Edizione n.5 di mercoledì 13 febbraio 2019

Camera di Commercio

Varese, Camera di commercio rimane autonoma

Sopravviverà all’accorpamento previsto dalla riforma insieme con quelle di Milano con Monza e Lodi; Como e Lecco; Mantova con Cremona e Pavia; Brescia; Bergamo; Sondrio
Camera commercio, piazza Monte Grappa

A Varese la Camera di commercio non solo sopravviverà all’accorpamento ma sarà sempre più autonoma. In Lombardia sarà una delle sette riconosciute. Le altre saranno: Milano con Monza e Lodi; Como e Lecco; Mantova con Cremona e Pavia; Brescia; Bergamo; Sondrio.
A Roma, il 31 maggio, l’assemblea di Unioncamere nazionale ha approvato la proposta di riordino da presentare al Ministero Sviluppo Economico e ha riconfermato l'autonomia della Camera di Commercio di Varese e della sua azienda speciale Promovarese.
Vari i fattori che hanno giocato a favore dell’autonomia. «Determinanti – ha spiegato il presidente Giuseppe Albertini - sono stati il numero delle imprese, la sostenibilità economica finanziaria, la densità di un tessuto economico produttivo articolato su 139 Comuni che necessita di specifici fattori di aggregazione. Di rilievo anche la presenza di un sistema turistico in crescita e ulteriormente da sviluppare e una realtà geografica tra confini nazionali, regionali e metropolitani del tutto peculiari».

Varesini all'estero, sul podio Svizzera e Regno Unito

Oltre 18mila i residenti in Svizzera, ma registrato nel Regno Unito l'aumento maggiore negli ultimi cinque anni
Camera di commercio Varese

Negli ultimi tredici anni i varesini residenti all'estero sono passati dai 32.360 del 2005 ai 54.936 nel 2017. Sulla statistica continua a incidere la vicinanza col confine. Al primo posto figura infatti la Svizzera con oltre 18mila persone. Negli ultimi cinque anni però l'aumento maggiore è stato registrato nel Regno Unito (+80%). Sono questi alcuni dati dell'andamento demografico rilevato dall'Ufficio studi e statistica della Camera di Commercio di Varese su base Aire Ministero dell'Interno “Varesini residenti all'estero-serie storica”.
È emerso che sono 55mila i varesini che, per ragioni di lavoro o di ricongiungimento famigliare, si sono trasferiti stabilmente all'estero e che risultano iscritti all'Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero. Le cifre collocano Varese al 28° posto tra le province italiane con maggior numero di residenti all'estero. «Se però – precisa l'analisi camerale - la stessa cifra viene, opportunamente, ponderata sulla base della popolazione, la nostra provincia si pone al 67° posto sulle 107 italiane, con un'incidenza pari al 6,2% sul totale dei residenti».

FENOMENO IN CRESCITA ANCHE IN LOMBARDIA
In cima alla classifica nazionale si collocano i territori siciliani, dove questa percentuale tocca addirittura quota 47% (Enna) e 35% (Agrigento), ma la stessa Lombardia segna una crescita del fenomeno, con Sondrio al 13,1% (23esimo posto in Italia), seguita da Como con l'8,1% e appunto Varese.
I residenti all'estero provenienti dal Varesotto sono cresciuti del 70% negli ultimi tredici anni, passando dai 32.360 del 2005 ai 54.936 nel 2017. Nei soli ultimi dodici mesi presi in considerazione dall'analisi, l'incremento è stato del 3,6%, pari a 1.900 unità in valore assoluto. «Sono dati che parlano di una lenta e preoccupante fuoruscita da qui come da altre parti del nostro Paese. E troppo spesso sono i giovani con ottime competenze che devono trovare opportunità fuori dai confini nazionali - sottolinea il presidente della Camera di Commercio varesina, Fabio Lunghi».
AMERICHE E AUSTRALIA
La Svizzera è al primo posto per numero di varesini che si sono trasferiti all'estero con un totale di 18.012 persone (32,8% dei varesini iscritti Aire). Tra le destinazioni, alcune delle quali risalgono lontano nel tempo, seguono Argentina (8.359) e Regno Unito (3.381), Uruguay (3.352), Francia (3.152), Germania (2.756) e Spagna (2.694) e poi Usa (2.141).
Negli ultimi cinque anni l'aumento maggiore è stato registrato nel Regno Unito (+80%); a seguire Australia (+43%) e Germania (+38%), poi Paesi Bassi (+ 37%) e Spagna (+35%).
Uno sguardo, infine, alle caratteristiche dei varesini all'estero. «A trasferirsi – nota lo studio camerale - sono in prevalenza uomini (52,3%), adulti in età da lavoro (43% tra i 35-64 anni) e che in maggioranza arrivano dai comuni più popolosi della provincia (Varese 5.919, Busto Arsizio 2.977, Gallarate 2.462), ma anche da quelli vicini al confine (Luino 1.998 e Lavena Ponte Tresa 1.609). 

