Edizione n. 16 di mercoledì 25 aprile 2018

Verbania

Dal Sudafrica a Verbania Intra, ragazzi madrelingua per insegnare inglese

Dal 2013 il progetto Teacher Assistant ha coinvolto in Italia circa 100 scuole con ragazzi di lingua inglese, francese, tedesca e cinese

A Verbania Intra, da febbraio fino a maggio, la ventitreenne ingegnera sudafricana Cassandra Porrit affiancherà i docenti dell’Istituto Comprensivo nell'insegnamento della lingua inglese agli studenti. La teacher assistant è una dei trentatré giovani stranieri che hanno preso parte al programma promosso da Wep - l’organizzazione internazionale di scambi culturali e linguistici nel mondo – e dall’Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte.
Il Teacher Assistant Program è nato nel 2013 come progetto pilota e in Italia ha coinvolto in quattro anni più di 14.000 studenti e circa cento istituzioni scolastiche.
La collaborazione tra un'organizzazione privata e un'istituzione pubblica, insieme alla gratuità del progetto, è risultata vincente. Ragazzi madrelingua inglese, francese, tedesca e cinese affiancano per la durata di tre mesi gli insegnanti delle scuole primarie e secondarie di primo e di secondo grado, rafforzando il livello di apprendimento linguistico, senza gravare sulle spese delle istituzioni scolastiche.
ORGANIZZAZIONE
I teachers offrono agli alunni l’opportunità di entrare in contatto con un diverso approccio all’insegnamento e di conoscere in modo diretto curiosità e particolarità del Paese straniero di cui studiano la lingua. La loro selezione è affidata a Wep, mentre alle scuole spetta il compito di organizzarne l’ospitalità in famiglie.
«Nonostante la mia scelta di carriera non fosse legata all’insegnamento, ha dichiarato Cassandra, ho sempre voluto insegnare. Questo programma era perfetto perché mi avrebbe dato la possibilità di stare con i bambini, insegnare e viaggiare. Conoscere gente nuova, vedere nuovi posti e poter lavorare con i bambini durante la settimana erano i miei obiettivi quando ho deciso di partire!».
WEP è un'organizzazione internazionale al servizio dei giovani, che segue ogni anno circa 5000 ragazzi in partenza dall’Italia verso sessantacinque Paesi e in arrivo nella nostra penisola da tutto il mondo. I suoi programmi comprendono: soggiorni di gruppi scolastici durante l'anno (stage linguistici) o durante l'estate (vacanze-studio); corsi di lingua all’estero; programmi di lavoro, stage e viaggi solidali all’estero; i programmi High School per i ragazzi delle superiori per trascorrere un trimestre, un semestre o un anno scolastico all’estero; studi universitari all’estero, in Usa, Regno Unito, Canada e Australia. 

Verbania, “Mostra galeotta” a Villa Giulia con Artisti Dentro e il Tempesta

Villa GiuliaVerbania

Resterà aperta fino al 15 settembre a Villa Giulia di Verbania-Pallanza “Mostra galeotta, Artisti Dentro ”, a cura dell'associazione Artisti Dentro onlus di Milano. Esposti cartoline dipinte da detenuti e i quadri del pittore olandese Pieter Mulier il Giovane, detto “Il Tempesta” (1637-1701).
L'iniziativa, inaugurata il 22 luglio, ha il patrocinio della Città di Verbania e del Museo del Paesaggio. Due le sezioni.
Nella prima sono esposte cartoline dipinte da detenuti che utilizzano la pittura quale linguaggio universale, occasione di recupero e rinnovata comunicazione sociale; nella seconda si possono ammirare quattro quadri del pittore olandese Pieter Mulier il Giovane. Mulier nel 1679 fu condannato a vent'anni di prigione come mandante dell’omicidio della moglie.
Nesso stretto tra le sezioni è dunque l'esperienza della prigionia come anche il titolo scelto vuole evidenziare.

Le quattro tele con scenario naturale il Lago Maggiore sono state scoperte nel 2005 in una collezione privata italiana da Marcel Roethlisberger- Bianco, che le ha pubblicate nel 2008 indicandole come capolavorii della maturità del vedutista Mulier.
La qualità dei dipinti e la lettura di alcuni dettagli negli edifici e nel paesaggio fanno presupporre la conoscenza della pittura veneta e che i quadri ora a Villa Giulia siano stati realizzati nell’ultima fase creativa del pittore, tra 1685 e il 1701. Ormai libero, l'artista poteva viaggiare e lavorare tra Milano, il lago Maggiore, il Veneto e l’Emilia, ricercato da nobili committenti ed estimatori, compresi rappresentanti dei Borromeo.
Orari: martedì, mercoledì e giovedì dalle 15 alle 21 // venerdì, sabato e domenica dalle 11 alle 21.

