Edizione n.12 di mercoledì 1 aprile 2020

cantieri

Banda ultra larga, fine dei lavori a gennaio 2021

Aggiornato lo stato di avanzamento del progetto in Lombardia – Entro fine estate 2017 via ai lavori in 10 cantieri pilota

Definite in Lombardia le prossime fasi attuative del progetto Banda ultra larga (Bul) e le caratteristiche del servizio offerto. La Open Fiber Spa si è aggiudicata per 303 milioni di euro la gara per l'infrastrutturazione e gestione di una rete in fibra ottica aperta dal bando pubblicato a giugno 2017.
La società, come ha reso noto l'assessora regionale Claudia Terzi, garantirà servizi nelle aree obbligatorie con performance decisamente superiori: 100Mbps (per tutta la popolazione) e 100Mbs (per tutte le sedi d'impresa e della pubblica amministrazione). «Inoltre, nelle aree facoltative (52 Comuni), caratterizzate da circa 700.000 unità immobiliari, dove invece non erano previste specifiche obbligatorie, sono stati offerti servizi come di seguito indicato: 100Mbps (per 200.000 unita' immobiliari) e 30Mbps (per 450.000 unità immobiliari, in tecnologia FWA (Fixed wireless access), il servizio wireless fisso ad uso privato che offre una connessione internet a 30Mbps)».

FASI DI ATTUAZIONE
Le fasi di attuazione del progetto sul territorio lombardo sono quattro e saranno avviate con cadenza semestrale. I lavori relativi ai comuni ricadenti nella Fase 1 inizieranno a cavallo tra dicembre 2017 e gennaio 2018. Per quelli relativi alla Fase 2, ci sarà l'avvio entro giugno 2018, Fase 3 gennaio 2019 e Fase 4 luglio 2019.
La fine dei lavori è prevista a gennaio 2021. Entro l'estate 2017, inoltre, inizieranno i lavori per i primi 10 cantieri "pilota". Le quattro fasi di attuazione prevedono rispettivamente: Fase 1: 73 Comuni; Fase 2: 193 comuni; Fase 3: 375 Comuni; Fase 4: 835 Comuni.
La buona riuscita del progetto è legata soprattutto alle tempistiche di rilascio dei permessi necessari per la posa della fibra ottica. Di qui un suggerimento dell’assessora Terzi alle amministrazioni locali. «Ai comuni – ha spiegato - è stato chiesto di sottoscrivere una convenzione con Infratel Italia, società di scopo del Ministero dello Sviluppo economico e stazione appaltante per le gare Bul sull'intero territorio nazionale. Tale convenzione non impegna l'ente locale dal punto di vista economico, ma richiede una collaborazione attiva da parte degli enti sottoscrittori nel facilitare i lavori di posa della fibra ottica sul proprio territorio». 

Condividi contenuti