Edizione n.34 di mercoledì 16 ottobre 2019

Educazione ambientale e paesaggio, a Luino il gotha della dimensione scientifica

Sabato 12 e domenica 13 ottobre anche Stefano Mancuso e Kiran Bin Sethi ospiti del premio Earth Prize International
Programma del 12
Programma del 13

Con l'ampio e capillare programma e la dimensione scientifica approderà a Luino sabato 12 e domenica 13 ottobre "Earth Prize 2019", premio per l'educazione ambientale e il paesaggio. Promosso dal Segretariato permanente del World Environmental Education Congress (WEEC network) e dal Comune di Luino, il premio, che vede direttore artistico Luca Novelli, giornalista e scrittore, ha portata internazionale attraverso il network e i congressi biennali della rete degli educatori ambientali. «Nasce – scrivono gli organizzatori - dall’idea che l’educazione ambientale sia indispensabile per la sopravvivenza della nostra specie e di centrale importanza per l’economia, la pace e la salute di tutti. Mission, identificare e dare un riconoscimento a personaggi, organizzazioni e progetti replicabili in altre parti del mondo, che mirano a proteggere e valorizzare paesaggi e risorse ambientali, alla luce dei cambiamenti climatici in atto». «Non si tratta più di un argomento di nicchia - rileva Alessandra Miglio, assessora all’ambiente del Comune di Luino -, i cambiamenti climatici li viviamo e li subiamo tutti anche a livello locale e ci impongono di comportarci da subito in modo più sostenibile».
Ospiti di fama alla due giorni luinese. Tra loro Stefano Mancuso, neurobiologo vegetale e scienziato di fama mondiale, amatissimo per il suo Manifesto della Nazione delle Piante. Sarà presente sia sabato 12 sia domenica 13. Nel 2012 il quotidiano La Repubblica lo ha indicato tra i venti italiani destinati a cambiarci la vita e nel 2013 il New Yorker lo ha inserito nella classifica dei “world changers”.
Altro nome di prestigio Kiran Bin Sethi, insegnante e direttrice della Riverside School di Ahmedabad, in India, fondatrice del progetto Design for Change, campagna che incoraggia gli scolari a cambiare alcuni aspetti della vita nelle proprie comunità. Il progetto ha coinvolto oltre 32mila scuole in India e centinaia di migliaia di ragazzi. Dal 2010 ha raggiunto ventidue Paesi. Kiran Sethi è una dei dodici Thought Leaders of the World secondo il Culture of Peace Forum di New York City nel 2011. Per Earth Prize Paesaggio ci sarà inoltre Maddalena Gioia Gibelli, architetta progettista di paesaggi agricoli e urbani e della Via d'acqua di Expo 2015. Saranno inoltre presenti il movimento Fridays for Future, che pochi giorni fa ha invaso pacificamente le strade del mondo con il Global Climate Strike, AECP (Alliance pour une Éducation à la Citoyenneté Planétaire), rete francofona diffusa in Europa, Africa e Canada che accompagna i giovani nelle azioni ecologiche verso una maggiore sostenibilità e la fondazione éducation21, centro nazionale di competenza e prestazioni per l’educazione allo sviluppo sostenibile in Svizzera. Tra le eccellenze italiane, il Centro di Coordinamento Nazionale Pile e accumulatori,che con il progetto Una pila alla Volta ha coinvolto migliaia di scuole, e il CNR Istituto di Ricerca sulle Acque di Pallanza. La serata di premiazione è ad accesso libero e gratuito così come gli altri incontri.  (Nelle tabelle in alto gli appuntamenti).