Edizione n. 1 di mercoledì 15 gennaio 2020

Varese, Tradate, Cittiglio, nel 2019 sbarcate quasi 4000 “cicogne”

Rimane stabile l'andamento delle nascite nell'Asst dei Sette Laghi

L’ultimo vagito del 2019 è stato a Varese, all’Ospedale Del Ponte, mentre il primo bambino del 2020 è nato all’Ospedale di Tradate alle 3.42 della notte tra San Silvestro e Capodanno. In totale, nel 2019, i nati nei tre punti nascita della Asst dei Sette Laghi di Varese, Tradate e Cittiglio sono stati 3915, senza sostanziali variazioni rispetto all’anno precedente.
In particolare, sono stati 76 i parti gemellari, 231 quelli avvenuti pretermine, tutti registrati (sia i gemellari sia i pretermine) all’Ospedale Del Ponte di Varese.
«In un contesto di calo delle nascite – ha dichiarato il direttore del Dipartimento materno infantile Massimo Agosti – l'Asst Settelaghi conferma i dati dell’anno precedente. Significa che i nostri punti nascita restano attrattivi. E’ una conferma importante del buon lavoro svolto da tutti i nostri operatori e uno sprone, al tempo stesso, per fare ancora meglio e meritare sempre di più la fiducia dei genitori».
Sulla stessa lunghezza d'onda il commento del direttore della Rete Integrata materno-infantile Fabio Ghezzi: «Ringrazio tutte le mamme e i papà che nel 2019 hanno scelto i nostri reparti per far nascere i loro figli. I quasi quattromila bimbi nati nel 2019 sono per noi uno stimolo per continuare a migliorarci e fornire cure e accoglienza sempre migliori. Nel 2020 abbiamo già in cantiere diversi progetti che riguardano sia l'assistenza alla donna in gravidanza, sia quella dopo il parto».

DATI DI DETTAGLIO
- OSPEDALE DEL PONTE, VARESE:
2019: maschi 1424; femmine 1394; stranieri 340; totale nati 2818.
2018: maschi 1316; femmine 1498; stranieri 413; totale nati 2814.
ULTIMI NATI del 2019: 2 femmine con residenza a Induno Olona e Gavirate, 1 maschio con residenza a Gallarate. PRIMI NATI del 2020: 1 maschio con residenza a Fagnano Olona.
- OSPEDALE GALMARINI DI TRADATE:
2019: maschi 268; femmine 257; stranieri 129; totale nati 525.
2018: maschi 282; femmine 256; stranieri 82; totale nati 538.
ULTIMI NATI del 2019: 3 maschi con residenza a Tradate, Malnate e Cairate. PRIMI NATI del 2020: 1 maschio con residenza a Tradate.
- OSPEDALE LUVINI DI CITTIGLIO:
2019: maschi 296; femmine 276; stranieri 96; totale nati 572.
2018: maschi 269; femmine 280; stranieri 88; totale nati 549.
ULTIMI NATI del 2019: 2 maschi con residenza a Cunardo e Ispra, 1 femmina con residenza a Varese. PRIMI NATI del 2020: nessuna segnalazione. 

Curiglia, raddoppiati i fondi per la funivia

Sale a 275mila euro lo stanziamento regionale per il 2020–2022
stazione di Piero, foto Comunità montana Valli Verbano

Sale a 275mila euro lo stanziamento regionale per la riattivazione della funivia che collega Curiglia con la frazione Monteviasco, nell'alto varesotto. «Dopo l’esito negativo della gara d’appalto da parte del comune per l’individuazione del nuovo gestore – spiega il consigliere lombardo Giacomo Cosentino che si è occupato della questione insieme al governatore Fontana - come Regione Lombardia abbiamo subito promosso un nuovo confronto col sindaco per supportare il comune nella definizione dei successivi passaggi per giungere alla riattivazione dell’impianto».
Funzionari dell'assessorato ai trasporti, ufficio di presidenza, agenzia del trasporto pubblico locale e amministrazione comunale di Curiglia si sono trovati tutti d'accordo su un fatto. Per stringere i tempi, occorre che sia il comune in primo piano ad occuparsi dei lavori utili a riottenere l’autorizzazione ministeriale per rimettere in funzione la funivia. «Ciò ovviamente – chiosa Cosentino - comporta dei costi, stimati in 275 mila euro, che il Comune non è in grado di sostenere. Da qui, in accordo con la giunta regionale, è nata l’approvazione del mio emendamento al bilancio regionale 2020–2022 che stanzia tutti i fondi necessari per questa fase molto delicata».
Così il 18 dicembre 2019 la giunta regionale ha raddoppiato lo stanziamento di 148.000 euro deciso l'8 aprile 2019. Ora la palla passa all'amministrazione locale. «Il nostro interesse a non far morire uno dei borghi più belli della nostra provincia rimane forte. Continueremo a stare accanto al sindaco per aiutarlo ad arrivare al risultato finale» ribadisce Cosentino.

