Edizione n.32 di mercoledì 16 agosto 2017

FerrovieNord

Lombardia, via all’acquisto di 161 treni

Ferrovienord e Fnm avvieranno da settembre 2017 i bandi di tre diverse gare

Avviate in Lombardia le procedure di gara per l’acquisto di 161 nuovi treni deliberato il 24 luglio 2017 dalla giunta regionale. Il 1° agosto 2017 Ferrovienord spa e FNM spa hanno deliberato tre gare destinate all’acquisto di tre diverse tipologie di treni (media capacità, alta capacità e diesel), che saranno pubblicate a partire dal prossimo mese di settembre.
Le forniture dovranno concludersi entro il 2025. I nuovi treni saranno dotati di tutti i più moderni standard tecnologici e di accessibilità. Questo il dettaglio.
GARA 1 (Media Capacità) - Fornitura di convogli ferroviari a media capacità, bidirezionali, a composizione bloccata, a trazione elettrica 3 kV e potenza distribuita con opzione per il servizio della logistica ricambi per la manutenzione programmata nel periodo di garanzia. La quantità minima garantita è di 31 convogli, destinati alle linee a media frequentazione (200 posti a sedere), per un importo stimato di 217 milioni di euro.
GARA 2 (Alta Capacità) - Fornitura di convogli ferroviari ad alta capacità, bidirezionali, a composizione bloccata, a trazione elettrica 3kV e potenza distribuita per il trasporto ferroviario, con opzione per il servizio della logistica ricambi per la manutenzione programmata nel periodo di garanzia.
La quantità minima garantita prevede 60 treni in configurazione lunga (500 posti a sedere) e 40 treni in configurazione corta (400 posti a sedere), destinati alle linee ad alta frequentazione, per un importo stimato in 1.070 milioni di euro.
GARA 3 (diesel) - Fornitura di convogli ferroviari, bidirezionali, a composizione bloccata, a trazione diesel per il trasporto ferroviario, con opzione per il servizio della logistica ricambi per la manutenzione programmata nel periodo di garanzia. La quantità minima garantita è di 30 convogli, destinati alle linee non elettrificate (150 posti a sedere), per un importo complessivo stimato di 195 milioni di euro. 

Treni Lombardia, a Ferrovienord concessione fino al 2060

immagine

La concessione della rete ferroviaria della Lombardia rimane affidata a Ferrovienord fino al 2060. Inoltre, dal 2016 al 2022 saranno disponibili 670 milioni di euro per la gestione e lo sviluppo dei 300 chilometri di linee di proprietà regionale e delle 120 stazioni.
Lo ha deciso il 15 febbraio la giunta regionale, che ha deliberato anche la gestione e l'acquisto dei nuovi treni e ha fissato i parametri del servizio, le regole per il calcolo del corrispettivo contrattuale e le sanzioni per le inadempienze.
168 MILIONI PER NUOVI TRENI E 40 PER LA RETE
Per nuovi treni Palazzo Lombardia ha stanziato altri 168 milioni di euro, che vanno ad affiancarsi ai 527 impegnati nell’acquisto di una sessantina di nuovi mezzi, le cui consegne saranno ultimate entro un paio di mesi.
Per quanto riguarda invece l'adeguamento dell'infrastruttura, un recentissimo accordo con Rfi prevede un investimento complessivo di 40 milioni di euro (egualmente ripartito). Le risorse saranno destinate, per un verso, a sanare alcune criticità presenti sulla rete e, per un altro, ad avviare nuove fermate, come quella dell'Ospedale di Bergamo e quella di Como Camerlata. L'assessore alle Infrastrutture e Mobilità Alessandro Sorte ha ricordato anche che è stato rinnovato il Contratto di servizio con Trenord per 420 milioni di euro l'anno per 7 anni.
COMITATO PENDOLARI IN COMMISSIONE TERRITORIO
Qualche giorno prima, giovedì 11 febbraio, ammodernamento del materiale rotabile, sicurezza sui convogli e contratto di servizio Trenord erano stati i temi sollevati dal Comitato Pendolari e Viaggiatori Lombardi nella Commissione territorio, presieduta da Alessandro Sala (Lista Maroni).
Matteo Mambretti e Simone Verni avevano sollecitato un maggiore coinvolgimento dei comitati dei pendolari e degli utenti nelle decisioni sul trasporto pubblico locale. Il comitato aveva insistito sulla necessità di un ammodernamento infrastrutturale del materiale rotabile, soprattutto di scambi e semafori, con priorità assoluta alla stazione di Pavia. Inoltre alla Regione Lombardia era stato chiesto un ruolo più attivo nei rapporti con Trenord e nel dettare le condizioni del contratto di servizio.
I pendolari infine avevano invocato maggiore sicurezza sui convogli ferroviari, ricorrendo a misure più efficaci e incisive rispetto al servizio di vigilantes utilizzato in questi ultimi mesi e costato 7 milioni di euro. Le richieste del Comitato erano state in parte riprese e condivise da Iolanda Nanni (M5Stelle), Jacopo Scandella (PD) e Lucia Castellano (Patto Civico).
Nella fotografia: audizione del Comitato Pendolari e Viaggiatori in Commissione Territorio. 

