Edizione n. 29 di mercoledì 8 agosto 2018

FFS

Al Locarno Festival con RailAway Ffs

Per la settantunesima edizione del Locarno Festival (dall’1 all’11 agosto 2018) RailAway Ffs, in collaborazione con il Locarno Festival, propone uno sconto del 20 per cento sull’ingresso a chi si rechi all’evento con i trasporti pubblici.
Per beneficiare della riduzione occorre mostrare il proprio titolo di trasporto o acquistarlo agli sportelli delle stazioni Ffs. Si potrà così ritirare il codice promozionale. Allo sportello ferroviario verranno fornite le informazioni per l’acquisto che avverrà online su Ticketcorner.ch. L’offerta è valida anche per chi possieda l’abbonamento generale o il metà prezzo.
Dettagli alle stazioni FFS, al Rail Service 0848 44 66 88 (CHF 0.08/Min.) oppure sul sito ffs.ch/locarno-festival.
In treno dopo il festival
Gli ultimi collegamenti in treno da Locarno sono i seguenti:
- per Bellinzona ore 23.05, 23.35, 00.05, 00.35, 01.35, 03.05**
- per Lugano/Chiasso (cambio a Giubiasco) ore 23.05, 23.35, 00.05, 01.35*, 03.05**
*non circola nelle notti ve/sa e sa/do; **circola solo le notti ve/sa e sa/do  

Alptransit, entra in esercizio il nuovo Gottardo

Da domenica 11 dicembre inizia ufficialmente il traffico ferroviario attraverso la Galleria di base tra Pollegio ed Erstfeld
Gottardo galleria durante i lavori, foto C.Iu

Giornata storica, domenica 11 dicembre, per la Svizzera. Entra in vigore il nuovo orario ferroviario ed entra ufficialmente in esercizio la Galleria di base del San Gottardo, lunga 57 chilometri, che collega Pollegio ed Erstfeld.
In attesa – sarà per il 2020 – della Galleria di base del Monte Ceneri, la distanza tra Svizzera italiana e Svizzera tedesca si accorcia: il tragitto Lugano-Zurigo si percorre in due ore e 10 minuti. Le principali stazioni ferroviarie diventano il fulcro di una nuova mobilità sostenibile e così, sempre domenica 11 dicembre, verranno ufficialmente inaugurate anche la nuova stazione delle Ferrovie Federali Svizzere di Lugano e la nuova Funicolare, che collega la stazione con il cuore del centro cittadino.
NOVITÀ TRA TICINO E MILANO
Il cambio orario dell’11 dicembre 2016 è all’insegna della Galleria di base del San Gottardo, che ridurrà di 30 minuti il tempo di viaggio tra il Ticino e la Svizzera interna. Importanti novità anche per il traffico regionale in Ticino.
Da domenica 11 dicembre sulla tratta panoramica del San Gottardo circoleranno i treni delle linea TILO RE10 tra Bellinzona ed Erstfeld. Ogni due ore i collegamenti circoleranno direttamente da e per Lugano e quattro volte al giorno da e per Milano Centrale.
A Bellinzona i TILO RE10 avranno coincidenze immediate con i treni a lunga percorrenza che attraverseranno la galleria di base del San Gottardo. Ad Erstfeld le coincidenze da e per Zurigo e Lucerna-Basilea saranno immediate e sullo stesso marciapiede.
NOVITÀ PER MALPENSA
Novità anche per le altre linee TILO. I collegamenti TILO S30 che circoleranno fino a Malpensa Aeroporto arriveranno fino al Terminal 2, grazie al nuovo collegamento ferroviario tra i due Terminal.
Tra Locarno e Lugano vi saranno inoltre nuovi collegamenti diretti. Da parte sua la linea TILO RE80 circolerà ora con due collegamenti tra Locarno e Lugano (uno al mattino e uno la sera) e con tre collegamenti serali tra Lugano e Locarno.
CANTIERI E LINEA CADENAZZO-LUINO
Anche durante il 2017 e fino all’apertura della galleria di base del Monte Ceneri (dicembre 2020) l’esercizio ferroviario in Ticino sarà interessato da numerosi cantieri per l’ampliamento dell’infrastruttura ferroviaria e le conseguenti limitazioni.
Per i lavori a nord della stazione di Bellinzona tutti i collegamenti TILO S10 nell’orario 2017 termineranno la loro corsa a Bellinzona.
I lavori necessari per il rinnovamento della stazione di Lugano-Paradiso, opera importante e di grande vantaggio per la clientela, causerà la soppressione della fermata di Lugano-Paradiso dall’11 dicembre 2016 al 9 dicembre 2017. Da Paradiso in direzione della Stazione FFS di Lugano e ritorno ci sarà un’offerta transitoria su gomma con l’adeguamento degli orari e delle destinazioni delle corse bus ordinarie della linea numero 2 mentre da e per Melide ci saranno corse di bus sostitutivi, in particolare nelle fasce orarie dei pendolari.
Fino a giugno 2017 i collegamenti TILO S30 verranno sostituiti da un servizio bus tra Cadenazzo e Luino tra le ore 9 alle ore 13, mentre da giugno 2017 tutti i collegamenti TILO S30 verranno sostituiti da un servizio bus. La misura è necessaria per lavori in corso su tutta la linea. 

