Edizione n.7 di mercoledì 14 febbraio 2018

Varese, come identificare le difficoltà in matematica

All'Università dell'Insubria presentazione di un progetto di ricerca sull’adattamento per l’Italia di un software
dalla locandina

Far conoscere a professionisti, insegnanti e genitori la complessità delle difficoltà nell’ambito matematico, le strategie per identificarle, diagnosticarle e potenziarle alla luce delle più recenti evidenze della ricerca clinica e pedagogica. Questi gli obiettivi del convegno "Matematica: apprendimento, difficoltà e potenziamento”, organizzato a Varese dall'Università degli Studi dell’Insubria giovedì 8 febbraio (dalle 9 alle 17,15) , che ha già registrato il tutto esaurito. Sarà presentato un progetto di ricerca che prevede l’adattamento per l’Italia del software “MathPro Test” ad uso degli insegnanti, per identificare le difficoltà in ambito matematico a scuola e attivare percorsi specifici di potenziamento.
Il progetto è condotto da Cristiano Termine, docente di Neuropsichiatria infantile all'Università dell'Insubria, e da Claudio Merletti e Luigi Macchi (Ufficio scolastico di Varese), in collaborazione con i professori Luisa Girelli (Università di Milano Bicocca), Anna Baccaglini-Frank (Università di Pisa), G. Giannis Karagiannakis (Università di Atene), Marie-Pascale Noel (Università di Lovanio) e Constantinos Daskalakis (MIT di Boston).
SPERIMENTAZIONE TRA 700 BAMBINI
Il software è composto da una batteria di valutazione computerizzata per le difficoltà dell’ambito matematico per bambini della scuola primaria e del primo anno della scuola secondaria di primo grado, che può essere usato direttamente dagli insegnanti a scuola. Il progetto prevede la standardizzazione della versione italiana di questo strumento, che comprende diciannove prove per misurare le abilità matematiche nei diversi domini: area del numero, memoria, abilità visuo-spaziali e ragionamento. Il test è facilmente accessibile per tutti gli studenti e misura i potenziali punti di forza e di debolezza su un’ampia area di competenze matematiche.
Successivamente, partendo dai risultati della valutazione, sarà possibile accedere a un percorso di potenziamento, sempre attraverso il computer, con autoregolazione tramite intelligenza artificiale. MathPro potrà essere facilmente utilizzato per somministrazioni sia individuali sia di gruppo, poiché tutte le istruzioni sono fornite attraverso video, immagini e audio senza necessità di un esaminatore per studente.
La sperimentazione del test prevede il coinvolgimento di circa settecento bambini delle scuole di Varese e provincia, dalla prima alla quinta classe della scuola primaria e del primo anno di scuola secondaria di primo grado, con la somministrazione delle prove per la validazione del test tra marzo e aprile 2018.