Edizione n.29 di mercoledì 15 settembre 2021

Como

Ats Insubria e vaccinazioni, proroga per personale scuola e studenti 12-19 anni

Fino al 19 settembre il personale scolastico e gli studenti tra i 12 e i 19 anni potranno accedere ai centri vaccinali senza appuntamento. La proroga oltre il 12 settembre vuole ulteriormente facilitare l’adesione alla campagna vaccinale e garantire un avvio in sicurezza della scuola.
Ats Insubria ricorda a chi volesse approfondimenti sulla vaccinazione Covid-19 nell’età dell’adolescenza, che la Lombardia ha realizzato un ciclo di incontri con esperiti e docenti per analizzare l’efficacia, gli effetti collaterali e a lungo termine del vaccino e l’andamento della malattia nell’età adolescenziale. Interviste sul profilo Instagram di Regione Lombardia.
Rimane possibile accedere a qualsiasi centro vaccinale tramite appuntamento da effettuare sul portale regionale con disponibilità garantita in 24/48 ore.
Con la ripartenza delle scuole del 13 settembre e gli obblighi circa la certificazione verde per il personale, Ats Insubria ricorda inoltre che, in caso di difficoltà nell’acquisizione del green pass, è disponibile la procedura informatizzata per la raccolta delle segnalazioni. Si accede dall’home page del sito di ATS Insubria. Si verrà collegati a un portale e a un team dedicato che guiderà l'utente verso il chiarimento del caso. 

Università dell’Insubria, innovativo master in editoria

Tra gli argomenti, editoria diffusa, giornalismo digitale e raccolta fondi
Foto Uninsubria: Pierre Dalla Vigna e Eugenio De Caro

L'anno accademico 2021/2022 vede tra le proposte dell’Università dell’Insubriala una novità. È il master di primo livello in Editoria diffusa, giornalismo digitale, fundraising. Innovativo il percorso didattico, che si avvale del rapporto diretto con eccellenti professionisti del mondo dell’editoria, del giornalismo e della raccolta di finanziamenti per la cultura. Oltre le competenze per confezionare, promuovere e distribuire libri ed ebook e per gestire lo snodo di notizie, districandosi all’interno del complesso labirinto delle fake news e dei social, il master offre anche la possibilità di imparare le tecniche sofisticate della “retorica della progettazione” per ottenere finanziamenti europei e nazionali, attrarre donazioni e sponsorizzazioni a vocazione filantropica.
«Le nuove tecnologie digitali – sottolinea Pierre Dalla Vigna, direttore del master, già fondatore dell’associazione culturale Mimesis, ora Mim Edizioni - stanno mutando radicalmente i modi e il senso stesso della produzione culturale e il libro cartaceo tradizionale non è che uno degli strumenti per fissare i concetti dell’essere sociale. Affianca gli eBook, le conferenze e i convegni interattivi, la produzione di immagini, suoni, parole e testi di ogni tipo: questa nuova forma di editoria diffusa offre un potenziale che è sfruttato solo in parte e che in futuro sarà sempre più centrale nella produzione culturale».
Requisiti per accedere al master e dettagli sul sito istituzionale: www.uninsubria.it/postlauream/editoria-diffusa-giornalismo-digitale-fund...
Iscrizioni online entro l’8 ottobre:
www.uninsubria.it/sites/default/files/Didattica/PostL/Master/Bando%20EDI... .
Nella foto Uninsubria, il direttore del master Pierre Dalla Vigna e Eugenio De Caro. coordinatore didattico del master, project manager e formatore alla logica della progettazione europea