Malpensa, da ottobre via al collegamento ferroviario tra i Terminal 1 e 2

I lavori dovrebbero concludersi a dicembre 2015
Verso Malpensa

A Malpensa entro ottobre 2014 dovrebbero iniziare i lavori del collegamento ferroviario fra i Terminal 1 e 2, ideato per mettere l'aeroporto varesino in rete con i collegamenti ferroviari nazionali e internazionali. Il termine è previsto entro dicembre 2015.
Il progetto definitivo ha calcolato una spesa di 115 milioni di euro. La spesa sarà ripartita fra Regione Lombardia (31 milioni, stanziati il 21 febbraio), Stato (45), Unione europea (23) e Sea (16).
DUE LOTTI
La realizzazione sarà articolata in due lotti. Il primo sarà sviluppato principalmente da Sea e riguarderà la costruzione della stazione ferroviaria interrata.
Il secondo lotto invece, affidato a FerrovieNord, toccherà il proseguimento del tracciato ferroviario per circa 3,4 chilometri di lunghezza a doppio binario, in galleria e trincea, e comprende la progettazione degli impianti ferroviari lungo tutto il tracciato e all'interno della stazione al T2. La stazione al T2 è predisposta per il prolungamento della linea ferroviaria a nord, fino alla connessione con le linee esistenti a Gallarate, che rientra nel più ampio progetto di "Accessibilità da Nord a Malpensa" e che consentirà, nel corso del tempo, di chiudere l'anello ferroviario attorno all'aeroporto.
BANDO E AGGIUDICAZIONE LAVORI
Bandi di gara entro marzo, aggiudicazione del concessionario entro settembre, avvio dei lavori entro ottobre, termine di tutto tra dicembre 2015 e febbraio 2016. Questo il cronoprogramma del collegamento T1-T2 secondo Palazzo Lombardia. L'opera doveva essere cosa fatta prima di Expo ed è invece slittata a chiusura abbondantemente superata. Vedremo se anche questo termine sarà rispettato. Altre infrastrutture, come la Arcisate-Stabio, suggeriscono prudenza. 