Estate in treno in Svizzera, biglietti risparmio di FFS e AutoPostale

immagine FFS/Autopostale

Ferrovie Federali Svizzere e AutoPostale propongono per la prima volta biglietti risparmio comuni. Così, dal 10 luglio al 20 agosto è possibile raggiungere nove destinazioni svizzere a prezzi speciali. Diverse le linee della rete ferroviaria e autopostale a prezzo interessante. Il ventaglio di proposte comprende rinomate mete turistiche come il lago di Cauma a Flims e le grotte di Réclère nel Giura.
Alla scoperta della Svizzera
Se la promozione otterrà il successo che le due imprese di trasporto si augurano, l'offerta verrà riproposta l'anno prossimo.
I biglietti risparmio per l'estate possono essere acquistati esclusivamente online o con le app di FFS e AutoPostale. Informazioni dettagliate sono pubblicate agli indirizzi ffs.ch/estate e autopostale.ch/bilgliettirisparmio.
Carta Bimbi accompagnati e carta Junior a prezzo speciale
Un'offerta esclusiva è dedicata alle famiglie. Sull'acquisto di una Carta bimbi accompagnati o una Carta junior entro il 31 gennaio 2018, i trasporti pubblici accordano uno sconto del 50 per cento. La promozione consente ai ragazzi dai 6 ai 16 anni, in compagnia di adulto munito di titolo di trasporto valevole, di viaggiare per un anno intero in tutta la Svizzera a soli 15 franchi.  

Svizzera, in treno sulla mitica tratta panoramica del San Gottardo

Da Venerdì Santo 14 aprile 2017 alla scoperta del cuore della Svizzera in modo nuovo
FF Gottardo

In Svizzera, dopo il Glacier Express, il Bernina Express e il GoldenPass Line, arriva il Gotthard Panorama Express. Da Venerdì Santo 14 aprile 2017 le Ferrovie Federali Svizzere inaugurano un inedito viaggio tra Lucerna e Bellinzona che passa lungo la storica tratta del San Gottardo.
Il viaggio inizia a Lucerna con un giro sul Lago dei Quattro Cantoni a bordo di un battello a vapore. I passeggeri passano accanto a luoghi storici come il Rütli, la pietra di Schiller e la Cappella di Tell.
DAL BATTELLO DI LUCERNA AL TRENO DI BELLINZONA
A Flüelen si sale sul treno panoramico che percorre la vecchia linea del San Gottardo e consente di ammirare da tre diverse prospettive la chiesetta di Wassen, conosciuta in tutto il mondo grazie all’audace tracciato dell’impianto ferroviario. Un altro punto saliente del viaggio è la speciale presentazione all’interno della galleria del San Gottardo.
Al San Gottardo, dall’apertura dell’omonima galleria nel 1882, oltre 200 ponti e sette gallerie elicoidali offrono un affascinante spettacolo in cui natura e tecnica si fondono insieme. Dal cambiamento d’orario di dicembre 2016, lungo la linea panoramica del San Gottardo mediamente circolano solo 400-500 persone al giorno che il nuovo viaggio panoramico contribuirà certamente ad aumentare.
ORARI E SERVIZI
Il Gotthard Panorama Express circolerà tutti i fine settimana dal 14 aprile al 22 ottobre 2017 e tutti i giorni dal 3 luglio al 20 ottobre 2017.
A bordo c’è una carrozza fotografica dove i passeggeri possono aprire i finestrini e ricevono spiegazione sul percorso e segnalazioni sui migliori punti dove scattare fotografie. Un’app accessibile a tutti illustra le attrazioni dell’itinerario e fornisce indicazioni sulle possibili escursioni nella regione e informazioni sulla storia del San Gottardo.
Sul battello una ricca offerta gastronomica attende i viaggiatori, mentre sul treno si possono degustare specialità regionali. 

