Edizione n. 34 di mercoledì 16 ottobre 2019

Alessandro Fagetti membro del Gruppo di Studio Patologie del Polso della Società Italiana di Chirurgia della mano

dott. Fagetti

A Firenze, all'apertura del congresso della Società italiana di chirurgia della mano (Sicm), è stato ufficialmente presentato, il 10 ottobre 2019, il nuovo gruppo di studio dedicato alle patologie del polso. Membro junior è stato nominato il dottor Alessandro Fagetti, chirurgo ortopedico afferente alla struttura di Chirurgia della mano e microchirurgia dell'Ospedale di Circolo di Varese, diretta dal professor Mario Cherubino.
Il gruppo ha lo scopo di migliorare gli standard diagnostico-terapeutici nel trattamento delle patologie del polso attraverso la promozione di attività di formazione e ricerca negli ambiti di anatomia e biomeccanica, diagnostica clinica e per immagini, tecnica chirurgica open e artroscopica, riabilitazione pre e postoperatoria.
Nella foto il dott. Alessandro Fagetti.

Lugano, al Lac concerto di San Silvestro con Osi e il direttore Urbański

Dal 15 ottobre è iniziata la prevendita biglietti per il concerto di San Silvestro al LAC Lugano Arte e Cultura. Alle 18.30 si festeggerà l’arrivo del nuovo anno con un direttore fra i più affermati della sua generazione, il polacco Krzystof Urbański. Nel Centro culturale della città che racchiude musica e arti applicate, non potrebbe suonare meglio la raccolta intitolata Quadri di un’esposizione, con la quale Modest Musorgskij omaggiò l’amico architetto Victor Hartmann, illustrando una passeggiata fra alcuni dei suoi disegni e acquarelli. Musorgskij scrisse una delle partiture per pianoforte più originali del secolo XIX, che un suo grande ammiratore novecentesco, Maurice Ravel, trascrisse per orchestra, ottenendo un successo ancor più grande dell’originale pianistico. La serata prevede come brano di chiusura il Boléro di Ravel. Al termine brindisi augurale con Urbański e l’Orchestra della Svizzera italiana.
Prevendita presso biglietteria LAC Lugano piazza Luini 6 (ma-do 10-18) e online su luganolac.ch. I biglietti saranno in vendita anche prima del concerto sempre in biglietteria. Dettagli: osi.swiss

Varese, obesità patologica, ambulatorio chirurgia bariatrica

Aperto all'ospedale di Circolo tutti i giovedì

A Varese è aperto all'ospedale di Circolo, da giovedì 10 ottobre, un ambulatorio di chirurgia bariatrica dedicato al trattamento chirurgico dell'obesità patologica. A visitare i pazienti, i chirurghi dell'équipe di Tradate guidata dal dottor Andrea Rizzi, specializzati nell'indirizzo bariatrico.
L'ambulatorio, attivo tutti i giovedì dalle 9 alle 12, si trova al secondo piano del padiglione centrale. Per accedervi, occorre un'impegnativa per prima visita di chirurgia bariatrica o per visita di controllo di chirurgia bariatrica, sia telefonando al numero verde regionale, sia rivolgendosi direttamente ai cup dell'Azienda socio sanitaria territoriale dei Sette Laghi.

