Edizione n.6 di mercoledì 19 febbraio 2020

Lombardia

Lombardia, 500.000 euro ai 1.600 vigili del fuoco volontari

Stabiliti i criteri di assegnazione del fondo a onlus e associazioni di promozione sociale

Sostegno regionale al lavoro dei 1600 vigili del fuoco volontari dislocati in oltre settanta distaccamenti della Lombardia. Il 2 ottobre 2017 Palazzo Lombardia ha fissato i criteri per l'assegnazione dei 500.000 euro previsti da una legge (la 11/2017).
SPESE AMMISSIBILI
La Regione Lombardia destinerà un contributo a fondo perduto pari al cento per cento delle spese ammissibili fino a un massimo di 10.000 euro per progetto. Sono riconosciute le spese per l'acquisto di radio portatili, motoseghe, termocamere, motoventilatori, gruppi da soccorso idraulico, gruppi pneumatici da sollevamento, motopompe e altre dotazioni tecniche.
Il finanziamento regionale sarà erogato entro il 28 febbraio 2018, mentre le rendicontazioni dovranno pervenire entro il 31 dicembre 2017.
CRITERI
Beneficiari del fondo saranno le onlus e le associazioni di promozione sociale (Aps). Tra le loro finalità statutarie devono figurare il sostegno a un distaccamento volontario del Corpo nazionale dei vigili del fuoco presente sul territorio regionale. Altri requisiti sono: iscrizione nell'elenco regionale; sede legale e operativa in Lombardia; assenza di fini di lucro; democraticità della struttura; elettività e gratuità delle cariche associative; gratuità delle prestazioni degli aderenti; obbligo di formazione del resoconto economico annuale; clausola di devoluzione del patrimonio in caso di scioglimento dell'organizzazione. 

Milano, nel 2016 capitale mondiale musei

Dopo Shanghai (2010) e Rio de Janeiro (2013), sarà Milano la prossima capitale mondiale dei Musei. A Parigi il 4 giugno l'Unesco ha preferito la metropoli lombarda a Mosca e Abu Dhabi come sede dell'assemblea mondiale del Consiglio Internazionale dei Musei (Icom).
La conferenza generale è l'appuntamento più prestigioso che, con cadenza triennale, caratterizza l'attività dell'International Council of Museums. L'Icom, fondato nel 1946, raduna 28.000 professionisti museali e 2.000 musei di 130 Paesi del mondo.

Orti di Lombardia, bando per 150 mila euro

Domande fino a 1° marzo - Negli ultimi quattro anni stanziati 500 mila euro per 181 orti realizzati

Fino al 1° marzo 2020 comuni, asili, scuole ed enti gestori di aree protette in Lombardia potranno presentare domanda per la realizzazione di orti didattici, urbani e collettivi. Un bando aperto il 14 febbraio dall’Ente regionale per i servizi ad agricoltura e foreste mette a disposizione 150mila euro per diffondere la cultura del verde e dell'agricoltura, sensibilizzare famiglie e studenti sull'importanza di un’alimentazione sana ed equilibrata, divulgare tecniche di agricoltura sostenibile, riqualificare aree abbandonate, favorire l'aggregazione sociale e lo sviluppo di piccole autosufficienze alimentari per le famiglie. «Negli ultimi quattro anni - ha dichiarato l'assessore regionale all’agricoltura Fabio Rolfi - abbiamo già investito 500 mila euro per realizzare 181 orti in tutta la Lombardia, combattendo degrado urbano e abbandono dei territori».

