Edizione n.40 di mercoledì 18 ottobre 2017

Varese, lago a secco ma niente smog (per ora)

Polveri sottili sotto i limiti nonostante il 96,3% di pioggia in meno
lago di Vareswe, Bodio

Cielo terso, sole splendente, temperature miti e caloriferi ancora spenti. Naturalmente, però, polveri sottili alle stelle nell’aria e niente piogge. Questo il profilo meteo della Lombardia, ma non tutta.
A Varese il lago è sceso 30 centimetri sotto lo zero idrometrico, ma la qualità dell’aria si mantiene, a giudizio della Coldiretti provinciale sulla scorta di dati Arpa, buona. Domenica 15 ottobre nel capoluogo i livelli di polveri sottili sono arrivati a 39 microgrammi contro un limite di 50 microgrammi. «La situazione degli inquinanti nell’aria — spiega Coldiretti Varese — è sotto controllo nonostante l’assenza di piogge che, nella prima decade di ottobre, ha fatto registrare il 96,3% in meno di precipitazioni rispetto alla media climatica, ossia 1,7 millimetri contro i 47,1 millimetri della media, in attesa delle precipitazioni annunciate per il fine settimana che potrebbero aiutare ad abbattere gli inquinanti e a riempire il lago».
Nella fascia prealpina, secondo l’associazione degli agricoltori, la situazione degli inquinanti nell’aria è migliore rispetto a quella di altre province lombarde, dove il record delle polveri sottili PM10 è toccato a Lodi con 111 microgrammi contro un limite previsto di 50 e un crollo di quasi il 97% delle precipitazioni nella prima decade di ottobre.
«Persino Milano ha fatto "meglio” con 82 microgrammi» aggiunge la Coldiretti. L’aria più pulita si respira a Sondrio con 18 microgrammi, ma se si scende verso la pianura le condizioni peggiorano in modo verticale: Mantova con 98 microgrammi, Cremona con 91 e Pavia con 90. «A fronte di questa situazione – conclude – è necessario un progetto strategico sulla diffusione e la gestione del verde urbano, con misure anche a livello nazionale per la defiscalizzazione degli interventi di inserimento di alberi e fiori». 

Accensione dei caloriferi, dal 15 ottobre bollino blu e controlli

Responsabilità di proprietari, tecnici e anche amministratori di condominio

La particolare situazione meteo non invita certo a farlo. In più, amministrazioni locali e agenzie di protezione ambientale si appellano al senso di responsabilità e civismo. L’autunno è però iniziato da un pezzo e da domenica 15 ottobre - secondo la normativa nazionale - è scattata la possibilità di accendere il riscaldamento in abitazioni e uffici.
Con l’arrivo del freddo arrivano manutenzioni, pulizia di caldaie, camini e stufe, ma anche i controlli. Doverosi e necessari per tutti. «La responsabilità è di tutti» dicono gli esperti di Confartigianato Varese. «Dell’utente e del professionista che controlla l’impianto».
La Provincia di Varese ha avviato una campagna di sensibilizzazione nel 1998 e, da alcuni giorni, sta effettuando controlli e, come precisa Confartigianato, «sono scattate le prime multe». Il coinvolgimento nella responsabilità – aggiunge Confartigianato - si estende agli amministratori di condominio. «Un lavoro o un controllo malfatto - dice Paolo Stura, formatore con un’attività pluridecennale alle spalle - comportano seri pericoli non solo per il proprietario dell’appartamento ma anche per tutti gli altri. Una perdita di acqua si può risolvere con una discussione tra condòmini, ma una perdita di gas, se causa cortocircuito, può tirare giù una casa e quelli che ci abitano». 

Arcisate e Varese, due appuntamenti a favore di Emergency

Emergency, centro pediatrico

Doppio appuntamento, tra sabato 21 e domenica 22 ottobre 2017, del gruppo Emergency di Varese in occasione della Giornata nazionale per il tesseramento.
Ad Arcisate, sabato 21 ottobre (ore 20), cena di solidarietà nell’agriturismo Nuova Fattoria di Brenno; costo euro 22, di cui 6 devoluti ad Emergency (prenotazione necessaria:  334.7780766; 0332.850112). Scopo, raccogliere fondi per sostenere il Centro pediatrico Emergency di Bangui in Repubblica Centrafricana e adesioni al tesseramento 2018 all’associazione.
Seguirà, domenica 22 ottobre (dalle 14 alle 17), a Varese (angolo piazza Monte Grappa) un banchetto Emergency per tesseramento e donazione periodica tramite bonifico bancario per dare continuità al lavoro dell’associazione. Per informazioni: varese@volontari.emergency.it 

