Edizione n.7 di mercoledì 14 febbraio 2018

Associazione Mazziniana Italiana

Varese, l'Italia dalla Repubblica Romana alla Repubblica Italiana sulle orme di Mazzini

Fatti e personaggi al centro di manifestazioni organizzate dall’Associazione “Giovanni Bertolé Viale”
VARESE, il Bernascone

A Varese decolla in settimana il nuovo volo della Sezione “Giovanni Bertolé Viale” dell’Associazione Mazziniana Italiana su aspetti, personaggi e fatti legati al Risorgimento, alle idee e all’opera di Giuseppe Mazzini che hanno toccato il territorio di Varese e del Varesotto. Il programma, reso noto dal presidente Carlo Manzoni, si aprirà, venerdì 9 febbraio, con la commemorazione del 169° anniversario della nascita della Repubblica Romana del 1849.
In mattinata (ore 10,30), nell'Istituto Daverio-Casula di Varese, sarà reso omaggio con una corona a Francesco Daverio e parlerà Maria Pellegatta. Alla cerimonia saranno presenti studenti e docenti dell’istituto, una classe della scuola media Dante e l’assessora comunale ai servizi educativi Rossella Dimaggio.
Nel pomeriggio (ore 17,30), allo Spazio Coop di Casbeno (via F. Daverio 44), seguirà la conferenza “I salotti liberali e mazziniani nella Varese dal 1830 al 1861” di Ivana Pederzani sulle figure di Felicita Morandi e Lucia Prinetti Adamoli.

DA ANITA GARIBALDI AI FRATELLI CAIROLI
Altra figura femminile risorgimentale al centro delle celebrazioni sarà Anita Garibaldi. Giovedì 1 marzo (ore 17,30), alla scuola elementare Anna Frank, Silvia Cavicchioli (Università di Torino) presenterà il suo libro “Anita. Storia e mito di Anita Garibaldi” (Einaudi Editore). La manifestazione è organizzata con la collaborazione del gruppo di lettura Universauer.
Da Varese, sabato 24 marzo, il panorama delle manifestazioni si sposterà a Groppello Cairoli e a Pavia.
A Groppello Cairoli l'associazione varesina e una delegazione di studenti del Liceo classico Cairoli di Varese visiteranno la Casa Museo Cairoli e altre testimonianze su Ernesto Cairoli e la sua famiglia. Successivamente la delegazione si sposterà a Pavia per visitare il Museo del Risorgimento.
Ernesto Cairoli, pavese, morì a Varese a 26 anni, combattendo con i Cacciatori delle Alpi di Garibaldi nella battaglia di Biumo del 1859. Oltre lui, altri tre dei cinque fratelli Cairoli morirono durante il Risorgimento.
GIUSEPPE FERRARI E L'ITALIA POSTUNITARIA
In aprile lo scenario di fatti e personaggi ricordati si sposterà dal Risorgimento all'Unità d'Italia. A Varese, venerdì 20 aprile (ore 17,30), allo Spazio Coop di Casbeno, conferenza del professor Robertino Ghiringhelli sulle figure politiche del territorio varesino nei primi parlamenti dopo l’unità d’Italia. Tema, “Il primo parlamentare repubblicano del Varesotto: Giuseppe Ferrari”. A queste manifestazioni seguiranno altre in corso di definizione.
Per la seconda metà dell’anno l'associazione sta lavorando a incontri sulle Società Operaie di Mutuo Soccorso di ispirazione mazziniana del Varesotto nate nella seconda metà del 1800 e sui legami tra la Costituzione della Repubblica Romana del 1849 e la Costituzione Italiana del 1948 (professor Giorgio Grasso).
Altro filone di approfondimento saranno lo sviluppo e l’influenza del pensiero mazziniano sui movimenti che promossero la Resistenza contro il Fascismo e la nascita della Repubblica Italiana e dell’idea di Europa. A parlarne sarà il professor Robertino Ghiringhelli con una conferenza sul tema “Da Mazzini a Ventotene”. 

Condividi contenuti