Edizione n.6 di mercoledì 21 febbraio 2024

traumatologia

Milano, il “Gaetano Pini” un secolo e mezzo dopo

Iniziate le celebrazioni di una eccellenza della sanità italiana
Il-Gaetano-Pini-MI (foto Lnews ol)

Il Presidio Ospedaliero Pini in piazza A. Ferrari 1, il Polo Riabilitativo Isocrate in via Isocrate 19,
il Presidio Ospedaliero Cto in via Bignami 1. Sono le tre sedi dell'Istituto Ortopedico Gaetano Pini di Milano, che quest'anno compie 150 anni.
Le celebrazioni dell'anniversario sono iniziate il 30 novembre 2023 con l’evento 'L'Istituto Ortopedico Gaetano Pini a 150 anni dalla fondazione-Ieri, oggi e domani', al quale ha partecipato anche l'assessore regionale alla sanità Guido Bertolaso, e proseguiranno nel 2024. Alla ricorrenza contribuiranno, come anticipato da Paola Lattuada, direttrice generale di Asst Gaetano Pini-Cto - «tante persone, che hanno vissuto e vivono in questa realtà che ha dato davvero molto alla città di Milano e ancor di più a ogni singolo paziente che è stato qui che per noi rimane sempre al centro del nostro agire».

La nascita dell'Istituto risale al 1874, quando il medico Gaetano Pini fonda a Milano l'Associazione per la 'Scuola dei Rachitici', per curare i tanti bambini affetti in quell'epoca da rachitismo.
Inizia allora la storia, lunga un secolo e mezzo e strettamente intrecciata con quello della città di Milano, dell'Istituto Ortopedico Gaetano Pini, dal 2016 Asst Centro Specialistico Ortopedico Traumatologico Gaetano Pini-Cto, dopo l'accorpamento con il Centro Traumatologico Ortopedico di via Bignami, entrambi centri di riferimento dell'ortopedia nazionale ed europea.
Il primo secolo e mezzo della storia del Pini è stato ricostruito in un libro pubblicato, nel solco della tradizione, poche settimane prima di Natale 2023 come strenna natalizia. Il volume ripercorre le tappe di evoluzione dell'Istituto attraverso il Novecento, dalla nascita dei centri specialistici all'impegno nella cura del Parkinson, alla nascita del Centro Specialistico Ortopedico Traumatologico Gaetano Pini-CTO e il Polo Riabilitativo Fanny Finzi Ottolenghi di oggi e anche alle prospettive future dell'ospedale.
Il Pini negli anni è diventato uno dei punti di riferimento a livello nazionale e internazionale per l'ortopedia, la traumatologia, la riabilitazione specialistica, la reumatologia e le scienze mediche. Ora, alle sfide del futuro, si presenta con un nuovo modello organizzativo di rete per la cura delle patologie ortopediche e traumatologiche nel territorio regionale. La formazione e l'insegnamento si rilevano leve essenziali per realizzare un modello organizzativo interaziendale innovativo finalizzato ad erogare cure di altissima professionalità.
Nella foto (LNews o.l.): una immagine del “Pini”. 

Condividi contenuti