Edizione n.11 di mercoledì 25 marzo 2020

pazienti coronavirus a domicilio

Pazienti coronavirus a domicilio, monitoraggio da medici di famiglia e pediatri

Previsti in Lombardia tamponi per loro e gli operatori sanitari

Sia per i pazienti Covid dimessi ma non ancora guariti, sia per coloro che manifestino sintomi riconducibili al virus scattano ora una maggiore presa in carico e il monitoraggio sul territorio da parte dei medici di famiglia. È quanto prevede una delibera regionale del 24 marzo 2020 approvata su proposta dell’assessore al welfare, Giulio Gallera.
Il provvedimento prevede che in alcune fasce orarie i medici e pediatri monitorino, anche con contatti telefonici e attraverso la telemedicina, le condizioni di salute dei propri pazienti fragili e cronici, i pazienti sintomatici potenzialmente Covid (ai quali vengono date indicazioni per l’autoisolamento), o quelli già individuati positivi al virus, i cui nominativi siano stati trasmessi da Ats. E’ prevista l’accoglienza in strutture ricettive, messe a disposizione della Regione, per quei pazienti che non possano effettuare l’autoisolamento in condizioni di sicurezza presso il proprio domicilio.

TRIAGE TELEFONICO
«In questa fase – ha spiegato l’assessore – è di fondamentale importanza effettuare un’attenta sorveglianza sui quadri clinici simil influenzali, sul mantenimento delle indicazioni d’isolamento, con particolare riferimento ai soggetti più fragili in quanto anziani o pluripatologici».
Interlocutore privilegiato è considerato il medico di medicina generale. «Una modalità organizzativa – aggiunge Gallera - consentirà al medico di medicina generale (MMG) di garantire, in un arco di tempo significativamente ampio nella giornata, di essere contattato e fornire un triage telefonico. Analogamente, lo stesso medico potrà dedicare tempo per contattare direttamente i suoi assistiti più fragili».
MONITORAGGIO PAZIENTI CON SINDROME RESPIRATORIA
Il monitoraggio dei pazienti con sindrome respiratoria acuta che potrebbe essere causata dal virus, ma per cui non è necessario il ricovero in ospedale, avviene attraverso il controllo della temperatura e della saturazione dell’ossigeno. Si inizierà dai prossimi giorni a consegnare un pulsossimetro con le relative istruzioni d’uso e il contatto di riferimento per restituire l’esito delle misurazioni.
ASSISTENZA SOCIOSANITARIA CON COMUNI
I medici possono effettuare visite domiciliari per pazienti non Covid e richiedere l’attivazione di assistenza domiciliare integrata (Adi) con i Comuni, per il supporto sociosanitario o sociale (per esempio la spesa a domicilio, la consegna di farmaci o altri servizi alla persona). In altre fasce orarie il medico di medicina generale si impegna a mantenere il ruolo di riferimento per telefonate richiesta pareri, prescrizioni, certificati e richieste di visita.
CONTINUITÀ ASSISTENZIALE
Dalle ore 8 alle ore 20 nelle sedi di continuità assistenziale già esistenti sono state istituite le unità speciale per la gestione domiciliare dei pazienti con sintomatologia simil influenzale o sospetti di Covid-19 che non necessitino di ricovero ospedaliero. L’unità speciale, attiva sette giorni su sette, opera su richiesta del MMG, con attivazione centralizzata ATS, per valutazioni al domicilio dei soggetti da questi segnalati.
ATTENZIONE PER OPERATORI SANITARI
«Il provvedimento – ha concluso Gallera – a tutela di medici, infermieri, operatori e degli stessi pazienti, prevede un monitoraggio clinico anche degli operatori sanitari. Prima del turno di lavoro sarà rilevata la temperatura corporea e, qualora questa superi i 37,5, verrà richiesto il tampone naso-faringeo per ricerca di Sars-CoV-2 e l’allontanamento dal luogo di lavoro con sospensione dell’attività lavorativa. Anche per loro è prevista la possibilità di usufruire di strutture ricettive messe a disposizione da Regione, qualora non potessero effettuare l’autoisolamento al proprio domicilio».  

Condividi contenuti