Edizione n.6 di mercoledì 21 febbraio 2024

viaggio

Trasporto pendolari, in arrivo in Lombardia 160 nuovi treni

Decolla piano regionale da 1,6 miliardi di euro – Dovrebbe completare il rinnovo dell’intera flotta di treni

In partenza in Lombardia un piano da oltre 1,6 miliardi di euro per comprare subito 160 nuovi treni. È stato approvato il 24 luglio 2017 dalla giunta regionale e, secondo quanto dichiarato dall'assessore alle infrastrutture e mobilità Alessandro Sorte, dovrebbe «attivare subito tre gare di appalto per comprare almeno 160 treni con i quali rinnoveremo completamente la flotta di Trenord».
Le gare – ha assicurato sempre Sorte – saranno bandite entro il 2017. I tempi di consegna dei primi treni sono di circa due anni dalla sottoscrizione dei contratti di fornitura. «Successivamente, in modo che i pendolari possano vedere i progressi concretamente, entreranno in servizio circa 2-4 treni/mese». I treni saranno forniti chiavi in mano.
FLOTTA DI 350 TRENI - Oggi i treni in servizio in Lombardia sono circa 350, di cui circa la metà è nuova, cioè entrata in servizio dopo il 2007 con i precedenti finanziamenti regionali. La restante metà, quella che si va a sostituire ora, risale al 1975-1990. Si abbassa l'età media dei materiali rotabili: era di 25 anni intorno al 2000, è di 18 oggi, arriverà a circa 12 anni intorno al 2025 a conclusione del piano.
Le gare saranno tre, una per ciascun modello di treno. I treni acquistati saranno dati in uso all'impresa ferroviaria che svolge i servizi in Lombardia (al momento Trenord). Eventuali ribassi d'asta saranno automaticamente reinvestiti in nuovi treni. «La puntualità delle consegne – ha aggiunto Sorte - sarà garantita da stringenti capitolati di gara e da apposite penali».

Svizzera, in treno sulla mitica tratta panoramica del San Gottardo

Da Venerdì Santo 14 aprile 2017 alla scoperta del cuore della Svizzera in modo nuovo
FF Gottardo

In Svizzera, dopo il Glacier Express, il Bernina Express e il GoldenPass Line, arriva il Gotthard Panorama Express. Da Venerdì Santo 14 aprile 2017 le Ferrovie Federali Svizzere inaugurano un inedito viaggio tra Lucerna e Bellinzona che passa lungo la storica tratta del San Gottardo.
Il viaggio inizia a Lucerna con un giro sul Lago dei Quattro Cantoni a bordo di un battello a vapore. I passeggeri passano accanto a luoghi storici come il Rütli, la pietra di Schiller e la Cappella di Tell.
DAL BATTELLO DI LUCERNA AL TRENO DI BELLINZONA
A Flüelen si sale sul treno panoramico che percorre la vecchia linea del San Gottardo e consente di ammirare da tre diverse prospettive la chiesetta di Wassen, conosciuta in tutto il mondo grazie all’audace tracciato dell’impianto ferroviario. Un altro punto saliente del viaggio è la speciale presentazione all’interno della galleria del San Gottardo.
Al San Gottardo, dall’apertura dell’omonima galleria nel 1882, oltre 200 ponti e sette gallerie elicoidali offrono un affascinante spettacolo in cui natura e tecnica si fondono insieme. Dal cambiamento d’orario di dicembre 2016, lungo la linea panoramica del San Gottardo mediamente circolano solo 400-500 persone al giorno che il nuovo viaggio panoramico contribuirà certamente ad aumentare.
ORARI E SERVIZI
Il Gotthard Panorama Express circolerà tutti i fine settimana dal 14 aprile al 22 ottobre 2017 e tutti i giorni dal 3 luglio al 20 ottobre 2017.
A bordo c’è una carrozza fotografica dove i passeggeri possono aprire i finestrini e ricevono spiegazione sul percorso e segnalazioni sui migliori punti dove scattare fotografie. Un’app accessibile a tutti illustra le attrazioni dell’itinerario e fornisce indicazioni sulle possibili escursioni nella regione e informazioni sulla storia del San Gottardo.
Sul battello una ricca offerta gastronomica attende i viaggiatori, mentre sul treno si possono degustare specialità regionali. 

