Edizione n.39 di mercoledì 1 dicembre 2021

Lombardia, buono scuola da 300 a 2.000 euro

A disposizione delle famiglie 24 milioni di euro per il pagamento della retta

Dal 17 novembre fino al 21 dicembre 2021 le famiglie lombarde potranno presentare (esclusivamente sulla piattaforma online www.bandi.regione.lombardia.it) la domanda per il buono scuola 2021-2022 per il pagamento della retta in una scuola paritaria o pubblica. A disposizione c'è uno stanziamento regionale di 24 milioni di euro per «garantire – come ha dichiarato il governatore Attilio Fontana - la libera scelta dei percorsi educativi e pari opportunità formative per i nostri studenti».
L’importo è parametrato alla fascia Isee e all'ordine e grado di scuola e va da un minimo di 300 a un massimo di 2.000 euro. La richiesta va presentata tramite dichiarazione in autocertificazione, non deve quindi essere allegata nessuna documentazione. Per la compilazione occorre autenticarsi al sistema utilizzando lo spid, la carta nazionale dei servizi oppure la carta d'identità elettronica.
Il Buono scuola rappresenta una delle quattro componenti della Dote Scuola, l'insieme cioè delle misure con cui Regione Lombardia sostiene economicamente le famiglie e il percorso educativo dei giovani dai 3 ai 21 anni che frequentano corsi di istruzione e di formazione professionale. Le altre tre sono la “Dote materiali didattici” (acquisto di libri di testo, device, strumenti per laboratori scolastici), Dote merito (buoni acquisto o a copertura dei costi di iscrizione e frequenza di istituti di formazione tecnica superiore, istituti tecnici superiori, università e altre istituzioni di formazione accademica) e il Sostegno disabili (contributo a parziale copertura del costo del personale insegnante impegnato in attività didattica di sostegno nelle scuole paritarie).
Per la Regione Lombardia, come ha sottolineato l'assessore all'istruzione Fabrizio Sala, è da sempre una priorità garantire agli studenti la libera scelta dei percorsi educativi e pari opportunità formative. «Con questa misura intendiamo anche combattere il fenomeno dell'abbandono scolastico, assicurando l'accesso a tutti i gradi dell'istruzione e della formazione».