Violenza sulle donne, Varese rafforza il contrasto

Nuovi progetti sperimentali di formazione di tutti gli ambiti coinvolti

In provincia di Varese si consolida il contrasto alla violenza sulle donne, che vede già attive due reti territoriali e sei centri antiviolenza. L’11 ottobre 2017 Regione Lombardia e Procura di Varese hanno aperto la strada a una nuova fase di collaborazione circa la formazione integrata dei principali referenti dell'autorità giudiziaria organizzata dalla Procura. La collaborazione regionale con forze dell'ordine, servizi sociali, ospedali e consulenti permetterà di affrontare in maniera più completa e professionale le varie fasi del procedimento penale, assicurando alla vittima una protezione a 360 gradi.
Con il piano quadriennale 2015-18, la Lombardia ha avviato tra il 2014, il 2015 e il 2016 la formazione di 566 avvocati, oltre milla addetti del sistema socio-sanitario e circa 780 operatori. Inoltre sono state attivate diciotto reti territoriali interistituzionali antiviolenza coordinate da Comuni capofila e sostenute dal 2013 al 2017 con lo stanziamento di 3.890.000 euro. Il programma regionale 2017-2019 è stato rifinanziato con ulteriori 3.693.786 milioni di euro di risorse regionali e nazionali. 

Terapie oncologiche, contributo regionale per acquisto parrucche

In Lombardia il sostegno a persone sottoposte a terapia oncologica

Contributo economico della Regione Lombardia fino a un massimo di 150 euro per l’acquisto di parrucche a favore di persone con alopecia da chemioterapia. Per modalità operative e modulistica rivolgersi all’Asst di competenza.
Il sostegno è previsto da una deliberazione della giunta della Regione Lombardia (n.6614/17) e da un decreto della Direzione Generale Reddito di Autonomia e Inclusione Sociale (n. 9906/17). La misura prevede inoltre la possibilità di avere informazioni e orientamento rispetto ai diversi contesti di aiuto alle persone e alle loro famiglie, che possano ridurre la vulnerabilità e migliorare la resilienza. 

Lombardia, 500.000 euro ai 1.600 vigili del fuoco volontari

Stabiliti i criteri di assegnazione del fondo a onlus e associazioni di promozione sociale

Sostegno regionale al lavoro dei 1600 vigili del fuoco volontari dislocati in oltre settanta distaccamenti della Lombardia. Il 2 ottobre 2017 Palazzo Lombardia ha fissato i criteri per l'assegnazione dei 500.000 euro previsti da una legge (la 11/2017).
SPESE AMMISSIBILI
La Regione Lombardia destinerà un contributo a fondo perduto pari al cento per cento delle spese ammissibili fino a un massimo di 10.000 euro per progetto. Sono riconosciute le spese per l'acquisto di radio portatili, motoseghe, termocamere, motoventilatori, gruppi da soccorso idraulico, gruppi pneumatici da sollevamento, motopompe e altre dotazioni tecniche.
Il finanziamento regionale sarà erogato entro il 28 febbraio 2018, mentre le rendicontazioni dovranno pervenire entro il 31 dicembre 2017.
CRITERI
Beneficiari del fondo saranno le onlus e le associazioni di promozione sociale (Aps). Tra le loro finalità statutarie devono figurare il sostegno a un distaccamento volontario del Corpo nazionale dei vigili del fuoco presente sul territorio regionale. Altri requisiti sono: iscrizione nell'elenco regionale; sede legale e operativa in Lombardia; assenza di fini di lucro; democraticità della struttura; elettività e gratuità delle cariche associative; gratuità delle prestazioni degli aderenti; obbligo di formazione del resoconto economico annuale; clausola di devoluzione del patrimonio in caso di scioglimento dell'organizzazione. 

Pro Loco in Lombardia, bando da 700.000 euro

Previsti voucher da 1500 euro per oltre 650 associazioni

Ossigeno per l’attività delle oltre 650 Pro Loco iscritte all'albo regionale della Lombardia. Nelle prossime settimane un bando di Regione Lombardia aprirà l'assegnazione di un voucher da 1500 euro.
La misura punta a sostenere le attività delle associazioni turistiche. Destinatarie, soprattutto – come rilevato dall'assessore allo Sviluppo economico - «quelle con il più alto valore di promozione turistica ed incremento dell'attrattività locale». 

