Edizione n.23 di mercoledì 20 giugno 2018

protezione civile

Lombardia, protezione civile, un milione di euro per la prevenzione e la lotta agli incendi

È di un milione di euro il contributo che Regione Lombardia ha stanziato per le attività di prevenzione e lotta agli incendi boschivi nel 2018. «Si tratta – spiega l'assessore al Territorio e Protezione vivile - di risorse erogate in favore di quarantadue enti territoriali forestali tra cui nove Province, ventitré Comunità montane e dieci enti gestori di parchi e riserve regionali per sostenere, tra le altre cose, la formazione, l'equipaggiamento, l'addestramento e gli interventi necessari per la migliore difesa dal fuoco come le piazzole d'atterraggio elicotteri e i viali tagliafuoco».

DIVERSE LE ZONE A RISCHIO - Il territorio regionale, con circa
23 mila chilometri quadrati di superficie, presenta una grande varietà di paesaggi e ambienti, con zone particolarmente a rischio incendi come le Alpi, le Prealpi, l'Appennino Pavese e l'Insubria compresi i territori dei laghi prealpini. Negli ultimi anni, Regione Lombardia, attraverso il Piano regionale delle attività di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi, si è dotata di quello che viene considerato un fondamentale strumento di prevenzione e lotta agli incendi dei boschi con finalità di preservare e mantenere intatto il patrimonio boschivo.

NOTEVOLMENTE RIDOTTO IL NUMERO DEGLI INCENDI Dall'adozione dell'ultima modifica del Piano anti incendi boschivi  si è passati dai 2.216 del decennio 2002/2011 ai 1.689 del decennio 2006/2015; la superficie percorsa dal fuoco si è ridotta da 6.020 (sempre riferito al decennio 2002/2011) a 3.963 ettari del decennio 2006/2015. «Per questo motivo – continua l'assessore - è stato deciso di distribuire le risorse sulla base di parametri che tengono conto delle caratteristiche territoriali, organizzative ed operative dei singoli enti, al fine di effettuare efficientemente il riparto delle somme messa a loro disposizione. Prezioso è il contributo a difesa e prevenzione del nostro territorio boschivo da parte di tutti gli operatori, in particolare dei volontari impegnati nelle attività di antincendio, che svolgono il loro compito con impegno e professionalita». 

Vespe e calabroni nel Varesotto, in sei mesi quasi duemila interventi

Bilancio dell’attività di vigili del fuoco e protezione civile

Dal 1° giugno a tutto novembre 2012 sono stati quasi duemila gli interventi di disinfestazione di vespe e calabroni nel Varesotto. Alla bonifica hanno operato vigili del fuoco e Provincia di Varese.
In dettaglio, i vigili del fuoco sono stati impegnati in 1.185 casi tra giugno (110), luglio (280), agosto (453), settembre (227), ottobre (108) e novembre (7). A questi interventi vanno aggiunti i 751 presi in carico dalla Protezione civile della Provincia di Varese. 

Condividi contenuti