I progetti finanziabili devono essere finalizzati alla realizzazione di:
1) 'orti didattici': aree verdi all’interno dei plessi scolastici o su appezzamenti di terreni resi disponibili da enti pubblici e privati o aziende agricole, destinate alla formazione degli studenti a pratiche ambientali sostenibili e all’educazione agro-alimentare;
2) 'orti urbani': tasselli verdi all'interno dell’agglomerato cittadino che vengono suddivisi in particelle da assegnare a singoli cittadini con lo scopo di contribuire al recupero di aree abbandonate o sottoutilizzate delle città, configurandosi come innovativi elementi del paesaggio urbano contemporaneo e come possibile strumento di aggregazione sociale;
3) 'orti collettivi': appezzamenti di terreni gestiti da associazioni, individuati quale luogo di pratica ortofrutticola, organizzati con la finalità di dare l’opportunità a chi non ha un orto e non ha sufficienti conoscenze tecniche di beneficiare dei prodotti di un lavoro collettivo.
«I progetti - ha precisato Rolfi - devono prevedere momenti informativi dedicati alle tecniche agricole, alla stagionalità dei prodotti, all’educazione ambientale e alimentare. Le iniziative di formazione possono essere realizzate con il coinvolgimento delle associazioni agricole di categoria, delle aziende agricole, delle fattorie didattiche e delle fattorie sociali». 

Cimice asiatica, altri 3,8 milioni per reti antinsetto

Dal 2017 stanziati in totale 12,5 milioni per 409 aziende

Ce ne sono anche dodici del varesotto tra le quattrocentonove aziende agricole beneficiarie degli stanziamenti regionali a sostegno delle installazioni delle reti contro la cimice asiatica. Alla prevenzione dei danni apportati dall'insetto la Regione Lombardia destinerà altri 3,8 milioni di euro, portando così a 12,5 milioni il totale distribuito dal 2017 a oggi per questa misura.
«Non sono la soluzione definitiva, ma permettono di salvare i raccolti e fino a questo momento risultano essere il metodo di prevenzione più efficace» ha dichiarato l'assessore Fabio Rolfi. «La Lombardia – ha aggiunto - è consapevole che è necessario predisporre una gestione integrata di tutte le possibili strategie di contenimento dell’insetto e sarà la prima regione italiana ad avviare un progetto pilota in ambito frutticolo, sulle coltivazioni di pesche bresciane e pere mantovane. I risultati dell’esperienza lombarda saranno resi disponibili con l’auspicio che possano contribuire al contenimento dei danni causati dalla cimice».
Questi gli stanziamenti totali (dal 2017 a oggi), suddivisi per provincia, per le installazioni delle reti antinsetto:
*Bergamo: 7 aziende 225.418,81 euro;
*Brescia: 14 aziende - 467.304,88 euro;
*Como: 40 aziende - 1.428.724,53 euro:
*Cremona: 5 aziende – 150.635,68:
*Lecco: 10 aziende - 429.023,51 euro;
*Lodi: 1 azienda - 72.446,40 euro;
*Mantova: 111 aziende - 4.028.421,23 euro;
*Milano: 17 aziende 761.936,60 euro;
*Monza Brianza: 14 aziende - 662.257,52 euro;
*Pavia: 2 aziende - 39.847,43 euro:
*Sondrio: 176 aziende - 3.885.638,62 euro;
*Varese: 12 aziende - 402.629,04 euro.
Totale: 409 aziende, 12.554.284,29 euro.

Pro Loco in Lombardia, bando da 700.000 euro

Previsti voucher da 1500 euro per oltre 650 associazioni

Ossigeno per l’attività delle oltre 650 Pro Loco iscritte all'albo regionale della Lombardia. Nelle prossime settimane un bando di Regione Lombardia aprirà l'assegnazione di un voucher da 1500 euro.
La misura punta a sostenere le attività delle associazioni turistiche. Destinatarie, soprattutto – come rilevato dall'assessore allo Sviluppo economico - «quelle con il più alto valore di promozione turistica ed incremento dell'attrattività locale». 

