Palazzo Littorio e sede dell'attuale Questura, venne edificata a partire dal 1932 e inaugurata il 28 ottobre del 1933. L'architetto Mario Loreti fu l'ideatore del palazzo che identificava lo stesso potere fascista, esso stesso immagine di propaganda, dove avevano sede tutte le organizzazioni che facevano capo alla Federazione fascista provinciale. A lui si deve anche la creazione di Piazza Montegrappa, cuore della città: vincitore del concorso, progettò tutti gli edifici che si affacciano sulla piazza, compresa la fontana centrale.
Loreti ebbe l'intuizione per Palazzo Littorio di sfruttare il terreno triangolare posto poco distante nel Palazzo del Governo in Villa Recalcati. La verticalità della struttura venne garantita dalla poderosa torre dell'orologio, ove era posta una campana, disegnata da Montanari. Il complesso edilizio venne costruito dalla ditta Daniele Castiglioni in cemento armato e rivestito esteriormente nella zona basamentale di ceppo, di mattoni con fasce e stipiti in travertino. Le pareti furono intonacate col terranova, utilizzato negli anni Trenta per le sue risorse policrome.
Strutturato su tre piani, il palazzo disegna un triangolo con due edifici laterali speculari che convergono nel vertice rappresentato nella torre dell'orologio.
Al piano terreno è collocato il Sacrario, come veniva denominato all'epoca, rimasto immutato nel tempo e unico caso di sacrario fascista conservatosi. L'intera stanza è ricoperta da piastrelle lucide ed opache nere con decori in oro zecchino che sono state realizzate dalla Società Ceramica Italiana di Laveno Mombello su disegno dell'architetto Guido Andlovitz.
Lo scalone d'onore appare come una raffinata struttura autoportante con lastre di marmo parzialmente sovrapposte l'una all'altra con un'elegante balaustra completata da un corrimano ligneo.
Per abbellire alcuni ambienti dell'edificio venne chiamato il pittore marchigiano Giuseppe Montanari, che si era trasferito a Varese alla fine della Prima Guerra Mondiale per amore di Nina Ghiringhelli, sorella del suo compagno d'armi Celestino. L'artista, formatosi a Brera, aveva partecipato con successo a varie esposizioni nazionali e internazionali. Il pittore Montanari decise di affrescare il palazzo con le sue opere monumentali e celebrative del regime fascista.

LA MOSTRA
Il percorso della mostra inizia al piano terra: un primo approfondimento è dedicato a Mario Loreti con l'esposizione dei disegni del progetto dell'edificio, mentre in vetrinetta sono collocati materiali sulla storia dell'edificio, illustrata anche da un pannello esplicativo. Il sacrario, posto di fronte, è descritto con una vetrinetta espositiva con i disegni delle ceramiche di Guido Andlovitz, fotografie, giornali d'epoca e un pannello illustrativo.
La mostra prosegue nel salone delle adunanze, ora sala destinata alla mensa. Ai lati dell'ingresso del salone sono visibili due affreschi, recentemente restaurati, accanto ai quali sono collocati i rispettivi spolveri e cartoni, ritrovati tra le numerose carte dell'archivio Montanari.
In origine la sala era arricchita da due grandi affreschi ora scomparsi; i lavori di ricerca hanno evidenziato solo tracce della loro collocazione sulle pareti. Di un affresco si è deciso di riproporne in dimensione reale (280 x 440) una fedele riproduzione su carta da parati. Rappresenta La potenza
dell'Italia: al centro si erge la figura dell'Italia che protegge un prestante giovane fascista, orgoglioso di aver completato il percorso di crescita attraverso la partecipazione a tutte le associazioni e lo svolgimento di tutte le attività ginniche, illustrate a lato. Completano il percorso di mostra in questa sala un pannello esplicativo e una vetrinetta con giornali e fotografie d'epoca e altro materiale documentario.
Il primo piano è dedicato a un unico imponente affresco. In quella che era la stanza del Direttorio ed ora ufficio del Questore, si è salvato, senza subire alcun rimaneggiamento, il grande affresco 300 x 720 cm, che sovrasta il portone d'ingresso. L'affresco rappresenta una Vittoria alata che porge la corona d'alloro ad un Milite ignoto. L'opera è completata con l'immagine del Duce a cavallo, seguito dai gagliardetti e dai vessilli romani. Sotto i zoccoli del destriero giace un leone privo di vita.
Le grandi capacità pittoriche di Montanari sono qui esplicate attraverso l'opera grafica: i cartoni preparatori per l'affresco della sala del Direttorio, una possente figura di Vittoria alata (465 x 180), a seguire un altro cartone (255 x 117) raffigurante il leone che si trova ai piedi del cavallo. Completano gli elementi in mostra pannelli esplicativi e vetrinette che raccontano come Mussolini a cavallo sopravvissuto alle cancellazioni a palazzo Littorio invece sia stato ritoccato in altri affreschi come successe nel Palazzo delle Corporazioni, ora Camera di Commercio. Pertanto, all'affresco originale sono affiancate i bozzetti e le fotografie che illustrano tutte le modifiche subite.
Il piano secondo si apre con cartoni che rappresentano La potenza dell'Italia, affresco posizionato in origine nella Sala Adunanze e riprodotto per la mostra su carta da parati.
A seguire, nella sala delle riunioni sono esposti i cartoni relativi all'affresco L'esaltazione del Lavoro che decorava le pareti della sala Adunanze; nell'opera si possono ammirare due figure di donna, l'una con un bimbo in braccio e l'altra con un cesto sul capo pieno di frutti, un uomo nell'atto di seminare.
Infine, del quarto affresco intitolato L'offerta che si poteva ammirare nella sede della Federazione dei Fasci femminili - locali oggi in uso alla Digos - sono stati messi in mostra lo spolvero e il relativo cartone. Presenta lo stesso tema di un quadro a olio dipinto da Montanari per essere esposto alla Biennale di Venezia e realizzato in occasione della campagna per la raccolta dell'oro per la patria. Dedicato alla donna italiana, esaltata nel gesto sublime di donare l'oro alla Patria, nel cartone campeggiano quattro figure femminili: al centro una vecchia che porge la medaglia d'oro del suo figliuolo caduto in guerra e ai lati una madre con la bambina in braccio e una giovane sposa che offrono le fedi nuziali.
Conclude il percorso la visione di una serie di immagini degli edifici e delle strade costruite in epoca fascista e che caratterizzavano la città di Varese, allora appena nominata capoluogo di Provincia».