Varese e Como, master formatori interculturali di lingua italiana per stranieri

Iscrizioni all’Università dell’Insubria entro il 23 ottobre

Fino al 23 ottobre 2017 è possibile iscriversi al Master Formatori interculturali di lingua italiana per stranieri (Filis). Si tratta di un corso post lauream di primo livello, nato all’Università degli Studi dell’Insubria per rispondere alle richieste dettate dalla condizione di multiculturalità che caratterizza la società contemporanea.
Il master Filis, riconosciuto dal Miur come titolo di specializzazione in Italiano Lingua 2, è rivolto a tutte le persone che già lavorino o che desiderino lavorare nel campo dell’insegnamento dell’italiano come lingua straniera. Inoltre, il diploma è valido per concorsi a cattedra classe A-23 e in Italia e all’estero può essere utilizzato per l’inserimento nel settore dell’insegnamento della lingua italiana in centri linguistici, istituti di cultura, enti di formazione, enti locali, associazioni e cooperative, imprese pubbliche e private.
SCHEDA MASTER
Tipologia Master: Master di Primo Livello. Sito web: http://www4.uninsubria.it/on-line/home/articolo14053.html.
Posti disponibili: 60. Durata del corso: annuale. Periodo di svolgimento: novembre 2017-giugno 2018. Modalità didattica: lezioni videoregistrate, consegna elaborati, valutazioni settimanali. Lingua: italiana. Frequenza: nessuna; la presenza è richiesta solo all’esame finale e alla discussione della tesi.
Scadenza presentazione domande di ammissione: ore 12 del 23 ottobre 2017. Modalità di selezione: voto di laurea. Quota di partecipazione: euro 1.490. Agevolazioni/borse di studio: no. Per informazioni: filis@uninsubria.it. 

Varese e Como, per studenti e neolaureati consulenza gratis sul mondo del lavoro

Il servizio sarà offerto da Uninsubria e Ordine dei consulenti del lavoro da settembre 2017
Varese, Stigliano e rettore
Como, Frigerio e rettore

A Varese e Como studenti e laureati da non oltre dodici mesi dell’Università dell’Insubria potranno avere consulenza gratis su contratti o proposte di lavoro o collaborazione. Il servizio sarà gratuito e sarà attivo a partire dal prossimo settembre.
Con due distinte convenzioni sottoscritte il 1° agosto 2017 Uninsubria, da una parte, e Ordini dei consulenti del lavoro di Varese e di Como, dall’altra, hanno dato il via allo Sportello contrattualistica. Studenti e neolaureati potranno prendere appuntamento con gli esperti via e-mail a un apposito indirizzo e chiarire clausole, mansioni, busta paga, diritti e doveri tra collaboratore e datore di lavoro.
L’ateneo, inoltre, ha anche rinnovato con l’Ordine dei consulenti del lavoro di Varese l’accordo che prevede - per i laureandi del corso di laurea triennale in Economia e Management e del corso di Laurea magistrale in Economia diritto e finanza d’impresa - la possibilità di svolgere dei mesi dei diciotto complessivi di praticantato durante il corso di studi, abbreviando così il periodo di tirocinio necessario per accedere all’Esame di stato.
Nelle due foto: 1) Per Varese: il rettore Alberto Coen Porisini e il presidente dell’Ordine dei Consulenti del lavoro di Varese, Vera Stigliano; 2) Per Como: il rettore e il presidente dell’Ordine dei Consulenti del lavoro di Como, Paolo Frigerio.

Elisoccorso, da luglio voli notturni da Como e anche Brescia

In Lombardia in funzione entro giugno 50 siti dove atterrare di notte

Da luglio in Lombardia volerà di notte un secondo elicottero del 118, oltre quello di Como. Al volo notturno sarà abilitato anche l'elicottero della base di Brescia. I due elicotteri consentiranno un servizio più puntuale, specialmente per le zone montane o disagiate.
All'abilitazione del secondo elicottero si affianca un’altra grande novità, i cosiddetti Siti Hems, i luoghi cioè non convenzionali - come i campi sportivi - per l'atterraggio dell'elicottero. In Lombardia ne sono stati individuati, e saranno in funzione entro giugno, 52 e oltre 50 sono in via di abilitazione.
ELISOCCORSO NOTTURNO - Con l'applicazione sul territorio nazionale, dal 28 ottobre 2014, del Regolamento Europeo 965/2012, l'elisoccorso notturno in Lombardia si apre ad una nuova prospettiva. La normativa lascia prevedere un impiego più razionale, ma anche più esteso, della risorsa elicottero in orario notturno. La possibilità di disporre di elisuperfici abilitate al volo notturno è oggi alla portata di pochi tra i comuni di medie-piccole dimensioni.
L'individuazione di Siti Hems in aree non convenzionali - come campi sportivi o altre con precise caratteristiche, collocate in punti ritenuti logisticamente strategici per l'elisoccorso - rappresenta un valore aggiunto soprattutto per i Comuni situati in zone disagiate per viabilità e orografia del territorio. 