Ferrovia Milano-Gallarate-Luino, in arrivo quattro Donizetti

Fanno parte dei 45 nuovi treni immessi in servizio in Lombardia entro il 2024
treni-TAF-Trenord-2 (foto LNews o.l.)

Entro il 2024 quattro nuovi convogli viaggiatori compariranno su una storica linea internazionale come quella di Milano-Gallarate-Luino (direzione Bellinzona). Sono monopiano Donizetti ed entreranno in servizio per la prima volta insieme con altrettanti sulla linea Milano-Lecco-Sondrio-Tirano.
Questi otto nuovi treni fanno parte dei quarantacinque che, sempre entro l'anno, saranno immessi sulle linee della Lombardia. Ad essi si aggiungeranno trentaquattro Treni ad alta frequentazione (Taf) rammodernati, come deciso da Regione Lombardia, Trenord e FerrovieNord. Il rammodernamento dei Taf prevede il rinnovo di sistemi e impianti, la sostituzione di arredi interni e l'installazione di telecamere.
Fino ad oggi sono centoquarantaquattro i nuovi treni entrati in servizio sulla rete lombarda, dove entro la fine del 2025 viene assicurato circoleranno solo treni nuovi, in tutto duecentoquattordici, per un impegno economico regionale di 1,7 miliardi di euro. I dati e l'aggiornamento tempistico sono stati forniti il 24 gennaio 2024 alla stazione di Milano Cadorna durante la presentazione del primo Taf completamente rinnovato da parte dall'assessore regionale ai trasporti Franco Lucente insieme al vicepresidente di Fnm Gianantonio Arnoldi e al direttore tecnico di Trenord Stefano Gervasini.
TRENI E LINEE
Dei quarantacinque nuovi treni che saranno immessi nel 2024 è stata pianificata l'immissione in servizio entro il mese di giugno. Dal 5 febbraio due convogli Caravaggio saranno introdotti sulla Milano-Mortara-Alessandria. Il numero salirà a tre entro giugno 2024.
Nel primo semestre 2024 previste ulteriori immissioni: due convogli Caravaggio inizieranno a circolare sulla Milano-Carnate-Bergamo, linea che dal 5 febbraio 2024 vedrà l'interruzione della tratta Bergamo-Ponte San Pietro per i lavori di raddoppio a opera di RFI.
Due treni ad alta capacità Caravaggio saranno destinati anche alla linea Milano-Treviglio-Cremona entro giugno 2024. Quattro convogli monopiano Donizetti entreranno in servizio per la prima volta sulla linea Milano-Lecco-Sondrio-Tirano e come altri quattro Donizetti incrementeranno le corse effettuate sulla Milano-Gallarate-Luino.
Nella foto (LNews o.l.): un nuovo treno.

Piemonte, collegamento diretto con Berna

Sulla Domodossola-Briga quasi 30 corse giornaliere del RegioExpress
Treni Mika (foto Ferrovie.it)
Biglietteria (foto Ferrovie.it)

