Edizione n.16 di mercoledì 22 maggio 2019

Varese, all’Ospedale Del Ponte incubatrici e gastroscopi pediatrici di ultima generazione

Valore oltre 260.000 euro – I fondi raccolti dalla Fondazione Il Ponte del Sorriso
Ospedale del Ponte incubatrici
Ospedale del Ponte incubatrici

Assicureranno il trasporto in massima sicurezza di tutti i neonati che, nati ad esempio in altri punti nascita del territorio, debbano essere trasferiti nella struttura varesina di alta specializzazione. Sono quattro incubatrici di ultima generazione, di cui una da trasporto, e due gastroscopi pediatrici donati ai reparti pediatrici dell’Ospedale Del Ponte di Varese. Valore complessivo, oltre 260.000 euro.
Le nuove apparecchiature sono state consegnate il 9 maggio 2019 alla struttura di Neonatologia e Terapia intensiva neonatale del professor Massimo Agosti. I fondi sono stati raccolti dalla Fondazione Il Ponte del Sorriso con la campagna “Aiutaci a proteggerli” e grazie al grande impegno dei volontari durante le iniziative natalizie.
«Sono tantissime le persone che hanno deciso di sostenere questo nostro progetto di acquistare nuove apparecchiature per rendere l'Ospedale Del Ponte sempre più tecnologicamente avanzato - precisa la presidente della Fondazione Il Ponte del Sorriso, Emanuela Crivellaro - Dietro a una donazione spesso vi è una motivazione, alle volte anche molto toccante, più facilmente arriva da chi ha pensato di far diventare il proprio compleanno un’occasione per fare del bene, di devolvere il ricavato del mercatino natalizio scolastico o della festa dell’asilo, da aziende e dai loro dipendenti che credono nella responsabilità sociale».

PROGETTO PILOTA
L'incubatrice da trasporto sarà utilizzata per il Servizio di trasporto in emergenza neonatale (Sten), un servizio che è un'eccellenza in Lombardia e che proprio a Varese è stato avviato come progetto pilota. Le altre tre incubatrici sono invece destinate all’attività di reparto: accoglieranno cioè tutti i neonati che, a causa delle prematurità o della presenza di particolari patologie, richiedono un periodo di degenza in un reparto protetto come la Tin.
I due gastroscopi pediatrici, invece, uno slim e uno medio, sono stati consegnati al direttore della Chirurgia pediatrica, dottor Valerio Gentilino, e completano l’offerta chirurgica al Del Ponte. Consentono di definire una diagnosi per gestire situazioni d’emergenza o per eseguire procedure complementari durante complessi interventi chirurgici. I bambini potranno essere sottoposti, a partire dall’epoca neonatale, ad esami indispensabili per definire una diagnosi, per gestire situazioni d’emergenza o per eseguire procedure complementari durante complessi interventi chirurgici.
I chirurgi pediatrici dell’Ospedale Del Ponte sono - in ambito endoscopico - in stretto contatto con gli specialisti della Gastroenterologia dell’Ospedale di Circolo, diretta dal dottor Sergio Segato. La stretta collaborazione aiuta i chirurghi pediatrici a offrire un servizio ancora più completo per i piccoli pazienti bisognosi di indagini endoscopiche.