Canottieri Luino, progetto per bambini e ragazzi tra 5 e 18 anni

Possibilità di svolgere attività sportiva pomeridiana in forma gratuita
sede Canottieri Luino

Favorire un processo di crescita sana dal punto di vista fisico-motorio relazionale attraverso lo sport. Questo il traguardo del progetto "Sport di Tutti-edizione Young" lanciato dalla Canottieri Luino e rivolto a bambini e ragazzi tra 5 e 18 anni, appartenenti a famiglie in difficili condizioni economiche e sociali, con possibilità di svolgere attività sportiva pomeridiana in forma gratuita.
Adesioni, entro le ore 16 di giovedì 16 gennaio 2020, collegandosi al portale www.sportditutti.it. Il modulo di adesione può essere consegnato direttamente alla segreteria della Canottieri Luino in via Lido 6. «Siamo felici di esser una delle sole quattro società remiere della Lombardia a condurre questo progetto che pone l’accento sulla straordinaria funzione sociale e di integrazione propria dello sport» è stato il commento del presidente della Canottieri Luino Luigi Manzo.
La Canottieri Luino lancia anche un messaggio per combattere l’obesità infantile. Il programma delle attività sarà diversificato: attività motoria di base (5-8 anni), attività polivalente (9-14 anni) e attività sportiva (15-18 anni). «Il Canottaggio – aggiunge Manzo - è disciplina ecocompatibile, capace di sviluppare un rapporto unico con la natura e l’ambiente circostante».

Maccagno con Pino e Veddasca, ricordato il vigile del fuoco Luciano Pettik

Sono passati quasi quarant'anni ma rimane sempre vivo il ricordo del vigile del fuoco Luciano Pettik tragicamente morto il 2 gennaio del 1981 durante un pauroso incendio boschivo in Veddasca. In Forcora, sabato 4 gennaio 2020, quello sfortunato caposquadra proveniente da Milano è stato ricordato nella chiesetta dedicata alla Madonna delle Nevi.
Alla cerimonia, insieme a rappresentanze di comune e comunità montana, hanno partecipato anche delegazioni del comando dei pompieri di Varese e delle associazioni nazionali del Corpo di Varese e Milano. Una corona d’alloro è stata posata sul cippo alla memoria di Pettik, che nel 2003 fu collocato all’esterno della chiesa a cura della Provincia di Varese. 

Cantello, ai bisognosi 300 paia di scarpe confiscate

Devolute dal tribunale di Varese ai Servizi sociali comunali
Gdf/scarpe devolute

Donate ai bisognosi di Cantello trecento paia di scarpe nuove sequestrate dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Gaggiolo. La merce era stata rinvenuta nel corso di un’operazione di controllo economico del territorio e per la repressione dei traffici illeciti a carico di un pregiudicato all’epoca residente a Cantello.
Il tribunale di Varese, su proposta delle Fiamme Gialle, ne ha ordinato la confisca e disposto che l'amministrazione comunale provveda a devolverle in beneficenza. La vicesindaca Genziana Malnati e ragazze presenti nell'amministrazione comunale hanno preparato ogni singolo paio di scarpe suddivise per numero e genere. «Un ottimo lavoro di squadra che permetterà di essere d’aiuto alle famiglie bisognose» ha commentato la sindaca Chiara Catella.
La donazione segue altre consegne di merce e beni effettuate negli scorsi anni dalla Guardia di Finanza a favore di onlus o di enti no profit per utilità sociale, previa autorizzazione giudiziaria e preliminare verifica della possibilità di destinare al consumo la merce.

Escursioni del Cai Luino

Motta Caslasc foto Cai Luino

Sabato 18 gennaio con CAI Luino  bellissima escursione nel Grigioni italiano, meta Motta del Caslasc (2301 metri). Risalendo la valle da Cassina de Vignun, la Motta appare molto evidente poiché si alza proprio alle spalle del vasto Pian Grand.
Percorso stradale Luino – Ponte Tresa - Manno – Autostrada A2 bivio per San Bernadino (uscita). 
Sabato 18 altro percorso con ampi panorami su lago e valli circostanti. Proposto dal gruppo giovani del Cai di Luino e riservato ad età tra i 18 ai 30 anni porterà a Pizzoni di Laveno. L'itinerario parte dal parcheggio di Vararo a quota 778 metri.
Traccia bianca, in Val Veddasca, è invece la meta scelta per domenica 19 gennaio da raggiungere con le ciaspole. Itinerario molto panoramico da Passo Forcora (1200 metri).
Dettagli, variazioni e ogni info: CAI Luino via B. Luini 16 tel/fax 0332 511101; e-mail escursioni@cailuino.it; Iat Luino via della Vittoria 1 tel. 0332-530019; Pro Loco Maccagno con Pino e Veddasca tel 0332 562009.