Edizione n.41 di mercoledì 30 novembre 2022

Milano, una nuova icona nello skyline urbano

Il progetto dello studio Park Associati di Milano vincitore del bando per la realizzazione del nuovo edificio che ospiterà gli enti e le società del sistema Regione Lombardia
foto Regione Lombardia

Una nuova icona si inserisce nello skyline milanese e sarà riconoscibile non solo volumetricamente ma anche per i principi architettonici e per la responsabilità sociale che esprime. È il nuovo edificio che ospiterà gli enti e le società del sistema della Regione Lombardia ed è stato ideato dallo studio Park Associati di Milano.
Il progetto ha vinto il bando per la realizzazione della nuova sede di enti e società della Regione ed è stato presentato 16 novembre 2022 in conferenza stampa dal presidente Attilio Fontana, affiancato dal direttore generale di Aria Spa, Lorenzo Gubian, dal responsabile per le infrastrutture civili, Rosario Cirrelli, e dai soci fondatori dello studio Park Associati, gli architetti Michele Rossi e Filippo Pagliani.
La nuova sede, come ha osservato Fontana, diventerà «motore della rigenerazione urbana del quartiere grazie a un sistema di spazi urbani di condivisione accessibili, permeabili e sostenibili». L'aggiudicazione, in via provvisoria, sarà confermata entro trentacinque giorni. Lo studio Park Associati avrà il compito di sviluppare il progetto di fattibilità tecnica ed economica e, nel rispetto delle previsioni del bando, potrà vedersi assegnata anche la progettazione definitiva ed esecutiva.

CONCORSO E PREMIO
Il lotto interessato, come ha spiegato Lorenzo Gubian, è compreso tra le vie Pola-Taramelli-Abbadesse e Rosellini. «Una posizione strategica per la vicinanza con Palazzo Lombardia e Palazzo Pirelli e per la collocazione a ridosso del rinomato distretto dell'Isola, lo Scalo Farini, Porta Nuova e Porta Garibaldi, ma anche il limitrofo distretto della Maggiolina».
L'edificio – ha puntualizzato l'architetto Michele Rossi - si caratterizza per «una alternanza di parti basse e parti verticali, con la torre che diventa parte integrante dello skyline di Milano. Il verde è l'elemento di congiunzione in tutto il progetto».
Il concorso è stato lanciato il 24 marzo scorso da Aria Spa su 'Concorrimi', la piattaforma concorsuale dell'Ordine degli Architetti di Milano, ed era articolato in due gradi. Al primo grado (concluso il 24 maggio 2022) hanno partecipato 28 concorrenti. In giugno la commissione giudicatrice ha individuato le cinque proposte ammesse al secondo grado. I concorrenti ammessi hanno avuto circa tre mesi per presentare le loro proposte di dettaglio e il 15 novembre, in seduta pubblica, è stato annunciato il vincitore.
Il vincitore del concorso riceverà un premio di 839.852,43 euro al netto di oneri previdenziali e Iva se dovuti, pari al 70% dell'importo della parcella relativa al progetto di fattibilità tecnica ed economica (pari ad euro 1.199.789,18).
«Il verde - ha aggiunto l'architetto Filippo Pagliani (Studio Park associati) - è il grande protagonista di questo progetto, tramite la creazione di un giardino resiliente ed autosufficiente, con la natura protagonista in orizzontale e poi anche in verticale inerpicandosi sulla torre. Su una torre è prevista una spina verde che si arrampica sull'edificio e permetterà ad ogni piano di avere uno sfogo naturale verso l'esterno».