Mendrisiotto (Svizzera), venti candeline per la Regio Insubrica

A Mezzana festeggiato l’anniversario dell’organismo transfrontaliero – È stato creato a Varese il 19 gennaio 1995 per consolidare la collaborazione fra il Canton Ticino e le confinanti province italiane di Como, Varese e Verbania
i relatori

A Mezzana, nel Mendrisiotto (Svizzera), il Centro professionale del verde ha ospitato, lunedì 19 gennaio, la cerimonia per il ventennale della Comunità di Lavoro Regio Insubrica, nata esattamente 20 anni fa, il 19 gennaio 1995, a Varese, per volere dei rappresentanti della Repubblica del Canton Ticino e delle Province di Como, Varese, Novara (per conto della costituenda Provincia di Verbano Cusio Ossola), ai quali poi si è aggiunta, nel 2007, la Provincia di Lecco.
Erano presenti il presidente del Consiglio di Stato del Canton Ticino, Manuele Bertoli, il governatore della Lombardia, Roberto Maroni, la responsabile affari esteri del Piemonte, Giulia Marcon, e il presidente della Comunità di lavoro (oltre a presidente della Provincia del Verbano Cusio Ossola), Stefano Costa, insieme con il segretario della Comunità di lavoro, il ticinese Giampiero Gianella.
Fiducia nel cammino della collaborazione hanno espresso i vertici delle tre regioni.
Secondo Costa, la programmazione Interreg 2014/2020 offrirà, a breve termine, importanti occasioni di crescita per i territori della Regio. Dal canto suo, Maroni ha auspicato che la Regio Insubrica possa essere protagonista anche nella futura Macro-regione alpina e ha dichiarato che la Lombardia subentrerà alle Province – colpite nelle loro risorse dalla riforma territoriale di livello nazionale – nell’assicurare il sostegno economico al progetto. Per il ticinese Bertoli, gli obiettivi originali della Comunità di lavoro restano di grande attualità e il rilancio delle relazioni transfrontaliere richiede che la Regio possa disporre di strumenti e risorse adeguati.
La giornata si è conclusa con il lancio di un doppio concorso legato alle celebrazioni dei vent’anni della Comunità di lavoro Regio Insubrica. Ai partecipanti sarà chiesto di immaginare un progetto di stage formativo in ambito economico – sul tema dell’accesso al credito per le imprese della zona insubrica – o di elaborare, in alternativa, una presentazione multimediale per le scuole medie superiori, dedicata al tema della cooperazione transfrontaliera. La premiazione avverrà entro la fine dell’anno. 

Times Higher Education, l’Insubria scala la classifica: ora tra le 500 migliori università del mondo

L’ateneo di Varese e Como quattordicesimo tra i 51 italiani citati. Punteggi eccellenti per l’impatto delle citazioni scientifiche e la ricerca
World University Rankings Insubria

Pubblicata il 2 settembre dalla rivista britannica Times Higher Education, la classifica delle migliori università del mondo vede in netta ascesa l’Università dell’Insubria. Nel nuovo World University Rankings 2022 l'ateneo di Varese e Como cambia fascia ed entra nel “gruppo 401-500”. Nel 2021 e nel 2020 (anno di ingresso nel ranking) era nel “gruppo 501-600”. Il prestigioso confronto internazionale si è basato su 1662 istituzioni di 99 Paesi; lo scorso anno le istituzioni erano 1526 e i Paesi 93.
Ottima complessivamente la classifica nazionale, con Bologna al top. L’Insubria è quattordicesima su 51 atenei italiani (nella scorsa edizione era ventisettesima su 49), ed è nella stessa fascia di Pisa e della Federico II di Napoli.
I metodi di valutazione, sempre riconfermati sono: teaching, research, numero di citazioni, internazionalizzazione e knowledge transfer. L’Insubria migliora ancora i suoi valori, con un risultato notevole soprattutto per l’impatto delle citazioni scientifiche, il cui punteggio sale da 74.9 a 90,7 e porta l’ateneo in 128esima posizione nella graduatoria mondiale (lo scorso anno era 331esimo). Crescono inoltre il punteggio della ricerca, che passa da 19,7 a 21,6, e l’internazionalizzazione, da 40,8 a 41,1.
«Questo risultato conferma l’ottimo lavoro che stiamo facendo – ha commentato il rettore Angelo Tagliabue -. L’impatto delle citazioni scientifiche dell’Insubria e il punteggio della ricerca danno l’idea del contributo alto di conoscenza che il nostro ateneo sa portare alla comunità scientifica internazionale. Merito di scelte che mettono i valori dello studio al centro di ogni nostra attività».

Condividi contenuti