Case Aler, a Milano recuperati 2.000 alloggi sfitti e abbassato abusivismo

Invertita una tendenza durata dal 2012 al 2018

A Milano calano case sfitte e occupazioni abusive. Da aprile 2018 Aler, solo a Milano, ha recuperato circa 2.000 alloggi e lo stesso ha fatto il comune ambrosiano. Inoltre, si sta anche invertendo la tendenza delle occupazioni abusive, che dal 2012 al 2018 sono sempre aumentate.
La situazione abitativa è stata presentata il 4 ottobre 2019 a Milano dall'assessore regionale Stefano Bolognini, intervenuto su delega del presidente Attilio Fontana al Comitato provinciale per l'ordine pubblico e la sicurezza, tenutosi in prefettura e presieduto dal ministro dell'Interno, Luciana Lamargese. Le occupazioni abusive sono scese da 4.500 a circa 4.000. «Ciò significa – ha commentato Bolognini - che gli interventi sociali e di rigenerazione urbana che abbiamo messo in campo stanno funzionando».
CREDITI ALER PER 300 MILIONI
Sempre riferendosi alla situazione dei quartieri popolari milanesi, Bolognini ha lodato l'importante lavoro della Guardia di finanza in un contesto di diffusa illegalità. Aler vanta 300 milioni di euro di crediti di morosità consolidata (colpevole e incolpevole). «In questo quadro, l'accertamento dei dati dei patrimoni è fondamentale per procedere con il recupero dei crediti e per aiutare chi veramente ha bisogno e ha diritto e procedere allo sgombero di chi non ha titolo». 

Besozzo, via libera al piano area ex Fornace

Interventi di attrattività sostenuti da contributo regionale di 100.000 euro e risorse comunali di 58mila

A Besozzo (Varese) l'area “brownfield” della ex Fornace, di proprietà privata, potrà essere rigenerata e adibita ad attività industriale/artigianale, per un totale di 30.000 metri quadri di superficie fondiaria. Il 1° ottobre 2019 la giunta regionale della Lombardia ha dato, su proposta dell'assessore Alessandro Mattinzoli, via libera agli accordi di attrattività territoriale, presentati dal comune e previsti all'interno del Bando AttrACT.
Il comune varesino punta ad attrarre nuovi investitori nel territorio. Il suo piano prevede la realizzazione di diverse opere infrastrutturali volte al miglioramento dell'accessibilità e dei servizi adiacenti all'area proposta. Per un miglioramento funzionale dell'area industriale, sono previsti inoltre sia l'acquisto di attrezzatura e dotazioni tecnologiche per il potenziamento di servizi alle imprese, sia la progettazione e realizzazione di materiali di promozione, oltre la consulenza per la revisione del Piano generale territoriale.

PREATICHE PIU' VELOCI E RIDUZIONI ONERI
Regione Lombardia sosterrà gli interventi con un contributo di 100.000 euro, al quale l'amministrazione locale aggiungerà 58.000 euro di risorse proprie. Nell'ambito della semplificazione, Besozzo si impegna ad attivare sia lo sportello Sue, per la presentazione digitalizzata delle pratiche edilizie, sia la gestione semplificata dei pagamenti per gli oneri dovuti al comune e agli altri enti coinvolti.
Nell'ambito delle incentivazioni economiche e fiscali, il comune ha previsto la riduzione degli oneri di urbanizzazione di almeno il 20 percento per l'opportunità insediativa inserita nel Programma AttrACT.
IL BANDO
Programma AttrACT mira a valorizzare l'offerta territoriale e a promuovere, in Italia e all'estero, opportunità di localizzazione e investimento in Lombardia. Suo pilastro, il sostegno ai comuni che si impegneranno a introdurre azioni volte alla semplificazione, alla riduzione dei costi a carico delle imprese, al supporto all'insediamento di attività economiche e alla definizione di tempi certi anche attraverso la creazione di percorsi di aggregazione dei principali stakeholder del territorio. 

Piemonte, emergenza apicoltura, sostegno al settore

Prestiti regionali agevolati e rinnovabili per due anni

In Piemonte, quest'anno, la mancata produzione di miele di acacia ha generato un danno quantificabile in 16,5 milioni di euro. Lo stato di emergenza ha spinto, il 2 ottobre 2019, l’assessore all’agricoltura Marco Protopapa a varare una serie di provvedimenti di sostegno al settore.
Gli apicoltori potranno ottenere crediti agevolati annuali e rinnovabili per due anni, compresi tra un minimo di 5.000 euro e un massimo di 80.000 euro. Le domande si possono presentare fino al 31 ottobre attraverso i C.A.A. La Regione Piemonte interverrà con un contributo sugli interessi maturati.

