Edizione n.5 di mercoledì 13 febbraio 2019

Case vacanza Lombardia, obbligatorio il codice identificativo

La sua indicazione prescritta dal 1° novembre 2018

C'è ora anche in Lombardia una garanzia a difesa degli utenti di case vacanze. Dal 1° novembre 2018, è obbligatoria l'indicazione del Codice identificativo di riferimento per gli annunci di pubblicità, promozione e commercializzazione dell'offerta di case e appartamenti per vacanze, compresi gli alloggi o le porzioni di alloggi dati in locazione per finalità turistiche.
Il CIR è amministrativamente disciplinato dalla legge regionale n.7 del 25 gennaio 2018, che ha modificato la legge regionale n. 27 del 1 ottobre 2015 "Politiche regionali in materia di turismo e attrattività del territorio lombardo”. La norma è utile, oltre che per i turisti, anche per i Comuni, in quanto semplifica l'esercizio delle funzioni di vigilanza.
«La Lombardia - spiega l'assessora regionale al turismo Lara Magoni - è stata tra le prime regioni in Italia, in assenza di una chiara regolamentazione a livello nazionale del fenomeno, a delineare un quadro normativo chiaro e semplice per garantire concorrenza leale e legalità, a fronte della crescente disponibilità di case e appartamenti per vacanze sulle piattaforme on-line».