Edizione n. 19 di mercoledì 12 giugno 2019

Valchiavenna

Dubino (Sondrio), dal 2021 coincidenze tra tutti i treni di Valtellina e Valchiavenna

La sede di incrocio costerà 8,5 milioni e sarà realizzata da Regione Lombardia e Rfi
Livigno (SO) Località Mottolino - Tramonto, foto D. Cazzaniga

Entro il 2021 a Dubino (Sondrio) la stazione ferroviaria diventerà sede di incrocio con movimenti contemporanei. La sua realizzazione renderà possibili le coincidenze tra tutti i treni della linea della Valtellina (Lecco-Colico-Tirano) e i treni della linea della Valchiavenna (Colico-Chiavenna).
Gli interventi sono, come commenta l'assessorato regionale ai trasporti, «magari poco visibili ma fondamentali per incrementare la qualità del trasporto ferroviario». L'opera costerà 8,5 milioni di euro e sarà cofinanziata al 50% da Regione Lombardia e Rfi, che il 3 giugno 2019 hanno firmato la convenzione. L'incrocio è stato previsto nella deliberazione della giunta regionale del 20 dicembre 2015 "Sviluppo delle infrastrutture connesse e del SFR sulle direttrici Milano-Lecco-Sondrio-Tirano e Colico-Chiavenna" nel quadro di tutti gli interventi necessari per lo sviluppo del servizio delle linee della Valtellina e della Valchiavenna.

Statale 38 dello Stelvio, a Morbegno abbattuto il diaframma della galleria “Paniga”

I lavori saranno ultimati entro dicembre 2017
Valtellina, Tirano

In Valtellina un altro passo nello snellimento del traffico sulla strada statale 38 dello Stelvio. A Morbegno, lunedì 14 novembre, è stato abbattuto il diaframma della galleria 'Paniga', che costituisce il tronco più importante della variante di Morbegno.
Alla cerimonia erano presenti il sottosegretario di Regione Lombardia Ugo Parolo e rappresentanti di Anas, Provincia di Sondrio, Bim e Camera di Commercio. «La strada sarà aperta alla circolazione nel dicembre 2017, perché c'è un lavoro in corso sette giorni su sette, animato peraltro dall'orgoglio dei Valtellinesi di fare quest'opera». Lo ha annunciato Parolo, che ha ringraziato Anas e impresa appaltatrice.
Per la realizzazione dei lavori il territorio ha messo a disposizione circa 90 milioni di euro. Secondo Parolo, «l’opera è attualmente la più importante della Lombardia e ha un valore strategico a livello nazionale, tanto da essere inserita nel Contratto di programma di Anas».
Sul fronte della viabilità, in Valtellina sono in corso anche altri interventi di notevole rilievo. Due in particolare, frutto della collaborazione con Anas, rivestono un'importanza strategica per l’intera provincia di Sondrio.
Uno è la variante di Santa Lucia, che velocizzerà e snellirà il traffico da Bormio a Livigno e sarà aperta entro i primi giorni di dicembre. L’altro è la strada della Valchiavenna, dove sono in corso, in località Pozzo di Riva, i lavori di messa in sicurezza. Entrambe le opere, frutto della collaborazione con Anas, rivestono un'importanza strategica per il territorio della provincia di Sondrio. 

Condividi contenuti