Tra Piemonte e Svizzera è tornato il collegamento diretto. Dal 10 dicembre 2023 il RegioExpress unisce, senza cambi, la linea ferroviaria da Domodossola a Briga con quasi trenta corse giornaliere, effettuate dalla società BLS coi nuovi treni Mika.
Il battesimo dei treni avverrà con una cerimonia pubblica nel mese di febbraio 2024. «Abbiamo voluto chiamare questi treni con i nomi di città del territorio, a simboleggiare l’identità e l’importanza dei nostri comuni nel quadro del trasporto pubblico regionale» ha dichiarato l’assessore regionale ai trasporti del Piemonte Marco Gabusi.
La tratta italiana del percorso è gestita secondo un contratto di servizio stipulato con l’Agenzia della mobilità piemontese. «Con questo nuovo collegamento diretto – ha dichiarato Cristina Bargero, presidente dell’Agenzia della mobilità piemontese - garantiamo più servizi e più efficienza, diminuendo i tempi di percorrenza di quattro minuti ed evitando cambi sulla tratta».
VANTAGGI E BIGLIETTI
I nuovi treni Mika percorreranno la tratta con ventotto corse giornaliere nei feriali e ventidue nei festivi, effettuando quattro fermate su territorio italiano: Domodossola, Preglia, Varzo e Iselle, garantendo 229 posti a sedere in seconda classe e quarantasei in primaclasse. La fermata Preglia migliora l'offerta di orari per la clientela pendolare, dando anche ai turisti maggiori opportunità per scoprire l'Ossola.
Gli orari a maggior traffico passeggeri raddoppieranno la composizione dei convogli e di conseguenza i posti disponibili. I viaggiatori avranno quindi più spazio a disposizione e godranno di un maggiore comfort grazie alla zona bistrò, prese di corrente per ogni posto a sedere, finestre panoramiche e più spazio per le sedute.
I biglietti a singola corsa possono essere acquistati alla biglietteria Trenitalia a Domodossola, mentre a Briga sarà possibile acquistare anche gli abbonamenti. Biglietti e abbonamenti sono acquistabili anche con l'app BLS Mobil.
Nelle foto BLS/ferrovie.it): immagini del nuovo collegamento. 

Galleria di base del Gottardo, un’ora di viaggio in meno tra il Ticino e la Svizzera tedesca

Cambiamento d’orario del 10 dicembre 2023 fino a prima di Pasqua 2024
Zurigo centro, foto Ibis

In Svizzera, dal cambiamento d’orario del 10 dicembre 2023 fino a prima di Pasqua 2024, ogni weekend trentun treni veloci attraverseranno la galleria di base del San Gottardo con gli stessi tempi di percorrenza precedenti al deragliamento.
Il venerdì sera e il sabato mattina circoleranno da nord a sud un totale di diciassette treni, mentre da domenica pomeriggio ci saranno quattordici treni da sud a nord. Questi ultimi circoleranno anche nei giorni festivi. Inoltre, saranno aumentate le capacità per il traffico merci nei giorni feriali.
Con i suoi cinquantasette chilometri la galleria di base del San Gottardo non è solo il tunnel ferroviario più lungo del mondo, ma anche un importante collegamento tra nord e sud per la Svizzera e l’Europa, sia per il traffico merci sia per il traffico viaggiatori.
Nel trasporto merci le capacità necessarie per il traffico di transito e per quello interno sono garantite su entrambi gli assi (San Gottardo e Lötschberg). Dal lunedì al giovedì, tutte le tracce che attraversano la galleria di base del San Gottardo saranno a disposizione del traffico merci, mentre dal venerdì sera alla domenica sera circoleranno nella galleria sia i treni merci che quelli viaggiatori.
COLLEGAMENTI
Da nord a sud circolano sette treni il venerdì sera e dieci treni il sabato mattina. La maggior parte di questi parte da Zurigo, ma alcuni anche da Basilea/Lucerna. Tutti i treni arrivano a Lugano, mentre alcuni proseguono per l’Italia.
A partire da domenica pomeriggio e nei giorni festivi del 25 e 26 dicembre 2023 così come del 1° e 2 gennaio 2024, quattordici  treni viaggiano da sud a nord in partenza dall’Italia, da Chiasso o da Lugano verso Zurigo e Basilea/Lucerna. Inoltre, è nuovamente disponibile il treno diretto da Bellinzona (in partenza alle 19.20) a Losanna, particolarmente apprezzato dagli studenti. 

Zurigo, foto Ibis

Condividi contenuti