Lombardia, nuove norme per gestione e abbattimento dei cinghiali

Stanziati 900.000 euro in tre anni per il risarcimento dei danni
cinghiali, foto Comunità montana Valli del Verbano

In Lombardia i danni causati dai cinghiali nelle aree dove è consentita la caccia dovranno essere risarciti fino al 30% dagli Ambiti e dai Comprensori alpini, ai quali spetterà anche promuovere iniziative di prevenzione. In montagna poi, come richiesto da un emendamento del PD, i risarcimenti per i danni ai prati permanenti interesseranno non solo gli imprenditori agricoli.
AREE E RISARCIMENTI
Sono queste alcune delle regole per contenere o eliminare l’emergenza cinghiali contenute nella nuova legge per la “gestione faunistico-venatoria del cinghiale e recupero degli ungulati feriti”. Il provvedimento è stato approvato l’11 luglio 2017 dal Consiglio regionale con 51 voti a favore e 10 contrari (M5S e Sel).
Per il triennio 2017-2019 sono previsti 300.000 euro l’anno per i risarcimenti. Regione Lombardia, confrontandosi con Ispra, delibererà entro 180 giorni dall’entrata della legge la suddivisione del territorio agro-silvo-pastorale lombardo in aree idonee e in aree non idonee alla presenza del cinghiale e individuerà le “unità di gestione della specie” (porzioni di territorio in cui vengono definiti obiettivi e modalità di intervento sulla specie).
DIFFUSIONE E DANNI
Nel territorio lombardo si stima siano presenti non meno di seimila cinghiali in particolare concentrati nelle province di Bergamo, Brescia, Como, Lecco, Sondrio e Varese e più di 4 mila nella zona appenninica della provincia di Pavia.
Dal 2004 al 2015 sono stati registrati oltre 6500 eventi dannosi alle produzioni agricole (dato che si limita ai danni denunciati) e a titolo di indennizzo sono stati erogati oltre 2 milioni e 500 mila euro (cifra basata sulle risorse disponibili, non sul danno prodotto).
La “gestione del cinghiale” avverrà «mediante prelievo venatorio e controllo nelle aree idonee e mediante controllo e prelievo venatorio di selezione nelle aree non idonee», dove la presenza dovrebbe tendere allo zero. Il “prelievo venatorio” potrà essere effettuato solo con licenza di caccia e ogni cacciatore abilitato alla “selezione” potrà fruire di 15 giornate di caccia aggiuntive rispetto a quelle già previste dalla legge regionale.
RECUPERO CAPI, RECINZIONI, SANZIONI
Quanto al recupero di animali feriti e carcasse, i capi abbattuti potranno essere consegnati ai centri di lavorazione selvaggina (CLS) o ad altre strutture autorizzate e parte dei capi potranno essere dati in “beneficenza alimentare”.
Inoltre nelle aziende faunistiche venatorie e agrituristiche potranno essere installate apposite recinzioni che ospitino cinghiali registrati con la finalità di allenare i cani da caccia. Sanzioni sono previste per chi immetta o detenga illegalmente cinghiali, per chi li allevi in strutture autorizzate ma violando le disposizioni vigenti e infine per chi venga sorpreso ad abbattere cinghiali senza autorizzazione.

OPINIONI  TRA “BUON SENSO”…
Per il consigliere regionale della Lega Nord, Emanuele Monti, si tratta di «una legge di buon senso che raccoglie l’appello lanciato da agricoltori e allevatori»: In provincia di Varese, in particolare in certe zone, i danni causati da questi animali «sono notevoli e non riguardano soltanto agricoltura e allevamento».
Per l’esponente del Carroccio, «una novità importante è quella legata al concetto di “densità obiettivo”, un parametro che stabilirà il numero di capi che possono esistere in una determinata zona, i cui criteri di calcolo verranno stabiliti in una fase successiva dalla Giunta Regionale».
…E «LUNA PARK PER I CACCIATORI»
Di tutt’altro avviso il consigliere del M5S Lombardia Giampietro Maccabiani, per il quale «ormai la Lombardia è come un gigantesco luna park per i cacciatori di cinghiali».
Da oltre 30 anni, a suo avviso, i cinghiali rappresentano un problema per l'ambiente, per gli agricoltori e anche per i cittadini. «I numeri parlano di circa 10000 esemplari stimati in tutta la regione. Negli ultimi 12 anni ne sono stati ammazzati in azioni di caccia quasi 43.000, vale a dire oltre quattro volte l'intera popolazione attualmente presente. La causa della presenza così numerosa della specie è legata principalmente alle immissioni illegali nell'ambiente legate al mondo venatorio, il quale non ha alcun interesse che il cinghiale scompaia, anzi!». 