Ferrovia del Gambarogno, entro il 2021 sarà ampliato l’asse nord-sud

Disco verde dell’Ufficio federale dei trasporti a un progetto di circa 100 milioni di franchi

Da marzo 2017 a dicembre 2019 nel Gambarogno, aldilà del confine di Zenna, sarà aperto il cantiere per la modernizzazione delle infrastrutture ferroviarie. Da Berna l’Ufficio federale dei trasporti ha dato disco verde a un progetto di circa 100 milioni di franchi, che renderà l’offerta ferroviaria più sicura e stabile una volta terminati tutti gli ampliamenti infrastrutturali pianificati sull’asse nord-sud entro il 2021.
Sarà raddoppiato il binario di 2,7 chilometri tra Contone e Quartino e la tratta Contone–Ranzo–Sant’Abbondio sarà integrata nel sistema di gestione del Centro di Esercizio di Pollegio. I lavori ammoderneranno l’infrastruttura ferroviaria e contemporaneamente aumenteranno la capacità della linea del Gambarogno.
L’ampliamento cercherà di ridurre al minimo l’impatto su popolazione e ambiente. In particolare, saranno installate barriere di protezione, risanati e ampliati alcuni sottopassaggi stradali e realizzato un nuovo tratto di ciclopista.
I piani di lavoro sono già stati accessibili nei mesi di febbraio e marzo del 2015 al momento della pubblicazione. Popolazione e amministrazione comunale hanno avuto, in occasione, la possibilità di consultare l’incarto ed esprimere le loro considerazioni.  

Svizzera, shuttle a guida autonoma nel trasporto urbano

Circoleranno da quest’estate a Zugo tra la stazione e il polo tecnologico - Il progetto pilota si protrarrà sino a fine 2018 e la complessità dei percorsi sarà continuamente aumentata
immagine

Nel trasporto urbano di Zugo circoleranno, per la prima volta in Svizzera, veicoli a guida autonoma. Dall’estate 2017 due shuttle automatizzati circoleranno tra la stazione e il polo tecnologico e saranno gradualmente integrati nel sistema di trasporto e di mobilità urbano. Veicoli autonomi elettrici, prodotti dall’azienda Local Motors di Berlino, affronteranno percorsi e offerta continuamente più complessi.
Il progetto pilota coinvolge le Ferrovie Federali Svizzere, la Mobility Carsharing, la Zugerland Verkehrsbetriebe (ZVB), la città e il polo tecnologico di Zugo, nuova sede per l’industria urbana, che viene collegata alla rete di trasporti pubblici.
SPERIMENTAZIONE E VARIETÀ D’IMPIEGO
Il progetto pilota si protrarrà sino a fine 2018. Nella prima fase i due shuttle viaggeranno tra la stazione e il polo tecnologico di Zugo. Poi, presumibilmente dal 2018, i clienti potranno salire e scendere dove vorranno, restando tuttavia sempre all’interno di un’area limitata. Successivamente i partner decideranno se e come integrare gli shuttle automatizzati nel sistema di trasporti pubblici di Zugo.
Al centro del progetto pilota vi è un’offerta di mobilità flessibile e orientata alla clientela. In modo graduale saranno testate diverse possibilità d’impiego dei veicoli a guida autonoma. Sarà una sperimentazione come servizio shuttle integrato nell’attuale rete dei trasporti pubblici, come offerta flessibile su richiesta, come allacciamento alla stazione e come futuro elemento di un’offerta di car sharing in una determinata area della città di Zugo.
Le FFS hanno una solida esperienza con il collegamento e l’integrazione di nuove offerte di trasporto nelle proprie app mobili e nella gestione di sistemi complessi. Mobility è uno specialista di tecnologia dei veicoli e offerte di car sharing, sia con stazioni di parcheggio sia “free floating”. L’azienda ZVB è un’esperta di manutenzione delle flotte e vanta un’ampia esperienza nella gestione dell’esercizio di trasporti pubblici urbani e regionali. 