Verbania, nelle stanze delle meraviglie Fili e Nodi di sette artiste milanesi

Yuko Full Size Render (1)

Martedì 3 aprile, dalle 17,30, inaugurazione a Verbania, in Villa Giulia, della seconda settimana di Wunderkammer. L'iniziativa, curata e organizzata da Marisa Cortese, porta nella città del Verbano un gruppo di artiste da Milano che spesso si sono incontrate in esposizioni in Italia o in giro per il mondo e volentieri fanno dialogare le loro opere. Per Wunderkammer hanno scelto un tema quanto mai congeniale a raccontarle, “Fili tra nodi e nidi”. Sono i fili delle relazioni quelli che interpretano, i nodi che, a volte, diventano modalità di paralisi, il nido come luogo accogliente ma che, in alcune situazioni, può essere percepito come pericoloso.
Oltre la curatrice del gruppo Antonella Prota Giurleo, espongono Gretel Fehr, Mavi Ferrando, Nadia Magnabosco, Marilde Magni, Micaela Tornaghi, Yuko Tsukamoto.
Fehr, di nazionalità tedesca, dopo gli studi artistici e di fotografia ha lavorato per note gallerie e esposto in diverse città (Istituto di cultura italiano a Chicago, Art Biennal Ankara, Sensualidad Artefiera di Monzon (Spagna), 13x17 Fuori Biennale di Venezia a cura di P. Daverio, Fuori Salone del Mobile di Milano, Triennale CRT Grafici su tela - Il sindacato Il lavoro Camera del Lavoro-Milano) ; Ferrando, genovese di nascita, architetto, scultrice, ha una approfondita carriera anche come organizzatrice di eventi; dal 1997 codirige lo spazio Quintocortile a Milano; è presente in Storia dell’arte italiana del ‘900 - Generazione anni quaranta di Giorgio Di Genova - Edizioni Bora. Magnabosco ha compiuto gli studi artistici fra Milano e Palo Alto in California, iniziando con la pittura e sperimentando poi le potenzialità di media diversi. E’ tra le fondatrici del gruppo Oltreluna (Milano 1993-2004) e si occupa del sito Storie di donne nell’arte. Magni ha utilizzato varie tecniche e sperimentato materiali di recupero inusuali trasformandoli in qualcosa di più ampio delle singole parti. Attualmente il mezzo tessile è uno dei suoi percorsi di ricerca. Prota Giurleo, artista e curatrice milanese, ha frequentato Brera e insegnato arte. Collabora con boek861.com e con le riviste Leggendaria e Noi donne; ha esposto a ogni latitudine e conduce laboratori anche nelle carceri. Tornaghi, artista e designer, realizza dipinti, gioielli, sculture e grandi installazioni. Dopo il Classico ha studiato Grafica, Design e Architettura al Politecnico di Milano. Tsukamoto nasce in Giappone, si laurea a Tokyo all’Università di Belle Arti di Musashino in pittura a olio e si specializza in litografia; in Giappone insegna arti plastiche, litografia; a Milano si laurea a Brera. 

Verbania, “Ricostruiamo il parco di Villa Taranto”

L’appello è stato lanciato da Paolo Pejrone al Salone del Libro Editoria & Giardini

A Verbania il 22 settembre, all’inaugurazione del Salone del Libro Editoria & Giardini, il fondatore dell’Associazione Italiana Architetti del Paesaggio, Paolo Pejrone, ha lanciato un appello per la ricostruzione del parco di Villa Taranto distrutto dal tornado del 25 agosto.
Il celebre architetto ha dato la sua voce a una causa cara non solo agli abitanti di Verbania, ma a tutti coloro che sono consapevoli del disastro abbattutosi sulla cultura, sulla bellezza dei giardini verbanesi, sul paesaggio e sul turismo. In campo è sceso anche il Fai (Fondo Ambiente Italiano), che ha avviato una raccolta firme per far rientrare Villa Taranto tra “I Luoghi del Cuore”. Il censimento nazionale, promosso in collaborazione con Intesa San Paolo, chiede ai cittadini di indicare i luoghi che vorrebbero fossero ricordati e conservati intatti per le generazioni future.
La catastrofe ha sconvolto giardini, ville, abitazioni, strade. Villa Taranto, uno dei giardini botanici più importanti d’Europa che ogni anno accoglie 130 mila visitatori, ha visto schiantarsi a terra oltre 300 alberi secolari.
Non meno gravi le conseguenze sull'Archivio di Stato. Lo scoperchiamento del tetto ha causato il bagno di metri e metri lineari di documenti. La direttrice Mora ha invocato l’aiuto di volontari e Il Magazzeno Storico Verbanese ha subito appoggiato l’appello, sollecitando la collaborazione ad asciugare «carte e dati storici unici e indispensabili alla conoscenza del territorio». 

Verbania – Stresa, a metà aprile la Lago Maggiore Half Marathon

L'undicesima Nexia Audirevi Lago Maggiore Half Marathon si svolgerà il 15 aprile 2018 lungo la litoranea piemontese del lago Maggiore tra Verbania e Stresa. Considerata tra le più panoramiche gare non solo italiane, è organizzata sotto l’egida della Federazione Internazionale Atletica Leggera, dell’Associazione Internazionale Maratone e Corse su Strada e della Federazione Italiana Atletica Leggera. È già possibile iscriversi all'evento seguendo le istruzioni che si trovano sul sito.  

Condividi contenuti