Edizione n.35 di mercoledì 28 ottobre 2020

Day center oncoematologico pediatrico

Varese, all'ospedale Del Ponte in recupero gli accessi dei piccoli pazienti

Al Day Center Oncoematologico Pediatrico superata la flessione per emergenza covid
Day center Ascoli

È nato nel 2009 grazie alla Fondazione Giacomo Ascoli e da oltre un anno è attivo nei nuovi e moderni spazi al quinto piano del Padiglione Leonardo dell'Ospedale Filippo Del Ponte di Varese. È il Day Center Oncoematologico Pediatrico, che, sotto la supervisione del Dipartimento della Donna e del Bambino di Asst Sette Laghi diretto dal professor Massimo Agosti, ha ripreso il lavoro con intensità dopo una flessione degli accessi di circa il 25%, registrata tra febbraio e maggio 2020 per l'emergenza covid.
Entro la fine dell'anno si prevede l'intero recupero del pregresso, allineandosi ai risultati del primo anno di attività che ha registrato 3700 prestazioni ambulatoriali oltre le 784 complesse, le cosiddette Mac. I pazienti sottoposti a chemioterapia endovenosa sono stati 25, i pazienti ematologici e immunologici in terapia sono stati 24, mentre i pazienti in follow up ematologico e immunologico 200. I nuovi piccoli pazienti accolti per una prima visita sono stati 215, mentre le visite di controllo su pazienti con problematiche oncologiche, ematologiche e immunologiche sono state circa 1350.
TESTIMONIANZA DI UNA MAMMA
Dal cancro si può guarire e un'ulteriore conferma, se ce ne fosse bisogno, arriva dalla lettera-testimonianza della mamma di Elena - allora una bambina di sei anni, oggi una felice studentessa di liceo - che per sette anni ha attraversato il tunnel della malattia. «Un lungo calvario di sofferenze – ricorda la mamma - che tuttavia, grazie al Day Center Giacomo Ascoli, i nostri "angeli custodi", abbiamo trascorso anche con svago, gioco, allegria, risate e ottima compagnia».
Dai medici al personale infermieristico e ai volontari, il Day Center è, come ha scritto la mamma di Elena, «una seconda casa e una seconda famiglia, che ci ha supportato con tanto ottimismo e con tutte le cure amorevoli di cui avevamo bisogno. Sono stati anni duri, ma avevamo la consapevolezza che essere curati nel vostro day center, sarebbe stato come essere curati a casa. Vi sarò grata per sempre».
NUOVI TRAGUARDI
Per Marco Ascoli, presidente della Fondazione Giacomo Ascoli, «lettere di questo tenore ripagano di tanti sacrifici e di tanto tempo sottratto alle normali attività e dedicato a questi piccoli pazienti. Penso che diano a tutti noi la motivazione più forte per andare avanti e cercare di offrire sempre più servizi. Presto saranno realizzate presso l’Ospedale Del Ponte tre camere sterili per la degenza protetta dei pazienti onco-ematologici pediatrici e non solo. Un altro traguardo importante per migliorare la qualità di vita di queste famiglie e dei loro piccoli guerrieri».

Condividi contenuti