"Opportunità Ceneri 2020", con Nuova Trasversale Ferroviaria Alpina le FFS miglioreranno l’offerta per viaggiatori e merci

Le FFS, con alcune sfide, viaggiano a pieno regime, nonostante le alte temperature che comportano robusto carico sui clienti, sul personale, sulla rete ferroviaria e sul materiale rotabile. Con oltre 450 treni speciali, viaggiatori da tutta la Svizzera possono raggiungere i principali eventi dell’estate 2018 (Paléo Festival di Nyon, Streetparade di Zurigo...). L’orario estivo funziona bene e l'utenza, nella maggior parte dei casi, è comprensiva: mai prima d'ora le FFS avevano fatto tanta manutenzione in così breve tempo sulla rete svizzera (attualmente 30 grandi cantieri). Questo per recuperare la manutenzione secondo programma. Il test pilota di Losanna-Puidoux rappresenta un primo tentativo di introdurre migliori regole di risarcimento per i clienti. L’Opportunità Ceneri 2020, con il completamento dei cantieri della NTFA (Nuova Trasversale Ferroviaria Alpina) e delle linee d’accesso in Svizzera, permetterà alle ferrovie di migliorare le offerte nel traffico viaggiatori nazionale e internazionale e renderà più stabile ed efficiente il traffico merci, anche grazie alla crescente collaborazione tra le principali imprese ferroviarie europee.

"Opportunità Ceneri 2020"
Il completamento dei cantieri di NTFA e delle linee d’accesso in Svizzera, per un investimento complessivo di 23 mia/CHF, è la premessa per cogliere l’Opportunità Ceneri 2020. I lavori procedono secondo i piani e sono in orario; la messa in esercizio è prevista per dicembre 2020. La collaborazione tra le principali imprese ferroviarie europee (Pro Rail, Deutsche Bahn, FFS, Ferrovie dello Stato Italiane e in parte Société Nationale des Chemins de fer Français) dovrebbe permettere un maggiore coordinamento per i cantieri, gli orari e l’esercizio, anche in situazioni straordinarie (come, ad esempio, l’interruzione della tratta a Rastatt, durata diversi mesi).

La Nuova Trasversale Ferroviaria Alpina rende possibili anche offerte migliori nel traffico viaggiatori. Gli obiettivi concordati con i partner europei nel traffico a lunga percorrenza riguardano l’aumento della puntualità al 90% dei treni presso il confine di Chiasso, con un massimo di cinque minuti di ritardo, la riduzione dei tempi di percorrenza tra Zurigo e Milano a circa tre ore con il nuovo elettrotreno svizzero Giruno, l’ampliamento dell’offerta EC a dieci nuove coppie di treni e l’introduzione di nuovi collegamenti diretti verso Bologna e Genova. Nel traffico regionale il dopo Ceneri darà il via al Metrò Ticino, con trenta minuti di percorrenza tra Lugano e Locarno, così come la cadenza semioraria tra Lugano, Locarno e Bellinzona.
Il traffico merci approfitterà di maggiore capacità, stabilità ed efficienza. I treni merci potranno essere infatti allungati a 750 metri (oggi 640) e avranno una capacità di 2mila tonnellate (oggi 1600); il numero di tracce disponibili giornalmente aumenterà dalle attuali 210 fino a un massimo di 260 e, grazie a una più intensa collaborazione con i partner e a una stabilizzazione delle tracce, i tempi di attesa ai confini non saranno superiori ai sessanta minuti. Inoltre la coordinazione dei cantieri da parte delle aziende d’infrastruttura dei vari Paesi dovrebbe mettere a disposizione del traffico merci percorsi alternativi. Si prevede che la produttività del traffico merci aumenterà così fino al 30% entro il 2030.

