Edizione n.19 di mercoledì 2 giugno 2020

rilascio passaporti

Sportelli immigrazione, riapertura su appuntamento

Accesso e priorità a Varese, Busto Arsizio, Gallarate e Luino

Da lunedì 18 maggio 2020 sono riaperti al pubblico gli sportelli dell’Ufficio immigrazione della questura di Varese, dei commissariati di Busto Arsizio e di Gallarate e del Settore polizia di frontiera di Luino. La ricezione avviene soltanto su appuntamento. In questa prima fase viene data priorità alla trattazione di pratiche urgenti e alla consegna dei permessi di soggiorno già stampati. Per il ritiro dei permessi di soggiorno l’utenza verrà convocata tramite sms o telefonicamente. Le informazioni possono essere richieste soltanto tramite posta elettronica o telefonicamente.
La questura di Varese precisa che tutti i permessi di soggiorno scaduti dopo il 31 gennaio 2020 conservano la loro validità fino al 31 agosto 2020 e che, tra i titoli che autorizzano la permanenza sul territorio fino al 31 agosto 2020, sono ricompresi anche: permessi di soggiorno per richiesta asilo; visti; dichiarazioni di presenza (secondo le tre modalità previste: modulo direttamente consegnato in questura; timbro sul passaporto; alloggio presso struttura alberghiera).
Inoltre, fino al 31 agosto 2020 sono prorogati anche: i titoli di viaggio per stranieri; i termini per la conversione dei permessi di soggiorno da studio a lavoro subordinato e da lavoro stagionale a lavoro subordinato non stagionale; la validità dei nulla osta rilasciati per lavoro stagionale, per ricongiungimento familiare, per lavoro per casi particolari, tra cui ricerca, blue card, trasferimenti infrasocietari.
Per le istanze di primo rilascio o di rinnovo presentate tramite il sistema Poste, la data dell’appuntamento viene generata automaticamente. Poiché tutti i permessi di soggiorno sono prorogati fino al 31 agosto 2020, non verranno prese in considerazione richieste di appuntamento per rinnovo presentate prima dell’1 luglio. Per le istanze di rilascio di primo permesso da presentare in questura o presso i commissariati distaccati, l’appuntamento dovrà essere richiesto tramite i seguenti contatti, specificando nome, cognome, data e luogo di nascita, lasciando, altresì, un recapito telefonico e specificando nell’oggetto: richiesta appuntamento o richiesta informazioni.
*Questura di Varese: immig.quest.va@pecps.poliziadistato.it; 0332/801–756 (758-754–575); solo per informazioni 0332/801739.
*Questura di Varese, asilo politico: 4sez.immig.quest.va@pecps.poliziadistato.it; 0332/801–550 (579).
*Commissariato di Busto Arsizio: comm.bustoarsizio.va@pecps.poliziadistato.it; 0331/327905 o 0331/327908 (il lunedì e il giovedì dalle 10.30 alle 12).
*Commissariato di Gallarate: comm.gallarate.va@pecps.poliziadistato.it; 0331/712911.
*Settore Polizia di Frontiera di Luino: frontpolterra.luino.va@pecps.poliziadistato.it; 0332/534680.
….........................................
RILASCIO PASSAPORTI
La questura di Varese rende inoltre noto che, sempre dal 18 maggio 2020, la presentazione delle istanze di rilascio del passaporto e delle dichiarazioni di accompagnamento per minori dovrà avvenire esclusivamente con la prenotazione attraverso il sito internet: https://passaportionline.poliziadistato.it/, per prenotare ora, data, luogo e per presentare la domanda eliminando le lunghe attese negli uffici di polizia.
Per le sole urgenze adeguatamente e debitamente comprovate (allegando documentazione che ne attesti l’urgenza) la modalità di accesso diretto agli uffici sarà comunque possibile durante l’orario d’apertura dello sportello dell’Ufficio passaporti della questura di Varese (a numero limitato), previa richiesta di un appuntamento all’indirizzo di posta elettronica certificata: uffpassaporti.quest.va@pacps.poliziadistato.it, fornendo anche un numero di telefono cellulare – se possibile – e sarà cura dell’Ufficio dare tempestivo riscontro. Il ritiro del passaporto richiesto, trascorsi 30 giorni dalla data di presentazione, sarà possibile effettuarlo nei giorni di: lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì dalle 10 alle 12, ritirando il numero di prenotazione direttamente all’ingresso della questura. 

Condividi contenuti