Edizione n. 1 di mercoledì 15 gennaio 2020

Curiglia, raddoppiati i fondi per la funivia

Sale a 275mila euro lo stanziamento regionale per il 2020–2022
stazione di Piero, foto Comunità montana Valli Verbano

Sale a 275mila euro lo stanziamento regionale per la riattivazione della funivia che collega Curiglia con la frazione Monteviasco, nell'alto varesotto. «Dopo l’esito negativo della gara d’appalto da parte del comune per l’individuazione del nuovo gestore – spiega il consigliere lombardo Giacomo Cosentino che si è occupato della questione insieme al governatore Fontana - come Regione Lombardia abbiamo subito promosso un nuovo confronto col sindaco per supportare il comune nella definizione dei successivi passaggi per giungere alla riattivazione dell’impianto».
Funzionari dell'assessorato ai trasporti, ufficio di presidenza, agenzia del trasporto pubblico locale e amministrazione comunale di Curiglia si sono trovati tutti d'accordo su un fatto. Per stringere i tempi, occorre che sia il comune in primo piano ad occuparsi dei lavori utili a riottenere l’autorizzazione ministeriale per rimettere in funzione la funivia. «Ciò ovviamente – chiosa Cosentino - comporta dei costi, stimati in 275 mila euro, che il Comune non è in grado di sostenere. Da qui, in accordo con la giunta regionale, è nata l’approvazione del mio emendamento al bilancio regionale 2020–2022 che stanzia tutti i fondi necessari per questa fase molto delicata».
Così il 18 dicembre 2019 la giunta regionale ha raddoppiato lo stanziamento di 148.000 euro deciso l'8 aprile 2019. Ora la palla passa all'amministrazione locale. «Il nostro interesse a non far morire uno dei borghi più belli della nostra provincia rimane forte. Continueremo a stare accanto al sindaco per aiutarlo ad arrivare al risultato finale» ribadisce Cosentino.