FFS Cargo tra risanamento e innovazione
L’obiettivo di FFS Cargo di attestarsi nelle cifre nere entro il 2020, con un aumento di almeno 20 mio/CHF in ambito operativo, e di essere nuovamente concorrenziale e autosufficiente entro il 2023 è alla base del risanamento in atto.
Il trend si dimostra fin d’ora positivo soprattutto nel sistema di traffico di carri completi, con una crescita del 6.2% del fatturato, pari a +21.7 mio/CHF, nel primo semestre del 2018. Attualmente il 90% dei carri viene trasportato attraverso circa la metà dei 334 punti di servizio, centosettanta dei quali vengono analizzati in base alla loro produttività; il terminal Cargo di Cadenazzo, in quest’ottica, rappresenta una storia di successo. Partito nel 2012 con tre clienti e cinquanta trasbordi mensili, Cadenazzo oggi impiega quindici collaboratori e serve quattordici clienti, per un totale di 1700 trasbordi.
Da gennaio 2019 FFS Cargo testerà quale prima ferrovia merci in Europa in un progetto pilota l’utilizzo dell’accoppiamento automatico e della prova del freno automatica nel traffico combinato. Da luglio di quest’anno cento carri merci vengono adattati alle nuove esigenze; parallelamente, a partire dal 13 agosto 2018, presso le Officine di Bellinzona dodici locomotive Re420 saranno adattate con un accoppiamento ibrido, per un investimento complessivo di 1.5 mio/CHF.  

Ferrovia di Luino tra le due Gallerie di base svizzere

Primo bilancio del nuovo San Gottardo (dicembre 2016) e prospettive dell’apertura del Monte Ceneri (2020)

La galleria di base del San Gottardo (GbG) ha cambiato profondamente il traffico ferroviario, ridotto i tempi di percorrenza per pendolari e turisti e permesso ai treni merci di attraversare le Alpi in modo rapido ed ecologico. Ciò nonostante, fino alla messa in servizio della galleria di base del Monte Ceneri (GbC) nel 2020, le Ferrovie Federali Svizzere intendono migliorare ulteriormente l’offerta.
A Locarno, alla vigilia del Festival del cinema, le FFS hanno tracciato un bilancio dei primi otto mesi dalla messa in servizio della galleria di base del San Gottardo e si sono già proiettate sull’ulteriore miglioramento del servizio dell’asse nord-sud.
CORRIDOIO ROTTERDAM–GENOVA
Recentemente lungo il corridoio Rotterdam–Genova sono già stati introdotti importanti miglioramenti nel traffico merci transfrontaliero con l’Italia e la Germania. Ebbene, secondo le FFs, dopo l’apertura della Galleria di base del Ceneri a fine 2020 e il completamento del corridoio 4 metri per il trasporto delle merci, l’asse del traffico merci internazionale attraverso il San Gottardo e il Ceneri acquisirà ancora maggiore importanza.
Finora attraverso la GbG sono transitati circa 17 000 treni merci, del peso medio di 1080 tonnellate e lunghi 434 metri. In futuro sulla ferrovia di pianura sarà possibile far circolare treni lunghi 750 metri con carichi fino a 2000 tonnellate anziché 1600 come finora. Inoltre, la capacità quotidiana nel traffico merci passerà da 210 a 260 tracce.
SBARRAMENTO DI LUINO
Per realizzare gli ampliamenti necessari per il corridoio 4 metri per il traffico merci, a giugno 2017 l’asse di Luino (Luino–Novara) è stato sbarrato. In accordo con le imprese di trasporto ferroviario (ITF), in questo periodo circa 160 treni verranno deviati lungo l’asse Lötschberg-Sempione via Domodossola. In quest’ottica il gestore italiano della rete RFI ha già gettato le basi per un aumento delle prestazioni.
Le FFS e RFI hanno messo a punto un sofisticato programma di lavori a fasi per garantire sufficienti capacità su tutto il corridoio anche durante lo sbarramento totale. Ora, a due mesi dallo sbarramento, «è possibile constatare che la domanda di trasporto si è sviluppata maggiormente rispetto a quanto previsto dalle ITF del traffico merci» hanno rilevato le FFS.
«ULTERIORE SFIDA PER IL TRAFFICO MERCI INTERNAZIONALE»
A causa dell’elevato sfruttamento dell’asse del Lötschberg, le FFS ritengono che «ogni perturbazione nello svolgimento dell’esercizio comporta dei ritardi che non è possibile recuperare in modo tempestivo».
Per le ITF del traffico merci vi è così il rischio di perdere dei clienti a vantaggio della strada. Per contrastare questa tendenza, le FFS hanno istituito una task force incaricata di elaborare soluzioni a breve termine e migliorare la situazione: da settembre, insieme a RFI, si rinuncerà ai lavori di costruzione previsti in singole notti per consentire a un numero sufficientemente elevato di treni di circolare liberamente via Chiasso.
SITUAZIONE COMPLESSA
Le FFS adattano i lavori di trasformazione già pianificati a Chiasso alle nuove esigenze, rinviandoli. Nei prossimi giorni si terranno i necessari chiarimenti per tentare di risolvere la complessa situazione da inizio settembre. In base agli sviluppi lungo il corridoio, viene costantemente valutata l’ipotesi di un’ulteriore restrizione dei lavori di costruzione.
In generale FFS Cargo punta molto sull’automazione e sulla digitalizzazione nell’ottica di ridurre i costi e aumentare l’efficienza. Grazie al sistema di segnalamento ETCS (European Train Control System), i treni possono susseguirsi a intervalli di soli tre minuti e anche questo accresce la produttività. 

