Edizione n.13 di mercoledì 17 aprile 2019

ospedale del Ponte

Missione Lapponia, Alessandro Pozzi e Rudolph ce l’hanno fatta

Consegnate a Babbo Natale le 100 letterine dei bambini del Ponte di Varese
Alessandro Pozzi a Rovaniemi con Babbo Natale .jpg

Missione compiuta. Babbo Natale ha ricevuto le quasi cento letterine scritte dai bambini ricoverati nell’ospedale Filippo Del Ponte di Varese e ha rassicurato che le leggerà tutte. «Mancano 130 giorni a Natale, bambini. Ci vedremo presto» ha garantito.
Alessandro Pozzi e “Rudolph” ce l’hanno, dunque, fatta. E nei tempi previsti. La vecchia Vespa-renna ha risentito di qualche acciacco dell’età e ha avuto alcuni problemi, ma i meccanici di Stoccolma li hanno prontamente risolti. In più, una volta saputo quale fosse il compito di Alessandro per i bambini in ospedale, non hanno voluto essere pagati.
Dopo un percorso di settemila chilometri iniziato lunedì 7 agosto, Rudolph mercoledì 16 agosto è arrivata a Rovaniemi e Alessandro Pozzi ha potuto incontrare Babbo Natale.
Alessandro ha voluto raggiungere la Lapponia con la sua vecchia vespa con lo scopo di sensibilizzare amici, conoscenti e simpatizzanti a sostenere la fondazione Il Ponte del Sorriso. «La nostra fondazione – spiega la presidente Emanuela Crivellaro - è ogni giorno accanto ai bambini ammalati per aiutarli a guarire giocando, ma anche per migliorare l’assistenza sanitaria pediatrica acquistando attrezzature e apparecchiature innovative».
Chi volesse aderire all’appello di Alessandro può effettuare una donazione IBAN IT23 H 05034 10800 000000021266 intestato a Il Ponte del Sorriso Onlus, causale Il Viaggio del Sorriso

Varese, nuovo Day Center pediatrico all'Ospedale Del Ponte

Completamente ristrutturato dalla Fondazione Giacomo Ascoli il quinto piano del Padiglione Leonardo

A Varese, il 28 marzo 2019, è stato inaugurato all'ospedale Filippo Del Ponte il nuovo Day Center pediatrico ad indirizzo oncoematologico. Al quinto piano del Padiglione Leonardo la Fondazione Giacomo Ascoli, da 13 anni impegnata a sostenere l'attività di Oncoematologia pediatrica, ha finanziato e realizzato i lavori che hanno cambiato radicalmente l'aspetto degli spazi. Il progetto si completerà con la realizzazione di tre camere di degenza, di cui due sterili, al terzo piano.
Nel 2006 Marco Ascoli e Angela Ballerio hanno costituito la Fondazione Giacomo Ascoli in onore e memoria del figlio scomparso a 12 anni per un linfoma non Hodking. Il 21 gennaio 2019 la fondazione ha restituito a Asst Sette Laghi l'intero quinto piano completamente ristrutturato.
La sede ha una superficie di 700 metri quadrati e ospita quattro stanze doppie di Day Surgery Pediatrico, dove vengono ricoverati i bambini che devono sottoporsi a interventi delle diverse specialità chirurgiche pediatriche (Chirurgia, Urologia, Otorinolaringoiatria, Odontoiatria, Ortopedia). Vi sono inoltre inseriti i ricoveri del Day Surgery Pediatrico polispecialistico, a cui afferiscono le specialità pediatriche di Chirurgia, Otorinolaringoiatria, Ortopedia, Odontostomatologia e Urologia.

ATTIVITÀ
Il Day Center Pediatrico tratta tutte le patologie pediatriche gestibili in regime diurno, lavorando in stretta sinergia con le altre Strutture specialistiche e gli altri Servizi dell’Asst Sette Laghi. Le prestazioni assistenziali vengono preferenzialmente erogate in day hospital (circa 100 all’anno), in regime di MAC (circa 600 all’anno) e di PAC/ambulatoriali (circa 800 all’anno), riducendo così il più possibile l’ospedalizzazione del bambino.
Il Day Center Pediatrico accoglie innanzitutto bambini per la diagnosi e il trattamento di malattie pediatriche ematologiche, oncoematolgiche e immunologiche, proponendosi come centro Spoke di II livello, in rete con Ircss San Matteo di Pavia, Istituto Nazionale dei Tumori di Milano e Fondazione Monza e Brianza per il Bambino e la Sua Mamma. È uno dei Centri lombardi appartenente all’Associazione Italiana di Emato Oncologia Pediatrica (Aieop), oltre a essere un centro Ipinet (Italian Primary Immunodeficiences Network). I protocolli diagnostico-terapeutici sono gli stessi delle strutture regionali di riferimento, con le quali opera in stretta collaborazione e fa rete.
Al Day Center si rivolgono inoltre i piccoli pazienti affetti da patologie diabetiche, endocrinologiche, gastroenterologiche, respiratorie e del sonno, immunologiche, allergologiche, sindromiche (in particolare la sindrome di Down), vaccinali complesse (in quanto pazienti fragili e/o a rischio), oltre a tutti i bambini che necessitano di procedure diagnostico-interventistiche in sedazione. 

Varese, donate all’Audiovestibologia apparecchiature pediatriche d’avanguardia

donazione audiovestibologia

A Varese non conosce sosta la solidarietà sociale. Il 26 giugno 2017 all'Audiovestibologia dell’Ospedale Del Ponte sono state consegnate due apparecchiature del valore di circa 20.000 euro e una terza è in arrivo, del valore di altri 10.000, per un totale di oltre 30.000 euro di donazione.
La donazione è frutto dell’impegno di centinaia di volontari della fondazione Il Ponte del Sorriso, che, per tutto il mese di dicembre 2016, hanno impacchettato al Centro Commerciale Belforte oltre 14.000 regali di Natale, in cambio di un contributo per le apparecchiature. «Si tratta – spiega la presidente Emanuela Crivellaro - di un innovativo sistema completo per audiometria, studiato proprio per i più piccoli, che attraverso un rinforzo visivo di pupazzetti e orsetti, consente di aumentare il coinvolgimento del bambino all’esame».
«Il Ponte del Sorriso - ha dichiarato la dottoressa Eliana Cristofari - ha accolto l’appello del nostro reparto, che riceve bambini da tutta Italia con patologie talvolta complesse, e grazie alle nuove apparecchiature potrà garantire a tutti i piccoli un’assistenza all’avanguardia. Il nuovo orecchio elettronico consentirà un adattamento ottimale delle protesi acustiche nei piccoli mentre l’Head Impulse test permetterà una più raffinata diagnosi differenziale delle vertigini nei bambini». 

Condividi contenuti