Como, stazione di interscambio a Camerlata

Progetto di 7,5 milioni di euro - I lavori dovranno iniziare entro il prossimo 31 maggio

A Como-Camerlata, entro la fine di maggio, partiranno i lavori per la nuova fermata e area di interscambio tra il servizio di Ferrovienord e Rfi. Il costo totale dei lavori è di 7,5 milioni di euro e la Regione Lombardia parteciperà con un contributo di 5 milioni di euro.
Il progetto prevede un parcheggio di interscambio per circa 250 posti autobus, bus e posteggio biciclette, due nuove banchine con pensiline in corrispondenza dei binari di Rfi e un sovrappasso ciclopedonale di collegamento.
Oltre al contributo economico, il decreto regionale ha, il 14 gennaio, fissato una serie di indicazioni sui tempi di realizzazione dei lavori, come richiesto dai finanziamenti europei Por/Fesr, pena la decadenza dei contributi stessi. «Entro la fine del mese di febbraio», ha precisato l'assessore alle Infrastrutture e Mobilità Maurizio Del Tenno, «Rfi dovrà predisporre il progetto e indire la gara d'appalto e il cantiere dovrà essere aperto entro il 31 maggio».  

Orario ferroviario invernale, la Lombardia apre al Piemonte

Prolungamento da Seregno a Saronno – Più corse e abbonamenti telematici – Tre coppie di treni per pendolari di Alessandria
Orario ferroviario invernale, la Lombardia apre al Piemonte

In Lombardia, dal 9 dicembre, l'entrata in vigore dell'orario invernale ha introdotto varie novità nel trasporto ferroviario.
La linea S9 è stata prolungata da Seregno a Saronno. Sono state avviate 62 nuove corse - che garantiranno circa 21.700 posti in più – e allungate altre 84. Mediante la Carta regionale dei servizi (Crs) i titoli integrati (treno più altro mezzo di trasporto) "Io viaggio" ("Ovunque in Lombardia" e "Ovunque in Provincia") e gli abbonamento di Trenord (annuali, mensili e settimanali) potranno essere caricati direttamente sulla carta telematica.
PROLUNGAMENTO LINEA S9
É tornata a funzionare la Saronno-Seregno. Un collegamento di 15,2 km, realizzato tra il 23 gennaio 2010 e il novembre 2012 e costato 75,5 milioni di euro, ha prolungato la linea S9, che collegava Albairate a Seregno attraverso Milano e Monza. La linea S9 connette il bacino tradizionale di FerrovieNord (Como, Varese, Novara) con l'area del Nord-Est milanese, proseguendo per Sesto FS e toccando l'Università Bicocca a Greco, il Politecnico a Lambrate, l'Università Bocconi a Porta Romana e la Iulm a Romolo.
CORSE OGNI 30 MINUTI
Da Saronno, il nuovo capolinea, i viaggiatori provenienti dalla Brianza (Monza, Desio e Seregno) potranno raggiungere l'aeroporto di Malpensa grazie all'interscambio con il Malpensa Express a Saronno. La nuova linea S9 garantisce inoltre a Saronno gli interscambi ferroviari sia con i servizi regionali per Varese-Laveno, Como e Novara, sia con le linee suburbane S1 (Saronno-Milano Passante-Lodi) e S3 (Saronno-Milano Cadorna).
TECNOLOGIE DI MOBILITÀ
I pendolari possono attivare la '"funzionalità trasporti'" sulla Carta regionale dei servizi e caricarci sopra il titolo di viaggio. In più gli abbonamenti potranno essere acquistati o ricaricati anche su internet o sui circuiti bancomat abilitati (Intesa san Paolo, Unicredit e Bpm).
I clienti registrati sul sito www.trenord.it, in possesso della tessera Itinero di ultima generazione (chip visibile), potranno acquistare o rinnovare - con carta di credito - gli abbonamenti settimanali, mensili, annuali e "TrenoMilano" direttamente dallo smartphone, accedendo alla versione mobile del sito www.trenord.it.
NUOVE CORSE FRA MILANO E ALESSANDRIA
Garantite sei corse in più (tre in andata e tre in ritorno) ai pendolari di Alessandria che reclamavano da tempo un collegamento con Milano in coincidenza con le partenze dei Frecciarossa. Le corse da Alessandria a Milano Centrale partono alle 5.15, 13.15 e 19. Gli orari da Milano Centrale per Alessandria sono invece: 8.25, 17.25 e 21.25. 

Condividi contenuti