Edizione n.23 di mercoledì 20 giugno 2018

biodiversità

Tutela della biodiversità, Bruxelles premia il Progetto Life Tib della Provincia di Varese

Premiazione

Prestigioso riconoscimento il 23 maggio 2018 a Bruxelles per il progetto di tutela della biodiversità Life “Tib” (Trans insubria bionet) realizzato negli anni scorsi da Provincia di Varese, Lipu e Regione Lombardia e sostenuto da Fondazione Cariplo e Unione europea. Il progetto è stato premiato da Karmenu Vella, commissario europeo all’Ambiente, come uno dei migliori progetti Life d’Europa del 2016. Alla cerimonia era presente una delegazione italiana composta da Massimo Soldarini, Lipu-BirdLife Italia; Sara Barbieri, Provincia di Varese; Alessandro Corrado, delegazione di Bruxelles di Regione Lombardia; Paolo Siccardi, Fondazione Cariplo.

Merito di Tib è aver creato un lungo corridoio ecologico tra il Parco del Campo dei Fiori, sulle Prealpi di Varese, e il Parco del Ticino, in Pianura padana, grazie al ripristino di piccole zone umide e alla formazione di passaggi utili alla fauna selvatica. In questo modo si è favorito lo spostamento degli abitanti a più zampe della vasta zona e si è riconnesso l'ambiente che, a causa di infrastrutture, era frammentato.
«Siamo particolarmente felici ed orgogliosi di questo successo – dichiara il presidente della Provincia di Varese, Gunnar Vincenzi – . Viene riconosciuta la grande qualità del lavoro effettuato sul campo e il valore del risultato finale. Un ottimo e concreto esempio di buona gestione dei fondi europei destinati alla conservazione della biodiversità, in questo caso nella nostra provincia che annovera alcuni dei luoghi di natura più belli e preziosi del nostro Paese».
In foto, da sinistra a destra: Angelo Salsi, responsabile Unità Life alla Commissione Europea, Sara Barbieri, Paolo Siccardi, Massimo Soldarini. 

Lombardia, tralicci e cavi elettrici a misura di aquile e gufi reali

Collaborazione tra Enel e Lipu per la tutela dell’avifauna – L’accordo rientra nel progetto europeo Life–Gestire 2020 promosso da Regione Lombardia
Enel-cicogne

Per aquila reale, nibbio bruno, gufo reale e altre specie di uccelli diventerà più sicuro il territorio montano di Sondrio, Bergamo e Brescia. Grazie a un accordo tra Enel e Lipu-BirdLife Italia, il loro l’habitat naturale non sarà più a rischio di collisione con i cavi sospesi né di fenomeni di elettrocuzione quando si posano sui sostegni.
A Milano, il 13 luglio 2017, il responsabile di E-distribuzione per la Lombardia (la società, che gestisce la rete di distribuzione elettrica), Vincenzo di Luozzo, e il presidente di Lipu-BirdLife Italia, Fulvio Mamone Capria, hanno aggiunto un altro tassello alla tutela della biodiversità e alla salvaguardia dell’avifauna.
MAPPATURA E STUDI LINEE AEREE
Le parti elaboreranno un piano di interventi mirato a ridurre i rischi da collisione ed elettrocuzione per l’avifauna. La società elettrica fornirà la mappa delle linee aeree di media tensione - dotate di conduttori nudi - presenti nelle province di Sondrio, Bergamo e Brescia. A ruota, dal canto suo, l’associazione ambientalista fornirà i risultati degli studi condotti in merito ai rischi derivanti da impatto ed elettrocuzione in cui incorrono gli uccelli selvatici che popolano questi spazi.
Non è la prima volta che l’Enel intervenga in difesa della biodiversità e della tutela delle specie a rischio di estinzione. A protezione della nidificazione la società ha, per esempio, installato posatoi sopraelevati, impiegato guaine e materiali isolanti, sostituito il conduttore elettrico esistente con altro tipo di isolante.
PROGETTI
L’accordo è un frutto del progetto Life Gestire2020, avviato nel gennaio 2016 per la conservazione della biodiversità in Lombardia e condotto da Regione Lombardia con il contributo della Commissione Europea. Alla sua realizzazione collaborano l’Ente regionale per i servizi all’agricoltura e alle foreste, i Carabinieri forestali, la Fondazione Lombardia per l’Ambiente, Lipu, Wwf, Comunità Ambiente e Fondazione Cariplo in qualità di co-finanziatore.
La nuova intesa si va ad aggiungere ad altre mirate sempre alla protezione dell’ambiente. Tra gli altri interventi dell’Enel figurano un seminario sulla progettazione di linee elettriche aeree contro i rischi di collisione ed elettrocuzione per l’avifauna, la posa di cassette nido per la nidificazione dei rapaci, la realizzazione di piattaforme sulla sommità dei tralicci per l’arrivo delle cicogne, i nastri isolanti sui conduttori per preservare l’incolumità dei volatili.
------
Nelle foto: nido di cicogne su piattaforma di E-distribuzione;
la firma del protocollo (da sinistra Fulvio Mamone Capria e Vincenzo Di Luozzo;
tecnico Enel al lavoro durante un’attività di isolamento dei conduttori ).

Condividi contenuti