Lombardia, ogni anno una giornata dedicata a gente e territori di montagna

L'assemblea regionale ha approvato la legge all'unanimità
Livigno (SO) Tramonto in direzione Svizzera, foto D. Cazzaniga

Da quest'anno nella prima domenica di luglio sarà reso omaggio ai territori e alla gente che vive e lavora in montagna. L'assemblea regionale, con legge approvata l'11 febbraio 2020 all'unanimità, ha istituito la Giornata regionale per le Montagne lombarde.
Il provvedimento, primo firmatario il presidente Alessandro Fermi e sottoscritto da tutti gli altri componenti dell’Ufficio di presidenza, ha preso spunto da un'iniziativa del 12 settembre 2019. Per approfondire temi e problematiche contenuti nel progetto di educazione e sostenibilità “Save the Mountains” promosso dal Cai di Bergamo, una cordata istituzionale, guidata da Fermi, era salita prima ai 1.906 metri della Malga Demignone, ubicata nella località valtellinese di Teglio, e poi al Rifugio Nani Tagliaferri, in Val di Scalve, che con i suoi 2.378 metri è il più alto delle Orobie.
Il territorio regionale lombardo, pari a 23.862 chilometri quadrati, è caratterizzato da una compresenza di aree montuose (40,5%), che, se sommate alle aree collinari (12,4%), rappresentano quasi il 53% della superficie complessiva, con ventitré Comunità montane istituite e riconosciute dalla Regione.
 Sulle montagne lombarde sono presenti oltre centocinquanta rifugi e circa ottocentosettanta malghe, imprescindibili punti di riferimento e di appoggio per chi attraversa i sentieri montani.
In termini di popolazione, la Lombardia supera di poco i 10 milioni di abitanti residenti, di cui quasi il 32% concentrata nelle aree montane. Il 28,6% del flusso annuo di turisti negli esercizi ricettivi lombardi interessa le località montane. Su undici siti Unesco lombardi, cinque sono localizzati in aree montane, dove si trovano anche otto parchi regionali montani di grande pregio ambientale e naturalistico.  

Banda ultra larga, fine dei lavori a gennaio 2021

Aggiornato lo stato di avanzamento del progetto in Lombardia – Entro fine estate 2017 via ai lavori in 10 cantieri pilota

Definite in Lombardia le prossime fasi attuative del progetto Banda ultra larga (Bul) e le caratteristiche del servizio offerto. La Open Fiber Spa si è aggiudicata per 303 milioni di euro la gara per l'infrastrutturazione e gestione di una rete in fibra ottica aperta dal bando pubblicato a giugno 2017.
La società, come ha reso noto l'assessora regionale Claudia Terzi, garantirà servizi nelle aree obbligatorie con performance decisamente superiori: 100Mbps (per tutta la popolazione) e 100Mbs (per tutte le sedi d'impresa e della pubblica amministrazione). «Inoltre, nelle aree facoltative (52 Comuni), caratterizzate da circa 700.000 unità immobiliari, dove invece non erano previste specifiche obbligatorie, sono stati offerti servizi come di seguito indicato: 100Mbps (per 200.000 unita' immobiliari) e 30Mbps (per 450.000 unità immobiliari, in tecnologia FWA (Fixed wireless access), il servizio wireless fisso ad uso privato che offre una connessione internet a 30Mbps)».