Canton Ticino, prove tecniche della ferrovia Mendrisio–Stabio (–Varese)

Stabio, fermata, rendering FFS

Da parte italiana ancora si discute sullo smaltimento di scavi inquinanti e sui tempi di realizzazione, da parte svizzera invece partono pure le prove d’esercizio. Lunedì 23 giugno, da Mendrisio fino al confine italiano, sarà messa in esercizio tecnicamente la nuova linea ferroviaria che dovrebbe proseguire per Varese e Malpensa.
La tratta sarà messa sotto tensione e gestita direttamente dai collaboratori della Centrale d’esercizio Sud di Pollegio. Dall’autunno poi i treni della TILO vi effettueranno i test di collaudo. La messa in esercizio commerciale della linea S40, esclusivamente nelle ore di punta fino alla nuova Fermata di Stabio, è prevista dal prossimo cambio d’orario del 14 dicembre 2014.
Le Ferrovie Federali Svizzere hanno terminato le principali opere di genio civile e tecnica ferroviaria nei tempi e costi preventivati, mettendo così la linea a disposizione della circolazione dei treni. Le opere di tecnica ferroviaria sono state ultimate a inizio giugno mentre la fermata di Stabio sarà dotata dell’arredo definitivo nel corso dell’autunno 2014.
Anche le principali opere di genio civile si sono concluse nei tempi e costi preventivati. Il passaggio a livello di “Stabio-Via Mulino” sarà attivato in concomitanza con la messa in esercizio tecnica il 23 giugno 2014.
Nei prossimi mesi si procederà alla finitura dei diversi manufatti e dei rilevati ferroviari e all’ultimazione della rotonda in corrispondenza della Via Puntasei di Stabio. 

Chiasso, più silenzio lungo la ferrovia

Entro maggio 2015 sarà installato oltre mezzo chilometro di pareti fonoisolanti – Spesa, 3 milioni di franchi

A Chiasso, nel Canton Ticino, il 23 giugno è iniziata la posa di pareti fonoisolanti lungo la linea ferroviaria. Entro maggio 2015 le Ferrovie federali svizzere installeranno, su mandato della Confederazione, 573 metri di pannelli antirumore su via Soldini, dal sottopasso di via Dunant fino al cavalcavia di via Interlenghi. Spesa, 3 milioni di franchi.
Le pareti permetteranno di ridurre sensibilmente il rumore causato dai convogli in transito a beneficio dei residenti. Per garantire la percorribilità della linea e la sicurezza del personale, una parte dei lavori sarà effettuata anche durante le ore notturne o in giorni festivi, in particolare nei mesi da dicembre 2014 a gennaio 2015.
Chiasso fa parte dei comuni ticinesi inseriti nel programma di risanamento fonico ferroviario nelle vicinanze dei centri abitati. In tutto il Ticino, a partire dal 2004, pareti fonoassorbenti, finestre fonoisolanti e risanamento del materiale rotabile garantiscono una ferrovia più silenziosa in molti comuni situati lungo le linee più esposte. 

Condividi contenuti