Rsi, originale radiofonico per i 170 anni del Teatro Sociale di Bellinzona

Centosettant’anni dall’inaugurazione (26 dicembre 1847) e venti dalla riapertura (17 ottobre 1997). Dietro queste date si sviluppa la storia del Sociale di Bellinzona, unico teatro neoclassico all’italiana in Svizzera, integro nella struttura e ancora splendido. Per festeggiare la doppia ricorrenza Rete Due RSI  ha messo in onda da lunedì 9 a venerdì 13 ottobre (ore 13.30) lo sceneggiato “Piccola storia di un grande amore”, originale radiofonico scritto e diretto da Ferruccio Cainero e Franco Di Leo e prodotto da Francesca Giorzi.
Con lo stile ironico e leggero che li contraddistingue, i due autori sono andati alla ricerca delle più significative vicende del teatro tratteggiandone in cinque momenti la storia e recuperando atmosfere del passato in cui si riconfermano il fascino del monumentale edificio e il suo valore culturale e storico.

Varese, scoperta truffa per 1,2 milioni di euro

Denunciato sub-agente assicurativo - Sottratti al fisco redditi per oltre 550.000 euro
gdf

Confezionava polizze fasulle, si metteva in tasca i premi e agli ignari clienti dava un pezzo di carta privo di ogni forma di copertura. Così un infedele sub-agente di una compagnia di assicurazione ha raggirato almeno quindici persone e truffato circa 1,2 milioni di euro.
La magagna è venuta a galla a seguito di un’indagine dei finanzieri della Compagnia di Saronno, innescata da diverse denunce sporte da alcuni cittadini.
Perquisizioni e indagini disposte dall’autorità giudiziaria hanno consentito ai militari di raccogliere una vasta documentazione e di identificare la maggior parte dei clienti truffati. Le investigazioni bancarie hanno permesso di individuare i movimenti di denaro sui conti correnti e di ricostruire il percorso delle somme ricevute per il pagamento dei premi assicurativi. Alla fine è stato accertato che solo in minima parte le somme sono state restituite ai malcapitati nel corso delle investigazioni, mentre per la maggior parte sono state sperperate dal truffatore. Sul suo capo pendono ora l’accusa di truffa aggravata e continuata e una pendenza con il fisco. Sul denaro sottratto e non restituito ai clienti negli anni dal 2012 al 2015 e quantificato in oltre 550.000 euro non sono state pagate le imposte. In campo pertanto entra ora anche l’Agenzia delle Entrate per il recupero a tassazione delle imposte evase e la definizione delle relative sanzioni.

Varese e Como, master formatori interculturali di lingua italiana per stranieri

Iscrizioni all’Università dell’Insubria entro il 23 ottobre

Fino al 23 ottobre 2017 è possibile iscriversi al Master Formatori interculturali di lingua italiana per stranieri (Filis). Si tratta di un corso post lauream di primo livello, nato all’Università degli Studi dell’Insubria per rispondere alle richieste dettate dalla condizione di multiculturalità che caratterizza la società contemporanea.
Il master Filis, riconosciuto dal Miur come titolo di specializzazione in Italiano Lingua 2, è rivolto a tutte le persone che già lavorino o che desiderino lavorare nel campo dell’insegnamento dell’italiano come lingua straniera. Inoltre, il diploma è valido per concorsi a cattedra classe A-23 e in Italia e all’estero può essere utilizzato per l’inserimento nel settore dell’insegnamento della lingua italiana in centri linguistici, istituti di cultura, enti di formazione, enti locali, associazioni e cooperative, imprese pubbliche e private.
SCHEDA MASTER
Tipologia Master: Master di Primo Livello. Sito web: http://www4.uninsubria.it/on-line/home/articolo14053.html.
Posti disponibili: 60. Durata del corso: annuale. Periodo di svolgimento: novembre 2017-giugno 2018. Modalità didattica: lezioni videoregistrate, consegna elaborati, valutazioni settimanali. Lingua: italiana. Frequenza: nessuna; la presenza è richiesta solo all’esame finale e alla discussione della tesi.
Scadenza presentazione domande di ammissione: ore 12 del 23 ottobre 2017. Modalità di selezione: voto di laurea. Quota di partecipazione: euro 1.490. Agevolazioni/borse di studio: no. Per informazioni: filis@uninsubria.it.