Castiglione Olona, di sera a casa Branda Castiglioni

Visita esclusiva a suggestive dimore quattrocentesche
Palazzo Branda_Castiglioni
Palazzo Branda_Castiglioni sera

Visita conviviale serale, venerdì 11 ottobre 2019 dalle ore 18.45, a due tra i palazzi più suggestivi del Varesotto. A Castiglione Olona l'amministrazione comunale rinnova l'Invito a Palazzo, accolto con successo di pubblico lo scorso 27 settembre. In una esclusiva apertura i visitatori avranno l'occasione di scoprire il Palazzo Branda Castiglioni, storica dimora del Cardinal Branda Castiglioni (1350-1443), abitata fino agli inizi degli anni ’80 dai suoi discendenti, e il Palazzo dei Castiglioni di Monteruzzo, dove gli ambienti quattrocenteschi dialogano con la collezione contemporanea del Museo Arte Plastica. Chiuderà la visita un aperitivo nel portico d’onore di Palazzo Branda.

«L’iniziativa – spiega l’assessora alla cultura Cristina Canziani – vuole creare una serie di appuntamenti serali rivolti ad un pubblico eterogeneo, con lo scopo di presentare e far conoscere le bellezze di Castiglione Olona attraverso la stretta collaborazione di quelle realtà commerciali presenti sul territorio che da sempre si dimostrano sensibili alla valorizzazione del nostro patrimonio storico, come Caffè Pastori».
La partecipazione - fino ad esaurimento posti e su prenotazione - comprende il biglietto d’ingresso cumulativo ai due Palazzi, l’accompagnamento alla visita (durata di sessanta minuti) a cura del personale dei Musei Civici, buffet e una consumazione a scelta tra le proposte del Caffè Pastori nel Portico d’Onore di Palazzo Branda Castiglioni.
Per prenotazioni o informazioni, rivolgersi all’Ufficio Cultura del Comune di Castiglione Olona (tel. 0331.858301; e-mail: cultura@comune.castiglione-olona.va.it). 

Nocciole, in Lombardia attive 294 aziende

Impegno regionale per sviluppare la produzione e ridurre l'import dalla Turchia

Negli ultimi quindici anni la produzione mondiale di nocciole è aumentata del 35%. L'Italia produce solo il 13% circa a livello mondiale e importa il 43% del suo fabbisogno annuale, attingendo in gran parte dalla Turchia, primo produttore mondiale. Ora la Lombardia intende investire risorse per svilupparne sul territorio la produzione e per limitare le importazioni.
«La coltivazione delle nocciole è estremamente redditizia, sostenibile, con varietà nazionali di estrema qualità e può consentire di recuperare zone collinari abbandonate». Lo ha detto l'assessore regionale Fabio Rolfi al convegno dell'8 ottobre a Palazzo Pirelli sulla corilicultura in Lombardia. «In Lombardia sono attive 294 aziende per 157 ettari sui 71.000 nazionali. Numeri in crescita, ma ancora marginali» ha puntualizzato Rolfi. «La nocciola è una coltivazione non difficoltosa, moderna ed ecosostenibile. Necessita di un supporto per i primi cinque anni ma poi risulta molto redditizia» ha aggiunto.
La Regione Lombardia creerà un distretto e garantirà un servizio tecnico di supporto alla nascita di nuove aziende e individuerà misure innovative per sostenere nei primi anni il reddito delle aziende che coltivano nocciole (incentivi per il biologico; particolari indennità compensative; anticipazione dei redditi futuri attraverso fondi e garanzie specifiche). Saranno poi previste misure specifiche nella futura programmazione Pac 2021/2027 e punteggi specifici soprattutto ove si realizzino investimenti comuni tra le aziende corilocolturali.
Questi i dati delle coltivazioni di nocciola in Lombardia suddivisi per provincia e metri quadri di superficie:
*BERGAMO, 65.466 mq.
*BRESCIA, 199.837
*COMO, 22.889
*CREMONA, 18.347
*LECCO, 152.406
*MANTOVA, 147.523
*MILANO, 79.716
*MONZA BRIANZA, 95.872
*PAVIA, 765.421
*SONDRIO, 15.045
*VARESE, 6.399.