Turismo a Varese, estate 2016 meglio dell’effetto Expo

Rispetto al 2015 particolarmente positivo il turismo internazionale - Quasi 1 milione di arrivi nei soli primi nove mesi

Buone notizie dal fronte turistico tra i Sette Laghi nel 2016. Da gennaio a settembre gli arrivi hanno sfiorato quota un milione (994.955), 1,4% in più sul dato del medesimo periodo 2015, che incorporava l’effetto Expo. Lo rileva la Camera di Commercio di Varese dai dati provvisori sui flussi turistici (Osservatorio Flussi Turistici Provincia di Varese su dati Eupolis Lombardia–Istat).
Va subito aggiunto che, se i turisti esteri in provincia di Varese registrano un incremento del 5,9% (605.317, il 61% del totale), sono invece in diminuzione gli arrivi di italiani (-4,9%). «Quest’attenzione nei confronti della destinazione Varese anche nel dopo Expo – ha commentato il presidente della Camera di Commercio, Giuseppe Albertini – costituisce il miglior viatico verso quell’impegno di valorizzazione turistica che la legge regionale attribuisce proprio alle Camere di Commercio in sinergia con la stessa Regione e in collaborazione con gli altri enti locali».
FLUSSI INTERNI
Sostanzialmente invariate rispetto al 2015 appaiono le giornate di soggiorno nel 2016 (1.696.670 presenze). Le cifre, provvisorie e ancora incomplete, probabilmente saranno migliori a consuntivo chiuso.
Durante il trimestre estivo l’andamento è stato positivo, in particolare quello dei flussi interni alla Lombardia. Da luglio a settembre 2016 hanno visitato Varese oltre 61mila turisti provenienti dalle province lombarde, quasi 10mila in più rispetto al medesimo periodo 2015. La permanenza complessiva ha sfiorato le 130mila giornate, 32mila in più rispetto all’analogo periodo 2015.
REDDITIVITÀ ALBERGHIERA
«Il fatto che i numeri tengano anche a un anno dall’Esposizione Universale ci fa particolarmente piacere – ha affermato il presidente provinciale di Federalberghi Frederick Venturi – così come è positivo per il nostro territorio il costante recupero di Malpensa. Certo, per il mio settore alberghiero rimane il problema di una redditività che resta bassa. L’interesse per il territorio è però un elemento che ci aiuterà nel migliorare questo fattore, che è decisivo per l’efficienza operativa delle nostre strutture».
TARGET STRANIERO
Più gratificante invece il target straniero. Sempre nel trimestre estivo, in aumento si sono rivelati gli arrivi dai principali paesi esteri: Regno Unito (+38%), Germania (+12%), Belgio (8,4%), Paesi Bassi (7,5%). Fa eccezione la Cina con un calo del 40% delle presenze, probabilmente poiché nel 2015 questo dato era fortemente influenzato dagli arrivi per Expo. 

Mercato svizzero, esportazioni varesine in crescita

Nel primo semestre 2012 fatturato cresciuto del 22 per cento

In Italia c’è crisi e in Canton Ticino spesso soffiano venti antitaliani, eppure l’export del Sistema Varese verso la Svizzera aumenta. Il fatturato realizzato tra gennaio e giugno 2012 è cresciuto addirittura del 22 per cento, toccando quota 421 milioni di euro.
Il mercato elvetico esige elevati requisiti di qualità ed è aperto a una forte concorrenza, ma lo sviluppo offre prospettive ampie, specialmente nel mercato del lusso. La crescita è pertanto un segnale incoraggiante e la conferma è venuta dal seminario di formazione della Camera di Commercio di Varese dedicato il 12 ottobre alla Svizzera.
A Ville Ponti oltre 130 tra imprenditori e rappresentanti d’azienda hanno avuto modo di ascoltare valutazioni e analisi dei relatori Fabrizio Macrì, della Camera di Commercio Italiana per la Svizzera, e Pier Paolo Ghetti, consulente in materia doganale, e poi anche di confrontare singole posizioni con vari esperti. Secondo Ghetti, sono prevalenti «la possibilità di usufruire dell’efficacia degli accordi di libero scambio tra Confederazione e Unione Europea, che danno diritto a un trattamento daziario preferenziale alle merci di origine comunitaria, e soprattutto il rilievo di un mercato di grande interesse e qualificato come quello svizzero».

Condividi contenuti