FASI DI ATTUAZIONE
Le fasi di attuazione del progetto sul territorio lombardo sono quattro e saranno avviate con cadenza semestrale. I lavori relativi ai comuni ricadenti nella Fase 1 inizieranno a cavallo tra dicembre 2017 e gennaio 2018. Per quelli relativi alla Fase 2, ci sarà l'avvio entro giugno 2018, Fase 3 gennaio 2019 e Fase 4 luglio 2019.
La fine dei lavori è prevista a gennaio 2021. Entro l'estate 2017, inoltre, inizieranno i lavori per i primi 10 cantieri "pilota". Le quattro fasi di attuazione prevedono rispettivamente: Fase 1: 73 Comuni; Fase 2: 193 comuni; Fase 3: 375 Comuni; Fase 4: 835 Comuni.
La buona riuscita del progetto è legata soprattutto alle tempistiche di rilascio dei permessi necessari per la posa della fibra ottica. Di qui un suggerimento dell’assessora Terzi alle amministrazioni locali. «Ai comuni – ha spiegato - è stato chiesto di sottoscrivere una convenzione con Infratel Italia, società di scopo del Ministero dello Sviluppo economico e stazione appaltante per le gare Bul sull'intero territorio nazionale. Tale convenzione non impegna l'ente locale dal punto di vista economico, ma richiede una collaborazione attiva da parte degli enti sottoscrittori nel facilitare i lavori di posa della fibra ottica sul proprio territorio». 

Acufene, interventi a favore di persone colpite

Le persone colpitee da acufene (fischio o ronzio costante nell'orecchio particolarmente invalidante) vengono seguite nelle strutture della Lombardia dotate di reparti di otorinolaringoiatria. Nel 2017 proseguiranno le iniziative per la messa in rete dei centri per le cure dell'udito.
Lo ha dichiarato il 4 luglio 2017 l'assessore al Welfare, Giulio Gallera, in risposta all'interrogazione di Angelo Capelli (Lombardia Popolare), che sollecitava una maggiore attenzione a questa patologia. 

Lombardia, via a telecamere in case di riposo e strutture per disabili

Il provvedimento regionale incentiva l’installazione con uno stanziamento di 1 milione e 400mila euro nel 2017

Disco verde del Consiglio regionale della Lombardia, il 14 febbraio 2017, alle telecamere di videosorveglianza nelle case di riposo e nelle strutture per disabili per prevenire furti e maltrattamenti. Il provvedimento, prima firmataria Elisabetta Fatuzzo (Partito Pensionati), è stato approvato a maggioranza. Si sono astenuti i rappresentanti di M5Stelle, Partito Democratico e Patto Civico (perplessità sul ricorso a una legge specifica), contraria Chiara Cremonesi, SEL (precedenza ad altri aspetti, a partire dal riconoscimento vero delle competenze fino ai rischi professionali).
L’installazione delle telecamere non è obbligatoria. Le strutture che decideranno di farvi ricorso potranno contare, quest’anno, su uno stanziamento complessivo pari a 1milione e 400mila euro. Un emendamento del Partito Democratico, recepito dalla relatrice, prevede una compartecipazione della Regione pari almeno al 50% della spesa complessiva.
FURTI E MALTRATTAMENTI
In Lombardia attualmente sono presenti 678 residenze sanitarie assistenziali per complessivi 57.853 posti letto a contratto (quelli per cui la Regione compartecipa al pagamento della retta). Il costo medio regionale della retta giornaliera è pari a 56,18 euro, con un costo minimo medio di 48,93 euro nelle RSA della provincia di Brescia e un costo massimo di 65,67 euro in quelle della provincia di Monza e Brianza.
L’incidenza maggiore di denunce per furti e maltrattamenti subiti dagli ospiti delle RSA lombarde si riscontra a Milano e nella cintura metropolitana, dove al 31 dicembre 2016 risultavano ricoverate 17.043 persone.
AREE E AUTORIZZAZIONE
Telecamere e circuiti di videosorveglianza potranno essere collocati solo in corridoi, sale d’attesa e altre aree comuni e per l’installazione sarà necessaria l’autorizzazione dei sindacati interni. A tutela della privacy, le immagini raccolte saranno criptate e l’accesso alle registrazioni sarà possibile solo su autorizzazione dell’autorità giudiziaria.
L’elenco delle residenze sanitarie assistenziali che si doteranno di sistemi di videosorveglianza sarà pubblicato sul sito della giunta regionale. Non ci saranno incentivi premianti ai fini dell’accreditamento. 

Condividi contenuti